Più controlli sul territorio con l'aumento dei Vigili Urbani

30/11/-0001 -
Con l’aumento del personale di polizia municipale sono stati intensificati i controlli dei vigili urbani nei quartieri più sensibili della città con pattuglie a piedi che presidiano il territorio offrendo quella percezione di sicurezza al cittadino che era stata richiesta a viva voce da molti residenti.

dal Comune di Jesi
www.comune.jesi.an.it


Si tratta di una prima serie di servizi da implementare presto con la riorganizzazione del corpo che, trasferendo ad altri uffici alcune mansioni di segreteria, permetterà di liberare ulteriori risorse umane in compiti operativi.

La presenza dei vigili in tali quartieri, oltre a mostrare una maggiore vicinanza dell’istituzione Comune ai cittadini, permetterà a questi ultimi di segnalare direttamente sul posto eventuali problematiche sia relative alla viabilità, sia ad altri aspetti della vita del quartiere per i quali è necessario un intervento dei tecnici comunali (come manutenzioni, illuminazione, raccolta rifiuti, ecc.) o di altri soggetti da sensibilizzare.

Nell’ambito di tale attività i vigili urbani ovviamente non perdono di vista il centro storico, per il quale hanno avviato recentemente sistematici controlli sui permessi auto per invalidi. Sempre più spesso, infatti, i veicoli che esibiscono tali tagliandi, si trovano a transitare o sostare nella zona a traffico limitato senza la presenza a bordo dell’invalido. La polizia municipale ha già ritirato alcuni di questi permessi cogliendo in flagrante parenti di persone invalide addirittura defunte. Ne è conseguita l’inevitabile denuncia all’autorità giudiziaria. I controlli sui permessi saranno effettuati anche con strumenti telematici che incroceranno i dati dell’anagrafe con quelli in possesso della polizia municipale per accertare la regolarità delle autorizzazioni al transito concesse.

A tal fine l’Amministrazione comunale invita i cittadini in possesso di permessi di transito per invalidi rilasciati a congiunti nel frattempo defunti di riconsegnare il tagliando e a tutti i parenti di invalidi a cui è stato assicurato il relativo permesso di utilizzarlo solo ed esclusivamente con il diretto interessato a bordo per non incorrere nelle pesanti sanzioni previste dal codice della strada.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 gennaio 2007 - 1224 letture

In questo articolo si parla di