Bucci attacca sulla cultura, Belcecchi si difende

1' di lettura 30/11/-0001 -
Tre quarti d’ora di ritardo, afa a non finire contrastata senza troppa efficacia da sei ventilatori e discussione che supera l’orario di cena. E’ il secondo consiglio comunale jesino del dopo elezioni.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


Diciannove punti all’ordine del giorno. Tra gli altri anche le interrogazioni di Rifondazione, fuori dall’esecutivo fino a data da destinarsi.

Achille Bucci (Rc) attacca sulla cultura e sui dirigenti. Il sindaco Fabiano Belcecchi si difende bene. Per JesiEstate spiega che il programma è stato ridimensionato un po’ per scelte politiche e un po’ per l’accavallarsi del periodo con le elezioni ma, assicura “entro la prima settimana di agosto presenteremo alcune iniziative frutto di collaborazione con privati, circoscrizioni e associazioni”. Ancora, non potendo utilizzare l’Appannaggio per il cinema all’aperto, una mini rassegna cinematografica sarà presentata nel cortile della scuola media Savoia. Più le 4 tappe del Monsano Folk Festival, più altre iniziative che saranno presentate a giorni. E niente non è.

Sui dirigenti – Bucci chiedeva lumi sul perché del rinnovo a direttore generale e lavori pubblici – il sindaco ha precisato che si è trattato di un rinnovo generale in attesa di verifica sugli obiettivi raggiunti. Stesso dicasi per tutti gli altri dirigenti, scelti tra il personale di ruolo interno. Appuntamento quindi rimandato al 31 dicembre per testare l’operato della dirigenza con tanto di passaggio in commissione consiliare, cosa questa che non è dispiaciuta affatto a Bucci.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 luglio 2007 - 964 letture

In questo articolo si parla di





logoEV