Chiaravalle: arrestati tre marocchini spacciatori di hashish

30/11/-0001 -
Era l'alba di lunedì 30 aprile quando i carabinieri della compagnia di Jesi hanno arrestato tre cittadini marocchini, in possesso di regolare permesso di soggiorno, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.



I tre ragazzi a bordo di una vettura di loro proprietà sono stati fermati allo svincolo del casello della A14 di Ancona Nord. I giovani in questione sono tutti operai. Si tratta di B.D, 33 anni, e F.A, 35 anni, entrambi con precendenti penali, e E.M 29 anni.

La pattuglia in servizio ha notato l'auto mentre usciva dal casello ed ha deciso di fermarla e di sottoporla a controllo, visto che risultava segnalata alle autorità come "vettura in uso a persone di interesse operativo". I militari hanno subito notato uno strano atteggiamento da parte dei tre ragazzi e dopo aver chiamato rinforzi, hanno immediatamente iniziato la procedura di perquisizione.

I militari hanno dovuto faticare non poco per riuscire a scovare la droga che i tre marocchini avevano abilmente nascosto nel condotto dell'aria, nel cruscotto e nella pedaliera, non raggiungibili se non dopo aver smontato alcuni pezzi dell'abitacolo.

La compagnia alla fine della perquisizione ha rinvenuto 15 panetti di haschish del peso di oltre 100 grammi l'uno, degli utensili atti al taglio e alla confezione della droga, 3 telefoni cellulari e denaro contante per il valore di 210 euro, il tutto ovviamente è stato posto sotto sequestro.

Dalle prime indagini risulta che la droga ritrovata era destinata ad essere spacciata al dettaglio nella zona della Vallesina ed avrebbe fruttato un ricavo per oltre 10 mila euro. I tre extracomunitari dopo le formalità di rito sono stati portati nel carcere di Montacuto di Ancona a disposizione dell' Autorità Giudiziaria.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 02 maggio 2007 - 1369 letture

In questo articolo si parla di