Chiaravalle: fermato in superstrada e derubato di 60.000 euro in oro

30/11/-0001 -
Pistola in pugno gli impongo l’alt in superstrada e gli rubano 60.000 euro in oro.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


Protagonista di questa disavventura da moderno assalto alla diligenza, Andrea Grassi, 30 anni, un rappresentante di preziosi che nel pomeriggio di giovedì è stato derubato della valigia di lavoro. All’interno tutto il campionario di bracciali e monili d’oro.

Attorno alle 14 di giovedì, mentre si trovava alla guida della sua automobile, percorrendo la strada statale 76 in direzione Ancona, il portavalori è stato affiancato da una Fiat Punto bianca. A bordo del veicolo, due uomini a volto scoperto che, armi alla mano e ben in evidenza, hanno minacciato da dietro il finestrino il professionista costringendolo ad accostare alla prima piazzola di sosta disponibile.

I due, stando ad una prima ricostruzione dei fatti, fornita dalla testimonianza dello stesso Grassi, sarebbero stranieri, probabilmente esteuropei. Il rappresentante, sotto la minaccia delle pistole ha consegnato loro la preziosa valigia. Un’operazione fulminea. Una volta conquistato il ricco bottino, i due rapinatori si sono dileguati a tutta velocità facendo perdere le loro tracce.

L’agguato è scattato all’altezza tra il casello di Monsano e quello di Chiaravalle. I Carabinieri della Compagnia di Jesi stanno indagando per ricostruire il quadro completo della vicenda e per individuare i due malviventi autori della rapina.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 02 giugno 2007 - 1191 letture

In questo articolo si parla di