Emergenza S.E.A.: le esalazioni nelle case

2' di lettura 30/11/-0001 -
Dalle ore 19,00 del 3 Febbraio u.s. e fino a che non è stato possibile areare le abitazioni i residenti dei quartieri Villanova, Centro Nord, Stadio, Castelferretti, Fiumesino hanno respirato i pungenti miasmi sprigionatisi e diffusisi dall’azienda S.E.A (come comunicato dal TG Regionale).

da Loris Calcina
Comitato 25 Agosto


L’insopportabile olezzo è penetrato nelle abitazioni dei residenti, in particolar modo in quelle ai piani bassi.
Irritazioni agli occhi, alla gola, mal di testa: questi i sintomi accusati da moltissimi cittadini che hanno evitato di avventurarsi all’esterno delle propri abitazioni anche per un solo minuto.
Uscire significava essere “presi alla gola” da un fortissimo olezzo pungente che toglieva il respiro!

Ma il problema in più di questa grave emergenza è stata LA PRESENZA DELLE ESALAZIONI IN CASA!

Chi telefonava ai Vigili del Fuoco ed ai Carabinieri riceveva il consiglio di restare in casa con porte e finestre ben chiuse. Stesso consiglio è stato dispensato in strada da mezzi comunali e dei VV.FF. dotati di altoparlanti.

MA LA NECESSITÀ DI SOPRALLUOGO RICHIESTA TELFONICAMENTE DAI RESIDENTI ALMENO ALL’INTERNO DELLE ABITAZIONI AI PIANI BASSI DOVE LA CONCENTRAZIONE DELLE ESALAZIONI ERA MAGGIORE NON È STATA EVASA O RITENUTA DEGNA DI ATTENZIONE!

Così i residenti dei quartieri aggrediti si sono trovati tra l’incudine delle esalazioni introdottesi in casa ed il martello dell’irrespirabilità dell’aria esterna.
Nel quartiere Villanova è stato possibile areare le abitazioni alle 04,00 di questa mattina 4 Febbraio.

Per almeno nove ora i cittadini hanno dovuto respirare aria malsana nelle proprie abitazioni trasformate indebitamente in appendici dell’Azienda S.E.A.

Ci adopereremo in tutte le sedi affinchè la lesione degli elementari diritti di migliaia di cittadini non sia derubricato a mero “effetto collaterale”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 06 febbraio 2006 - 1131 letture

In questo articolo si parla di





logoEV