Per l’Interporto arrivano 15 milioni di euro da qui al 2013

30/11/-0001 -
E’ l’impegno economico della Regione Marche contenuto nel Por per il potenziamento di quella che è destinata a diventare la piattaforma logistica regina delle Marche. Un gran giornata per Interporto quella di sabato: la riunione congiunta della Giunta regionale e del Cda arriva nel giorno della consegna delle opere realizzate del 1’ lotto funzionale.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


“Siamo contenti – ha detto il governatore Spacca – dell’impegno di Pesaresi e dell’azione efficiente del Cda che consentirà di raggiungere gli obiettivi di una più efficace funzionalità dei trasporti gomma-ferro, delle integrazione tra porto e aeroporto, quest’ultimo invitato ad aumentare l’attività cargo. Interporto può governare questi flussi”.

L’impegno per Interporto ora passa dalla gestione dell’appalto a realizzare l’allaccio ferroviario, a terminare l’urbanizzazione, trovare investitori e investimenti per realizzare i 40mila mq già previsti nell’opera, “entro la fine del mandato di questo Cda” promette il presidente Roberto Pesaresi. Nei prossimi due anni Anas investirà 20 milioni di euro per uno svincolo alla statale 76. La Regione farà altrettanto per aeroporto (10 milioni) e porto (5 milioni). In più il progetto Quadrilatero, definito da Spacca “un asse fondamentale”. Sinergie per un modo nuovo di concepire il trasporto con un Interporto in collegamento con tutta l’Italia Centrale. Dal comune di Jesi invece si attende l’approvazione della variante al Prg per costruire fino a 100 mila mq di superficie coperta.

“La realizzazione dell’interporto – ha aggiunto Spacca – vuole mettere fine ad una dissociazione che penalizza le possibilità di crescita del nostro territorio: nell’ambito dei primi 50 poli produttivi del paese, la Regione Marche ne possiede ben 9, mentre nei 50 sistemi logistici neanche uno. Oltre che azionisti – ha concluso - siamo dei forti sostenitori del trasporto integrato ferro-gomma che riduce i costi e l’inquinamento ambientale”.

Secondo l’assessore alle Infrastrutture Loredana Pistelli “Interporto Marche è un nodo fondamentale nella logica territoriale di integrazione con altre infrastrutture – ha detto l’assessore alle infrasttuture - ed è importante lavorare in sinergia con porto ed aeroporto. A tal proposito rispetto al progetto europeo del programma "Marco Polo" dedicato al trasporto combinato, abbiamo indicato a regione Lazio e regione Umbria come Interporto Marche spa sia il capofila ideale ed in tale direzione ci stiamo adoperando nella logica della valorizzazione del trasporto integrato nella nostra regione”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 30 giugno 2007 - 940 letture

In questo articolo si parla di