Arena, soluzione vicina per i dipendenti a tempo determinato

3' di lettura 30/11/-0001 -
Spacca ha sottolineato l’impegno della Regione per consentire la ripresa produttiva e per dare certezze ai lavoratori.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it


Si è svolto nel pomeriggio di ieri un incontro tra la Regione Marche, i rappresentanti dell’”Avicola marchigiana” collegata al Gruppo Arena e le organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL per fare il punto della situazione dopo i tristi fatti accaduti ai primi di aprile allo stabilimento di Castelplanio.

La riunione è servita ad affrontare le questioni legate alla ripresa dell’attività dell’Azienda e quelle collegate all’applicazione della cassa integrazione in deroga per i 400 dipendenti a tempo determinato che non stanno percependo il salario da due mesi. Gli altri 190 dipendenti a tempo indeterminato stanno già godendo degli anticipi - erogati dall’impresa- sui futuri trattamenti di cassa integrazione.

Erano presenti, oltre al presidente della giunta regionale, Gian Mario Spacca, l’assessore regionale al Lavoro, Ugo Ascoli, il consigliere regionale Fabio Badiali, Tullio Melchiorri e Armando Petrarca per l’Avicola Marchigiana, i rappresentanti sindacali, i dirigenti e funzionari regionali dei servizi Lavoro e Politiche comunitarie.

Il presidente, Gianmario Spacca, dopo aver riassunto le linee d’azione condotte dalla Regione per la ripresa dell’attività - che vanno dall’utilizzo dei fondi comunitari per la riqualificazione e ricostruzione degli impianti, alle procedure avviate per l’applicazione degli ammortizzatori sociali in deroga - ha annunciato la creazione di un Fondo di Solidarietà regionale che possa supportare le prime fasi delle emergenze, attraverso un contributo in spese correnti alle attività produttive colpite da eventi particolarmente critici, come quelli accaduti a Castelplanio o più recentemente nel comune di Montegiorgio. Un intervento da considerare quindi destinato al rafforzamento della coesione sociale dei territori. Una previsione questa molto apprezzata dai Sindacati “perché andrà a sostenere in ogni caso il mondo del lavoro”.

Per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali in deroga a favore dei 400 lavoratori a tempo determinato che si trovano nella situazione più difficile, la soluzione sembra molto vicina. L’assessore Ugo Ascoli ha confermato il massimo impegno della struttura regionale per accelerare il più possibile i tempi di emissione del decreto ministeriale che con tutta probabilità potrà essere emesso la prossima settimana, consentendo così l’applicazione della cassa integrazione anche ai lavoratori a tempo determinato. Non appena approvato il decreto, in attesa dei tempi tecnici per le effettive erogazioni da parte dell’INPS, l’Azienda ha dichiarato la sua piena disponibilità ad anticipare le somme per la mensilità di aprile ai 400 lavoratori.

E’ stato poi affidato al tavolo tecnico già costituito presso la Regione e presieduto da Antonio Mastrovincenzo, responsabile della segreteria dell’assessorato regionale al Lavoro, l’elaborazione di un programma per la formazione, riqualificazione e innovazione tecnologica dell’Azienda da collegare ai Fondi comunitari. Nella prossima riunione del tavolo, il 15 giugno, si definiranno le linee programmatiche.

I rappresentanti dell’Azienda, Melchiorri e Petrarca , dando atto alla Regione e ai Sindacati dell’impegno e della sensibilità dimostrati in questa difficile vicenda, hanno entrambi sottolineato il rispetto degli impegni presi dall’Arena, sia riguardo ai tempi di ripresa produttiva sia con i lavoratori: il 14 maggio è ripartita la macellazione e dal 4 giugno altri reparti sono operativi, assicurando occupazione a 200 persone; da lunedì, compresi i lavoratori distaccati in altre sedi, sono al lavoro 340 persone e per il 16 luglio è annunciata la riattivazione di altre linee produttive.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 07 giugno 2007 - 976 letture

In questo articolo si parla di