L'Ulivo: populismo e antipolitica, il trasformista Melappioni

30/11/-0001 -
Oggi, Melappioni riceve l’appoggio ufficiale di Forza Italia, nel cui programma ci sono, per ammissione dei dirigenti locali di FI, Cesaroni e Montali, numerosi punti programmatici in comune. Un appoggio quello di Forza Italia che non si limita ad una semplice dichiarazione, ma che vede il partito di Berlusconi mobilitarsi in una vera e propria campagna di sostegno a favore di Melappioni.

dall'Unione


Basti pensare alle telefonate che molti cittadini hanno ricevuto oggi a nome a nome del Consigliere Regionale di FI Cesaroni, che invitava a votare per il nuovo campione degli azzurri.
L’ex assessore regionale Augusto Melappioni per tutta la campagna elettorale ha ribadito di presentarsi nell’ambito del centro sinistra. Oggi, dopo l’arrivo di questo nuovo alleato ha ancora il coraggio di definirsi tale? Qualcuno può onestamente sostenere che il partito di Berlusconi appoggerebbe un candidato di centro sinistra?

Chi si rende protagonista di un’operazione politica ambigua come questa non ha titoli per presentarsi come il nuovo. D’altronde Melappioni per anni ha avuto responsabilità e ruoli rilevanti nella politica locale e regionale e mai si è fatto promotore di alcuna battaglia per il rinnovamento del partito entro le cui fila ha militato e da cui ha ricevuto importanti gratificazioni politiche.
Oggi afferma che almeno nel 97% dei casi non dovrebbe essere prevista la ricandidatura del personale politico uscente. Regola che potrebbe certamente aiutare un necessario ricambio della classe politica ma che contrasta con la storia personale dello stesso Melappioni, entrato in conflitto con i DS nel momento in cui non ha ottenuto la terza candidatura in Consiglio Regionale.

Sulla Sinistra giovanile

E che dire dei sedicenti Democratici di Sinistra e della sedicente Sinistra Giovanile, tutti schierati a sostegno di Melappioni? Hanno scritto una lettera aperta al segretario nazionale dei DS, Piero Fassino, che domani sarà a Jesi per sostenere la candidatura di Fabiano Belcecchi. Affermano di essere saldamente ancorati al centro sinistra ma si dimenticano di spiegare come questa loro collocazione politica si possa conciliare con il sostegno esplicito, pieno e totale di FI al loro candidato. Come potranno spiegare a Fassino la presenza di questi ingombranti “compagni” di viaggio? Forse per loro anche questo fa parte della “nuova” politica.

Queste elezioni hanno certamente mostrato che vi è un esigenza forte di rinnovamento della politica. Un’esigenza a cui noi pensiamo si debbano dare risposte serie e non demagogiche lavorando per una riforma del sistema politico e dei partiti. È anche per questo, che Democratici di Sinistra e Margherita hanno deciso di avviare il processo di costituzione del Partito Democratico, che dovrà essere una forza politica nuova e innovativa capace di mobilitare la partecipazione e l’impegno anche di quanti oggi sono lontani dalla politica.

Un rinnovamento che l’Ulivo ha già iniziato a realizzare, con una lista senza capi che consentirà di eleggere persone autorevoli e capaci per la prima volta entreranno in consiglio comunale. Lo stesso non può dirsi per le liste di Melappioni che vedono al suo interno personaggi di lungo corso della politica.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 08 giugno 2007 - 1599 letture

In questo articolo si parla di


Anonimo

08 giugno, 15:16
Preferisco credere ad una "Grosse Koalizionen" in salsa iesina: sarò ecessivametne ottimista? Sarà forse una nuova prova di "assegnamento poltrone"?<br />
Sarà, ma io ringrazio il cielo di non essere elettore iesino, soprattutto se la domenica avrà il tempo di oggi.<br />
Buona fortuna ad eletti ed elettori!<br />
<br />
--Daniele_Sole

Anonimo

08 giugno, 16:18
Sufficiente evitare di credere che chi scrive queste cose... probabilmente Animali o Lasca e relative segreterie rischiano veramente grosso qualora fallissero.<br />
<br />
Fine carriera politica e fine soldi, dato che alcuni di essi fanno della politica l'unica fonte di guadagno e questo fa pensare molto su quanto malato sia il Partito dell'Ulivo.<br />
<br />
Se poi vogliamo parlare di interessi personali, non vi preoccupate da prima o poi saranno rese note le mille promesse fatte dall'attuale giunta ai propri sostenitori, intendo promesse personali, di impieghi e di lavori.<br />
<br />
Se poi vogliamo dare retta a chi dice delle .... presunte.... telefonate a coloro che hanno fatto osservazioni al PRG con la promessa di accoglierle in caso di rielezione, si capisce dove è il vero male.<br />
<br />
Sono disperati e per vincere ammettono di aver provato qualunque cosa, lo ammettono loro e lo ammette il partito provinciale. Provate a chiedere.<br />
<br />
In fondo solo chi è dentro la Partitocrazia malata continua a vedere destra e sinistra, accordi sotto banco e non parlare di programmi ... di fronte ad un processo nuovo e una scommessa apartitica di questo tipo.<br />
<br />
La cosa bella è che lo AMMETTONO.<br />
<br />
Hanno dimostrato tutta l'abilità e la potenza della politica scorretta e marcia, la cosa divertente è che il cambiamento è già in atto e non possono più farci nulla.<br />
<br />
Queste persone non lo sanno ma sono alla loro ultima esperienza politica.<br />
<br />
Grazie Augusto.<br />
<br />
--Uno che pensa.