Rivoluzione in vista per la sosta a pagamento del centro storico

30/11/-0001 -
Niente più grattini da acquistare negli esercizi pubblici, ma introduzione dei parcometri e controllo affidato agli ausiliari del traffico.

dal Comune di Jesi
www.comune.jesi.an.it


È stato infatti pubblicato il bando (scadenza il prossimo 28 agosto) con cui l’Amministrazione comunale affiderà l’appalto per la gestione dei cosiddetti “parcheggi blu” che avrà durata triennale e che sarà operativa entro l’anno. Il progetto interessa ben 583 posti auto dislocati intorno alla cinta muraria, compresi gli 80 di piazza Mercantini che dovrebbero essere disponibili all’inizio del 2008.

I parcometri, come noto, sono apparecchiature fisse che emettono il tagliando per regolarizzare la sosta.

Verranno dislocati in tutte le vie e le piazze dove si trovano i parcheggi: funzionanti con monete, offrono una maggiore flessibilità temporale rispetto ai tradizionali grattini di un’ora e mezzora, e dunque il cittadino potrà beneficiare sia di soste brevi, sia di soste prolungate, pagando effettivamente solo il tempo utilizzato.

La tariffa oraria sarà pari a 1,20 euro, con un importo minimo di 30 centesimi pari ad un quarto d’ora di sosta autorizzata.

Prevista anche la distribuzione di tessere pre-pagate.
Inserendole nel parcometro, l’utente potrà stabilire la durata della sosta e l’importo da addebitare, liberandolo dall’assillo di portarsi dietro monete spicce. Le tessere pre-pagate saranno vendute da esercizi pubblici autorizzati.

La manutenzione dei parcometri sarà a cura della ditta aggiudicataria che dovrà garantire il funzionamento dei macchinari con verifiche periodiche e costanti.
Analogamente a quanto avviene ora, le fasce orarie in cui è previsto il pagamento nei parcheggi blu saranno dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, con esclusione dei giorni festivi.

A controllare la regolarità della sosta nella zona blu saranno gli ausiliari del traffico, una figura già presente in molte città e che verrà introdotta anche a Jesi ed il cui personale sarà assunto a cura della stessa ditta aggiudicataria dell’appalto.

La loro presenza garantirà due vantaggi: da un lato assicureranno un ordinato controllo della sosta di chi parcheggia nella zona blu, dall’altro libereranno i vigili urbani da tale mansioni consentendo un servizio sul territorio più ampio e dunque più diffuso anche nei quartieri periferici.

Una opportunità, questa, che si integra con la decisione dell’Amministrazione comunale di ampliare comunque la dotazione organica della polizia municipale, al fine di garantire una maggiore presenza nelle molteplici attività a cui i vigili sono chiamati, non ultima la sinergia con le altre forze dell’ordine nell’ambito del protocollo sulla sicurezza concordato con la Prefettura.

L’avvio dell’introduzione dei parcometri sarà pubblicizzata a cura della ditta aggiudicataria mediante depliant che indicheranno le aree di parcheggio interessate, orari e tariffe, le modalità di funzione del servizio e l’opportunità delle tessere pre-pagate.

L’operazione, oltre a disciplinare in maniera più regolare la sosta a pagamento assicurerà anche benefici economici al Comune di Jesi.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 23 luglio 2007 - 1266 letture

In questo articolo si parla di


michele

22 luglio, 18:06
Non ho parole.<br />
Nel 2007 per parcheggiare sarà necessario portarsi dietro le monetine come nel medio evo.<br />
In tutte le città civili i parcometri funzionano anche con la carta di credito, garantendo davvero flessibilità nei tempi di parcheggio e comodità. A Jesi quanto dovremo aspettare?