Falconara: furto di sigarette da 3000 euro

30/11/-0001 -
Una spaccata fulminea che frutta 3000 euro di bionde. A farne le spese ancora una volta lo snack bar del distributore Api nel tratto falconarese della statale 76 in direzione Roma. Il fatto è accaduto ieri mattina attorno alle 3. Ad agire 4 uomini, di cui solo 3 a volto coperto.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


A bordo di una Fiat Punto di colore bianco, con la quale hanno buttato giù la vetrina, i ladri sono penetrati all’interno del locale e, mentre l’allarme già suonava hanno raccolto quanto più bionde possibile prima di dileguarsi.

Ripulito anche il registratore di cassa che conteneva monete per circa 200 euro. Le fotocellule installate all’interno del locale hanno fatto scattare l’allarme: telefonate automatiche a casa del titolare, ai carabinieri e ad un istituto di vigilanza privata. In appena cinque minuti tutti sono sul posto ma nel piazzale del distributore non c’è più nessuno.

Solo dalla visione delle riprese effettuate dalle telecamere a circuito chiuso è stato possibile chiarire la dinamica della spaccata. Ora le immagini sono a disposizione degli inquirenti che attraverso queste cercheranno di risalire agli autori del furto. Non si esclude la presenza di un quinto uomo al volante del mezzo.

Non è la prima volta che lo snack bar subisce episodi del genere. Lo scorso 13 giugno, un colpo del tutto analogo a quello messo in atto ieri, fruttò ai malviventi 5000 euro tra sigarette e alcolici. Un particolare fa supporre al titolare che dietro questa nuova azione ci possa essere la stessa mano.

L’altra volta – spiega l’uomo – i ladri avevano rovistato nello scaffale, non riuscendo a portare via tutti i pacchetti. Stavolta invece sapevano come muoversi”.

I pacchetti, infatti, sono distanziati l’uno dall’altro da piccoli divisori di plastica. I ladri per fare prima hanno estratto i ripiani per poi gettarli a terra e raccogliere dal pavimento il bottino, più magro rispetto al precedente, solo perché stavolta il tabacchi era meno fornito.






Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 21 luglio 2007 - 1139 letture

In questo articolo si parla di