Castelbellino: un nuovo complesso edilizio ed uno spazio pubblico riconsegnato

30/11/-0001 -
Un’inaugurazione in grande stile per il “Nuovo Centro” di Castelbellino stazione. Un complesso di negozi, edifici, abitazioni e parcheggi. Un significativo intervento di riqualificazione urbana. Uno spazio pubblico recentemente riconsegnato ai suoi cittadini.

da in3 Comunicazione
www.intrecomunicazione.it


L’iniziativa è dell’Edilfac, impresa edile che da vent’anni mette in campo tenacia, passione ed esperienza. Dopo la benedizione del parroco del paese, il taglio del nastro, che molti inquilini hanno voluto come ricordo e porta fortuna, i discorsi ufficiali, fra cui quelli del sindaco del Comune di Castelbellino, Demetrio Papadoupolos e dei rappresentanti dell’Edilfac, sono state aperte le porte della piazza, da allora denominata “Largo 2 giugno” e di uno degli edifici.

Ad intrattenere gli intervenuti, oltre la mostra che ha svelato le varie fasi di lavorazione del Centro, l’esibizione di Lory G., giovane cantautrice marchigiana, recentemente salita sul palcoscenico di Rai Uno per la maratona Telethon, che ha riscaldato l’ambiente con canzoni R n’b e gospel natalizi. Sotto gli eleganti porticati del complesso anche uno spazio per il mondo del volontariato, con l’Avis, l’Admo e Telethon, per degli auguri solidali. Contorno dell’iniziativa un invernale buffet, con tanto di addetto alle caldarroste. E ai piccoli partecipanti la possibilità di tornare a casa con dei simpatici gadget a ricordo dell’evento.

Questo progetto – ha spiegato Sandro Faccenda dell’Edilfac – rappresenta un intervento importante di riqualificazione urbana, nato dalla collaborazione tra pubblico e privato. Un complesso concepito con l’idea di realizzare qualcosa di piacevole e integrato con l’ambiente circostante, che andrà a favorire l’intera cittadinanza”.


Il titolare dell'Edilfac Sandro Faccenda e il sindaco del Comune di Castelbellino Demetrio Papadoupolos al taglio del nastro.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 30 dicembre 2006 - 5836 letture

In questo articolo si parla di