Alleanza Nazionale contro il nuovo direttore generale Stefani Gennai

30/11/-0001 -
City manager: l’ennesima prova di coerenza dei partiti della maggioranza (qualcuno, in verità, si è accodato in corsa ed è stato premiato) che, nonostante le critiche espresse e le riserve formulate sulla necessità della figura di direttore generale, e senza un compiuto esame dei risultati raggiunti dal Dr. Gennai, anche rispetto agli obiettivi già prefissati, si sono piegati al diktat del Sindaco (ma non era debole ed “ostaggio” dei partiti?) ed hanno votato per la riconferma del Direttore Generale per 5 anni.

da Daniele Massaccesi
pres. Alleanza Nazionale


Buona amministrazione e decenza avrebbero dovuto consigliare anche uno stretto esame ed una attenta valutazione sulla compatibilità degli oneri che ne conseguono con il bilancio comunale, perché se si deve procedere seriamente al risanamento era e sarebbe giusto e doveroso attendersi una precisa inversione di tendenza, incidendo sulle spese superflue od eccessive od ingiustificate, essendo mansioni e funzioni del Direttore Generale perfettamente compatibili con quelle del Segretario Generale, a cui si poteva guardare – almeno – con la stessa fiducia.

Attendiamo di conoscere il compenso stabilito per il Direttore Generale.




Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 03 novembre 2007 - 1078 letture

In questo articolo si parla di