Un defibrillatore allo stadio Carotti

30/11/-0001 -
Gran bel colpo quello messo a segno dalla Jesina Calcio: non si tratta di un nuovo giocatore, ma di una cosa ben più importante, che ancora mancava allo Stadio Carotti e che invece sarà tra breve presente nel campo sportivo più grande e importante della città. E’ il defibrillatore semiautomatico esterno, uno strumento indispensabile nei luoghi di grande concentrazione di persone.

da Jesina Calcio


Si sa che in caso di arresto cardiaco, il tempo gioca un ruolo determinante: ad ogni minuto che passa, le probabilità di sopravvivenza si riducono in media del 10% e un ritardo di soli cinque minuti può portare a conseguenze drammatiche.

Per questo motivo, L’associazione Onlus “Il Cuore della Vallesina” si batte per dotare del defibrillatore i posti ad alta concentrazione di persone, quali centri commerciali e impianti sportivi. Ultimamente Jesi si sta emancipando da questo punto di vista e sono tantissime le strutture che si sono dotati del defibrillatore. Entro breve tempo, dell’elenco farà parte anche lo Stadio comunale Carotti, grazie all’interessamento di Gaetano Martini e grazie all’associazione guidata dal Dottor Giovanni Iosi che darà lo strumento in comodato gratuito.

La società biancorossa ha poi pensato, per rendere ancora più efficiente ed efficace il defibrillatore, di investire su un corso che prepara all’utilizzo dello strumento. Prenderanno parte al corso il Segretario della società Ennio Giuliani, il direttore generale Alessandro Cossu, un giocatore (probabilmente il capitano Bussaglia o il vice Pieralisi), Mister Giovanni Trillini e un rappresentante della squadra Juniores.

Questi cinque personaggi si aggiungono a chi, naturalmente, già conosce lo strumento, come il medico sociale Gabrio Filoni e il dottor Gaetano Martini «Il corso si rende necessario –ha spiegato quest’ultimo- perché in questo modo allo stadio sarà quasi sempre presente qualcuno in grado di utilizzare il defibrillatore».

Ulteriori informazioni circa l’attività dell’associazione “Il cuore della Vallesina” che ha sede in via San Giuseppe 28 possono essere richieste al numero di telefono 0731/56700





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 15 settembre 2007 - 1183 letture

In questo articolo si parla di