Torna la grande danza internazionale al Teatro Pergolesi

5' di lettura 30/11/-0001 -
Dopo le strabilianti coreografie acrobatiche della compagnia canadese Cirque Eloize in “Nomade” e le torride atmosfere del “Ballet de Cuba”, Pergolesidanza proporrà fuori dai percorsi della stagione di prosa tre nuovi balletti, in una entusiasmante sequenza di danze del mondo e di coreografie d’autore, da quelle di Mauro Bigonzetti per Aterballetto (giovedì 23 febbraio, ore 21), alla “Carmen” di Antonio Gades, in assoluto uno dei più grandi danzatori della storia del flamenco (martedì 9 maggio, ore 21), per chiudere con un innovativo progetto dedicato alle pizziche e alle tammurriate del sud Italia (13 maggio ore 21).

di Fondazione Pergolesi Spontini
www.fondazionepergolesispontini.com


Giovedì 23 febbraio alle ore 21 al Teatro Pergolesi di Jesi la compagnia reggiana Aterballetto presenta in anteprima il passo a due dal titolo Après midi d’enfants e un dittico, WAM e Cantata, tutti a firma del coreografo Mauro Bigonzetti, suo direttore artistico dal 1997. Della compagnia, formata prevalentemente da danzatori solisti di altissimi livello tecnico, da questa stagione sono entrati a far parte due giovanissimi jesini, Alice Bellagamba e Francesco Mariottini, che per la prima volta si esibiscono al Pergolesi con una compagnia di prestigio internazionale.

La serata si avvale del sostegno, in qualità di sponsor, di Simonetta ed Ottica Bellagamba. Après midi d’enfants, una produzione della Fondazione Nazionale della Danza, su musiche di Ludwig Van Beethoven e luci di Carlo Cerri, propone l’emozionante incontro danzato di due ragazzi che, come in un gioco, si scoprono, sentendosi, toccandosi, incontrandosi, scontrandosi. Un gioco di sensi che sfocia in una fisicità dirompente, quella necessità di contatto fisico che si perde nel tempo.

WAM, il titolo ad indicare le iniziali del nome di Wolfgang Amadeus Mozart, è un omaggio al compositore austriaco in occasione delle celebrazioni per i 250 anni dalla nascita. Su estratti presi da varie opere mozartiane come l'aria Voi che sapete da Le nozze di Figaro, gli Adagi dal Concerto per clarinetto e dalla Sonata per pianoforte K 332 in fa maggiore, il coreografo firma una creazione che, lontana dal biografismo narrativo, si concentra sull'ineffabile genialità del compositore austriaco e punta sulle prestazioni pianistiche dal vivo di Bruno Moretti. Le figure del padre, della madre, della sorella, che in qualche modo hanno segnato la vita di Mozart, appaiono e scompaio alla stregua di visioni; le luci di Carlo Cerri e i raffinati costumi di Maurizio Millenotti accentuano questa impalpabile e illusoria atmosfera.

Di disegno stilisticamente opposto è Cantata, uno dei grandi successi della compagnia, acclamato in Italia e all’estero come manifesto della creatività più corale e vivace di Bigonzetti. Profondo intreccio tra musiche del sud Italia e la danza, con la sua gestualità passionale e viscerale, il balletto rievoca una bellezza mediterranea e selvaggia. Attraverso una danza istintuale e vitalissima viene inscenato il rapporto uomo-donna: la seduzione, la passione, le schermaglie, la gelosia. Cantata è anche un omaggio alla cultura e tradizione musicale italiana, un lavoro popolare nel senso nobile del termine. Ci sono musiche italiane del ‘700 e dell’800, dalle ninne nanne alle pizziche salentine fino alle serenate napoletane, selezionati e interpretati dal vivo dalle quattro vivacissime musiciste di strada del gruppo musicale Assurd. I costumi sono di Helena Medeiros, le luci di Carlo Cerri.

Martedì 9 maggio alle ore 21, Pergolesidanza propone un evento esclusivo: dopo il nuovo allestimento al Teatro Romano di Verona nell’estate 2005, che ha rinnovato l’entusiasmo di critica e pubblico, torna – solo in cinque città italiane, tra cui Jesi – Carmen con la compagnia Antonio Gades. Lo spettacolo propone le coreografie dell’insuperato maestro del flamenco, recentemente scomparso, e la sua opera più famosa che ha girato il mondo. Creato da Gades nel 1983 assieme a Carlos Saura che ne ha tratto l’omonimo film, il mitico spettacolo costituisce un classico assoluto che, dopo più di vent’anni, conserva tutta la sua coinvolgente passionalità ed emozionante bellezza. Nella straordinaria compagnia di 18 ballerini e 6 musicisti e cantori, selezionati per lo più dallo stesso Gades, Carmen sarà interpretata da Stella Arauzo, che ricoprì questo ruolo già con il grande ballerino e coreografo spagnolo.

In chiusura di rassegna, la compagnia della danza Orkè presenterà CERCHIOeRONDA per tammurriate e pizziche dal Vesuvio alla Terra della Taranta. Si tratta di un nuovo progetto varato appositamente per Pergolesidanza, che debutterà in prima nazionale al Teatro Pergolesi il 13 maggio alle ore 21. Il cerchio e la ronda sono i luoghi in cui tradizionalmente si danza in Campania e nel Salento. Lo spettacolo accompagnerà il pubblico in un viaggio attraverso queste regioni assieme alle danze, alle musiche dal vivo, ai canti polifonici che evocano luoghi e riti arcaici. Dal Gargano al Salento, dal Vesuvio alla penisola sorrentina, i vari stili della tammurriata e i differenti tipi di pizziche e di tarantelle vengono proposte ora con interpretazioni fedeli, ora con esecuzioni innovative che prendono spunto dall’evoluzione della stessa tradizione. Uno spettacolo travolgente, che prevede momenti corali assieme ai partecipanti dei laboratori che si terranno a Jesi nel mese di aprile.

BIGLIETTI
Per l’Aterballetto, i costi dei biglietti sono questi: Platea Intero € 28 - Ridotto soci coop, tessere e over 65 € 23; Palchi centrali (posti di parapetto): intero € 25 - Ridotto € 22 - Promogiovani under 25 € 12; Palchi centrali (posti dietro) intero € 21 - Promogiovani € 12; palchi laterali (posti di parapetto) intero € 23 - Ridotto € 21 - Promogiovani € 12; palchi laterali (posti dietro) intero € 21 - Promogiovani € 12; loggione € 10. Per Carmen e Cerchio e Ronda, i prezzi dei biglietti verranno comunicati in seguito.

INFO_Fondazione Pergolesi Spontini
Biglietteria del Teatro Pergolesi dal martedì al sabato 9,30-12,30 e 17,00-19,30 (festivi e lunedì chiuso). Tel. 0731. 206888 fax. 0731. 224105





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 febbraio 2006 - 1149 letture

In questo articolo si parla di





logoEV