Falconara: i comitati cittadini scrivono a Brunelli

30/11/-0001 -
Le scriventi associazioni intendono esprimerLe viva e sincera gratitudine per tutto ciò che ha tentato di fare come Assessore all'Urbanistica e all'Ambiente del Comune di Falconara M.ma per difendere il territorio dalle nuove, voraci e dissipatorie aggressioni industriali, infrastrutturali ed urbanistiche che potrebbero mettere a repentaglio salute ed ambiente.

dai Comitati Cittadini
www.comitati-cittadini.net


Era questo ciò che Le avevamo chiesto invitandola a candidarsi nel 2006, entrambi consapevoli del pesante deficit democratico sedimentato con la precedente Amministrazione e che andava superato senza esitazione.

Le chiedemmo di candidarsi perché avevamo visto che si era distinto per capacità professionale, di ascolto dei cittadini nonché per capacità di individuazione delle criticità e delle possibili soluzioni nel territorio falconarese e, infine, perché avevamo capito che Lei poteva prestarsi provvisoriamente alla politica soltanto per passione civile.
Lei, che aveva accettato questa sfida perché aveva toccato con mano la passione ed il radicamento dell'agire dei comitati, delle associazioni e dei centri sociali con i veri problemi dei cittadini e del territorio, ha confermato la nostra fiducia e si è battuto senza risparmio per questi obbiettivi, non solo per noi, ma per l'intera cittadinanza.

Se potessimo tornare indietro rifaremmo ancora la stessa proposta ma faremmo in modo che il nostro voto non sostenga la stessa gente che oggi continua a governare Falconara e che non le ha dato alcuna possibilità di avviare progetti e interventi territorialmente ed ambientalmente saggi.

Gli odierni Amministratori hanno propagandato la partecipazione dei cittadini ma oggi hanno ampiamente dimostrato di non crederci e quindi, per essi, potrebbe valere la battuta del famoso Primo Ministro inglese Winston Churchill: "il miglior argomento contro la democrazia è una conversazione di cinque minuti con l'elettore medio!". Ma questi Signori di centro sinistra in Giunta comunale sono riusciti a superare a destra il conservatore Churchill, spesso evitando anche quei cinque minuti!

Come dimenticare l'intervento delle Forze dell'ordine in due Consigli comunali in cui i cittadini "osavano" partecipare o l'allontanamento dei cittadini dal Consiglio comunale in cui i dirigenti dell'API sono stati invitati dal Sindaco a relazionare su elementi conseguenti ad reato che li vede indagati dalla Magistratura?
Questi Amministratori non hanno capito che se i cittadini si avventurano a prendere la parola in assemblee che, formalmente, non lo prevedono è perché i governanti hanno già ampiamente mortificato e svilito la partecipazione e il confronto democratico!

Ecco la ragione perchè sull'idea di spiaggia e approdo scaturito dalla progettazione partecipata tra i residenti di Villanova il Sindaco Recanatini non si è degnato di confrontarsi con i residenti di Villanova.
Né ottenemmo "udienza" dal Sindaco e dall'Assessore alla Cultura Lodolini quando come comitati e centri sociali chiedemmo un confronto sulla ex Officina squadra rialzo delle ferrovie nè quando chiedemmo la possibilità di organizzarci concerti.

Come dimenticare, Arch. Brunelli, il totale isolamento in cui l'intera Giunta l'ha lasciata confrontare (fruttuosamente, per altro) con i cittadini sul contratto di quartiere Villanova-Falconara Nord!
O come la stessa Giunta ha ignorato la scelta unanime e sottoscritta dei residenti di Villanova per acquistare la ex Officina squadra rialzo delle ferrovie con il denaro della Regione Marche per il contratto di quartiere?

E sulla problematica del porto? Lei, Arch. Brunelli, fu il solo a confrontarsi con la cittadinanza di Falconara e rimarrà indelebile l'immagine del Vicesindaco e Assessore Piccinini che non la affiancò al tavolo dell'Amministrazione ma scelse di sedersi – particolarmente ilare - negli ultimi posti della affollata platea.

E l'operazione avviata per l'acquisizione della ex-caserma Saracini, senza che il Comune debba tirare fuori soldi? Che fine farà… la stessa della ex Officina squadra rialzo?
E il sapiente lavoro per ostacolare il mostro del by-pass ferroviario API?

Che dire, infine, della defezione della Giunta (ad esclusione di Lei, Arch. Brunelli e dell'Assessore Impiglia a titolo personale) dalla assemblea pubblica nel quartiere Villanova per chiedere lumi sul destino del Contratto di quartiere alla luce del bilancio consuntivo?
Ci chiediamo come mai l'Assessore alla Partecipazione Marcelli Flori scelse di disertare l'incontro con i cittadini di Villanova. Forse si sentiva talmente risentito sulla scelta e giustificata astensione elettorale alle elezioni provinciali suggerita da comitati e centri sociali da dimenticare che, anche se non sono tutti simpatici, il suo compito è discutere e confrontarsi con tutti i cittadini altrimenti deve cambiare "mestiere" oppure promesse elettorali!

Adesso senza di Lei, Arch. Brunelli, vediamo una Giunta Recanatini molto simile ad un "Carletti bis"! Un vero deserto politico nel quale, probabilmente, riuscirà a crescere qualche frutto indigesto che non era riuscito a maturare con l'ex Sindaco Carletti.
Se sarà così la Falconara della povera gente finirà stritolata definitivamente dalle fauci ingorde dei "potenti"!

Arrivederci alle prossime e vicine battaglie, Arch. Brunelli.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 06 luglio 2007 - 1004 letture

In questo articolo si parla di