Ponte sul fiume Esino: inaugurazione il 27 gennaio

3' di lettura 30/11/-0001 -
La conclusione dei lavori realizzati dalla Provincia di Ancona e cofinanziati dall’Amministrazione comunale sul ponte del fiume Esino, in prossimità dello svincolo di Moie della statale 76, sarà celebrata sabato prossimo (27 gennaio) con la cerimonia del taglio del nastro alla quale interverranno autorità regionali, provinciali e comunali.

dal Comune di Maiolati Spontini
www.comune.maiolatispontini.an.it


Alle ore 11 è prevista l’inaugurazione ufficiale del ponte con la benedizione da parte del vescovo monsignor Gerardo Rocconi, che benedirà anche la nuova edicola votiva dedicata alla Madonna del Carmine posizionata dal Comune nel parco Martiri di Nassirija, nella zona adiacente al ponte. La manifestazione si sposterà alle ore 12 nella sala riunioni della nuova sede del Cis, in via Fornace a Moie, dove è previsto il saluto delle autorità. A prendere la parola saranno il presidente della Provincia Enzo Giancarli, l’assessore ai Lavori pubblici della Provincia Maurizio Quercetti, il presidente del Consiglio regionale Raffaele Bucciarelli, il sindaco di Maiolati Spontini Giancarlo Carbini e il sindaco di Castelplanio Luciano Pittori.

Il ponte, interessato dallo scorso luglio dai lavori di rifacimento e di ampliamento, è stato riaperto al traffico lo scorso 22 dicembre. In questo mese sono stati completati i lavori accessori e di rifinitura nella zona intorno al ponte e nell’alveo del fiume. L’inaugurazione sottolinea la riconsegna alla cittadinanza di un’opera estremamente importante per tutto il territorio, visto che il ponte si raccorda non solo con la frazione di Moie ma anche con la zona industriale e artigianale di Pozzetto di Castelplanio. Ma non solo. Oltre al collegamento con la superstrada, si realizza quello fra le due sponde dell’Esino, visto che il ponte accoglie il traffico che scende da Maiolati capoluogo, ma anche dai comuni di Monteroberto e Cupramontana attraverso la provinciale Boccolina, arteria di traffico anch’essa strategica nell’economia dell’intero territorio.

L’opera, realizzata nei tempi previsti, agevola sia il traffico normale, compreso quello pesante prima interdetto, sia il transito dei ciclisti e dei pedoni grazie alla corsia a loro riservata. “L’interesse ora – sottolineano il sindaco Carbini e l’assessore provinciale Quercetti – si sposta sullo sblocco dei lavori del raddoppio ferroviario: o meglio sulla conclusione dell’iter istruttorio del progetto generale con la chiusura della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale che proprio in questi giorni è all’esame dei competenti uffici della Regione e del Ministero. L’auspicio è che Ferrovie Italia proceda comunque allo stralcio per il completamento del nuovo collegamento con la superstrada che elimini il passaggio a livello e si raccordi non più all’altezza del cimitero di Moie ma nella nuova zona artigianale di Pozzetto di Castelplanio, ai confini con Moie. La realizzazione dell’opera dovrebbe essere affidata alla Provincia, mentre al Comune di Maiolati verrebbe delegata la realizzazione della nuova strada a sud di Moie: altra importante struttura per decongestionare via Risorgimento, l’arteria che attraversa la cittadina, che sopporta un eccessivo volume di traffico, soprattutto nelle ore di punta”.






Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 25 gennaio 2007 - 1518 letture

In questo articolo si parla di





logoEV