Sicurezza al pronto soccorso: segnali distensivi dell'azienda

2' di lettura 30/11/-0001 -
Schiarite sulla vicende sicurezza al pronto soccorso. La direzione dell’Asur ha infatti convocato per domani i sindacati dei lavoratori per arrivare ad una soluzione in merito alla vicenda che ha tenuto banco tra i reparti durante questi mesi.

di Marco Catalani
marco@viverejesi.it


Un incontro richiesto fin dai primi giorni della protesta che aveva visto medici e infermieri del pronto soccorso, colpiti da numerosi episodi di aggressioni, arrivare a sottoscrivere una petizione per chiedere maggiori standard di sicurezza nella “prima linea ospedaliera”.

Nei primi giorni della scorsa settimana, il direttore dell’Asur Ciro Mingione ha convocato i responsabili dei presidi ospedalieri e del pronto soccorso per trovare possibili interventi da adottare. Nelle proposte che saranno presentate ai dipendenti non si fa riferimento all’utilizzo di guardie giurate, come richiesto a gran voce dai lavoratori ma si ipotizza di inviare una richiesta alle forze dell’ordine per una presenza più assidua nel reparto. Non solo.
Si pensa anche di introdurre la videosorveglianza per sala d’attesa, triage e corridoio, una linea telefonica diretta con Polizia e Carabinieri ed alcuni interventi sugli ambienti come ad esempio la rimozione della maniglia esterna dalla porta del triage.

Un primo sopralluogo è stato già effettuato dall’ufficio tecnico dell’azienda sanitaria. Pensati anche corsi di formazione per migliorare l’approccio con gli utenti e contenere eventuali reazioni aggressive. Nel frattempo il fronte sindacale archivia l’incontro con il Comune si prepara ad approfondire la questione. Qualcosa insomma si muove dopo l’immobilismo estivo ma l’aria è ancora quella di una tregua armata anche perché le soluzioni pensate dall’azienda danno l’idea di un atto unilaterale non concertato con i dipendenti. E tra l’altro nel documento non si fanno proposte sugli altri problemi esposti: la carenza di personale e la procedura informatica per la rilevazione presenze/assenze ritenuta inaffidabile dai sindacati. Ieri pomeriggio si è riunita l’assemblea dei dip di ortopedia. Poi il sindacato ha fatto il punto della situazione per presentarsi compatto all’appuntamento di domani.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 settembre 2007 - 1047 letture

In questo articolo si parla di