Gola della Rossa e Frasassi: esempio di salvaguardia della biodiversità

30/11/-0001 -
Sorpresa inaspettata in un piccolo ricovero per animali da cortile di un azienda agricola di Monte Murano (Serra San Quirico) nel cuore del Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi.

da C. M. Esino Frasassi


Nottetempo, un esemplare di Tasso è riuscito ad entrare nella baracca adibita a ricovero causando il decesso di una ventina di capi da allevamento, per lo più galline e oche. Al termine del blitz, però, l’animale rimaneva intrappolato nelle strutture in legno del serraglio sino all’alba.

Cosi, come tutte le mattine alle 6 i proprietari Franco e Alfio Brega, si sono recati ad aprirne la porta e hanno trovato l’animale vivo, ma riverso in un angolo e incastrato nei legni della baracca.

Sia pur con il cuore infranto per il danno subito, i signori Brega, avvertivano telefonicamente gli organi veterinari preposti ad accertare l’accaduto e insieme agli agenti GuardiaParco. L’animale veniva liberato dalla morsa che egli stesso si era creato, controllato nella sua efficienza fisico motoria dal veterinario, e successivamente trasportato e liberato in un luogo sicuro non lontano da dove trovato. I veterinari intervenuti hanno dato immediato avvio alle procedure per il recupero del danno.

Da questa gente di montagna, Alfio, Ugo, Mario e Franco Brega, storici allevatori, dagli organi di controllo veterinario intervenuti, dagli agenti GuardiaParco un piccolo grande esempio di come sia a cuore a tutti la salvaguardia ed il mantenimento della biodiversità di questi luoghi.






Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 luglio 2007 - 1299 letture

In questo articolo si parla di