Falconara: indagini serrate sull'omicidio di Castelferretti

30/11/-0001 -
Si sarebbe trattato di un omicio in piena regola, forse anche premeditato, quello di Maria Crescimbeni, la donna di 77 anni, trovata morta domenica sera, nella sua casa a Castelferretti, con un coltello in gola.



I carabinieri che stanno poreseguendo a ritmo serrato le indagini avrebbero scartato l'ipotesi dell'omicidio perpetrato a scopo di rapina dal momento che all'interno dell'abitazione della donna nulla è stato rubato.

La donna, che l'altra sera aspettava partenti a cena, viveva con una nipote di 25 anni, studentessa fuori sede alla facoltà di medicina dell'Universita di Ancona.

Proprio la nipote, al rientro a casa domenica sera, dopo aver suonato invano il campanello di casa, si era insospettita e pensando ad un malore, ed ha allertato i soccorsi.

I Vigili del Fuoco, che hanno aperto la porta di casa, sono stati i primi a trovare il corpo della donna che giaceva in una pozza di sangue. Nessun dubbio che si sia trattato di un omicidio anche perchè l'assassino, nella fretta di abbandonare il luogo del delitto, ha lasciato un'impronta sul pavimento ora al vaglio degli inquirenti.

I Carabinieri, che stanno indagando sul caso, per ora non scartano nessuna ipotesi nel tentativo di identificare quanto prima l'assassino cui la donna stessa avrebbe aperto la porta di casa. Apparentemente buoni anche i rapporti della donna con l'ex marito, Mario Ciccolini, di 80 anni, che spesso si recava a trovare la donna nonostante la separazione.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 23 gennaio 2007 - 1321 letture

In questo articolo si parla di