Chiaravalle: Favi respinge le accuse della mozione contro l’antenna della Sic1

30/11/-0001 -
“Emissioni minimali e il regolamento parla di altro”. Passa al contrattacco l’assessore all’Ambiente Davide Favi e respinge le accuse della mozione contro l’antenna della Sic1 posizionata sulla torre del palazzo comunale di via Risorgimento.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


L’ordine del giorno bipartisan, firmato dai Franco Favilla (Prc), Ivano Rocchetti (Idv), Ennio Mencarelli (An) e Andrea D’Ascanio (Nuova Dc) punta infatti a revocare la concessione all’antenna wireless per via di un ipotizzato mancato rispetto dell’iter procedurale e per dissonanze con il Prg che, per la zona, non prevede installazioni di antenne.

“Il Prg – spiega Favi – si riferisce ad antenne per la tele e radio diffusione e per la telefonia mobile. I sistemi wireless sono un’altra cosa, hanno potenze veramente minime e direzionali specifiche”. I rilevamenti dell’Arpam, interpellato a scopo precauzionale, hanno comunque dato buon esito rispetto al limite di emissioni consentite per legge. La Sic1 si occupa di telefonia e web a banda larga nei comuni non raggiunti dall’adsl. Una rete “senza fili” che unisce 32 comuni in tutta la Provincia di Ancona. Le antenne chiaravallesi, per fare un esempio, sono posizionate in direzione di Monte San Vito e Camerata Picena. Proprio attraverso la banda larga, partirà a breve il progetto A9.CittàSicura.

Stasera alle 21,30 presso la sala ex-Cral di piazza Garibaldi si terrà infatti un’assemblea pubblica per presentare il progetto di controllo del territorio attraverso apparati collegati tra di loro e con le Forze dell’Ordine ed in grado di raccogliere informazioni ed elaborarle in tempo reale per prevenire furti, rapine, atti vandalici ed aggressioni, ma anche viabilità, gestione dei parcheggi, eventi naturali.

Un sistema che attraverso telecamere, sensori acustici, termici e sismici acquisirà l’informazione di un evento e allerterà in tempo reale una centrale operativa in grado in intervenire. Dopodomani, invece, la discussione in consiglio comunale con i quattro consiglieri pronti a dare battaglia.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 27 giugno 2007 - 1363 letture

In questo articolo si parla di