L'ambasciata nigeriana in trasferta a Jesi

30/11/-0001 -
L’Acli di via Pergolesi diventa per due giorni una sede staccata dell’ambasciata nigeriana.
La visita consolare organizzata dall’Associazioni Immigrati Nigeriani delle Marche che ha portato l’ambasciatore del paese africano a Jesi è stata presa d’assalto da numerosi immigrati provenienti da tutta la regione ma anche dalla vicina Umbria.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


Biglietto alla mano, per conservare il turno in ordine di arrivo, il console ha incontrato i suo connazionali uno ad uno per ascoltare i loro problemi e per risolvere problemi burocratici o consigli utili.

Un servizio che permetterà ai nigeriani che non possono recarsi a Roma di assolvere a quei rinnovi di documenti indispensabili per restare in Italia in piena legalità. Già dalle 14, orario di inizio del ricevimento, oltre una sessantina di nigeriani erano già in coda per parlare con il console.

La sede dell’Acli di Jesi – ha detto il presidente dell’Ainm Nsima Udo-Umoren – è stata scelta come punto di riferimento grazie al grande servizio che le Acli svolgono a favore degli stranieri presenti in Italia”.

L’iniziativa si ripeterà oggi dalle 9.30 alle 13.




Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 agosto 2007 - 1713 letture

In questo articolo si parla di