Falconara: i Verdi escono dalla maggioranza comunale

2' di lettura 30/11/-0001 -
“Non condividiamo più la gestione del Sindaco Recanatini, che da un anno porta avanti scelte che squalificano Falconara con la giustificazione delle condizioni economiche disastrose del Comune, evitando un confronto democratico con la popolazione e con le forze politiche, senza un progetto per migliorare Falconara”.

dai Verdi Falconara


Dalla rinuncia alla “Squadra Rialzo”, all’Urbanistica vista solo come cattura di risorse gestite privatamente dal Sindaco a spot , senza coinvolgimento dell’assessorato e della maggioranza in continuità acritica con il progetto del Sindaco Carletti.

Aree come la Montedison, le Poiole , la Gabella ,Villanova ecc. gestite personalmente con la collaborazione dei Dirigenti della precedente fallimentare Giunta. Senza mai attivare la partecipazione democratica dei cittadini a questa discussione sulle scelte per Falconara…… alla faccia dei programmi elettorali! :dalla squadra Rialzo, al Porto, dal Piano Regolatore alla cessione delle scuole, dal personale precario al CAM, dalla situazione economica all’API e alla Quadrilatero. La nostra legittimazione viene dai cittadini e con loro vogliamo confrontarci preventivamente sulle scelte per Falconara e con loro costruirle.

Questo percorso è stato osteggiato dal Sindaco e da parte della maggioranza, questo motivo ci porta ad uscire da un governo della città chiuso nelle sue stanze e ritornare a fare politica nei luoghi della città con e per i cittadini di Falconara. Ultima questione la Quadrilatero su cui si è preso atto della non condivisione politica con le scelte e il metodo di governo del Sindaco Recanatini. Per un anno la proposta Quadrilatero, di catturare 9 milioni di euro dall’area Aeroporto lasciandoci solo 2,8 milioni (di cui 1,7 da restituire entro due anni) è stata considerata indecente.

Per noi Verdi oltre ad essere una brutta vicenda economico-politica, è un pessimo affare per Falconara, annulla il senso di pianificazione urbanistica e volgarizza ogni discussione sul Territorio. Il sindaco Recanatini ha rincorso l’adesione come una missione da compiere. Il 28 giungo il Sindaco ha inserito i fondi della Quadrilatero per risanare il deficit del consuntivo 2006, dietro pressioni della Regione, dei DS e della Margherita (autori del dissesto economico di Falconara) e di Rifondazione Comunista. Una nuova maggioranza che non ha voluto accettare le alternative proposte da noi, PDCI e Sinistra Democratica, ed ha posto invece il ricatto del Commissariamento e del taglio dei servizi.

Non condividiamo la scelta della Quadrilatero e la gestione politica del Sindaco Recanatini in questo anno di legislatura che ci ha visto sempre propositivi e responsabili, da ultimo la nostra astensione al bilancio consuntivo, che non era per salvare la poltrona, ma i servizi alle persone deboli, per questo coerentemente lasciamo libera la poltrona dell’Assessore Verde, per fare una opposizione propositiva e critica.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 03 luglio 2007 - 1141 letture

In questo articolo si parla di





logoEV