Fabriano: verso la conclusione il concorso “parcheggione”

3' di lettura 30/11/-0001 -
Venerdì 5 ottobre Accendiamo Fabriano porterà a compimento il cammino del concorso-idee per la realizzazione del “parcheggione” di viale Moccia. Il momento ideale per fare il punto della situazione con il presidente del comitato territoriale fabrianese, Vincenzo Tagliaferro.

dal Comitato Accendiamo Fabriano


Ad un passo dal far calare il sipario come giudica questa iniziativa del comitato territoriale di Accendiamo Fabriano? Sicuramente un successo. Siamo riusciti grazie alla collaborazione del comune di Fabriano, Ance e Inarch Marche ad essere protagonisti di una massiccia campagna di comunicazione che ha portato alla ribalta dei maggiori quotidiani italiani nazionali quali “Il Sole 24 Ore”, “Il Messaggero”, “Il Corriere adriatico”, “Qn-Resto del Carlino”, “L’Azione” e il “Progresso”, e, con un banner apposito, sul sito internet di informazione più “cliccato” in Italia www.repubblica.it, la città e la nostra iniziativa. Insomma, un concorso-idee che è stato molto apprezzato dagli addetti ai lavori e non solo. A testimonianza di ciò basti sottolineare i 20 plichi ricevuti da tutta Italia.

Ben sei le Regioni rappresentate da stimati ed apprezzati ingegneri ed architetti: Lombardia, Piemonte, Sicilia, Umbria, Lazio e, ovviamente, Marche. Risultati che sono stati raggiunti anche perché siamo riusciti ad avere un sponsor lungimirante dietro le spalle. "Come è nata la collaborazione con la Ardo di Antonio Merloni Spa? Da una lungimiranza importante del dott. Antonio Merloni e di sua figlia, l’ing. Giovanna Merloni -racconta Tagliaferro- Quando, come Accendiamo Fabriano, abbiamo deciso di interessare la Antonio Merloni Spa nella sponsorizzazione del nostro concorso-idee eravamo assolutamente certi che la nostra richiesta sarebbe stata accolta con immediato favore indipendentemente dall’oggetto del concorso ma prevalentemente per il target cui la nostra iniziativa era rivolta. E’ così, in effetti, è stato. La Ardo, il marchio di punta della Antonio Merloni, si propone di “sdoganare” la propria linea di elettrodomestici per farli diventare dei veri e propri oggetti di arredo. Un’idea innovativa che è andata “a braccetto” con i destinatari (ingegneri e architetti) del concorso-idee lanciato da Accendiamo Fabriano.

Entrambi, infatti, si proponevano e si propongono di invogliare i professionisti del settore a raccogliere la sfida odierna che fa dell’innovazione, della fantasia e del superamento degli stretti confini geografici, la propria forza. Antonio e Giovanna Merloni hanno, per così dire, “fiutato” immediatamente come il concorso-idee lanciato da Accendiamo Fabriano potesse veicolare questo loro nuovo sentire industriale. E poi, sono una delle aziende più radicate a livello territoriale e quando c’è da dare una mano lo fanno immediatamente.

Avremo due palcoscenici importanti il 5 ottobre. Si inizierà intorno alle 17 all’Oratorio della Carità con la premiazione dei 3 progetti vincitori e dei due menzionati. Ci saranno attestati di partecipazione, naturalmente, per tutti i partecipanti. Si proseguirà, quindi, nei locali della Galleria delle Arti – Domus Mariae – di via Gioberti. Qui, i visitatori troveranno esposti tutti i progetti partecipanti al concorso-idee e potranno, alla fine del loro tour, votare – su un’apposita scheda predisposta – il progetto che meglio si avvicina alla propria sensibilità o, comunque, che meglio ha progettato il “parcheggione” fabrianese. La mostra sarà visitabile fino a domenica 14 ottobre.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 17 settembre 2007 - 1063 letture

In questo articolo si parla di