Fabriano: nascerà una struttura per la riabilitazione cardiologica

30/11/-0001 -
Fabriano, per la prima volta, nelle scorse settimane ha ospitato un partecipato convegno dal significativo titolo “Con cuore per il cuore di tutti” che è stato organizzato dalla sezione marchigiana dell’Associazione Italiana per il Progresso della Cardiologia e Cardiochirurgia.

dal Comune di Fabriano
www.comune.fabriano.an.it


Un convegno ricco di contenuti e spunti che ha saputo coniugare la qualità scientifica con quella comunicativa rivolto, in particolare, al normale cittadino che vuole sapere ma che non ha, ovviamente, le chiavi di lettura tecnico-scientifiche tipiche del medico.

E che il convegno abbia fatto centro lo hanno dimostrato non solo le tante persone che vi hanno partecipato ma l’attenzione con cui sono state seguite le relazioni. Numerosi anche i medici ed i cardiologi, anche di altre zone, come la prof.ssa cinese Yen Ho, residente ed operante a Londra, nota a livello mondiale per la sua specializzazione in anatomia cardiovascolare.
Molte anche le autorità istituzionali ed imprenditori come l’on. Francesco Merloni che ha voluto essere presente e portare il suo saluto. In Italia due persone su tre hanno cardiopatie congenite o acquisite e, quasi sempre, non lo sanno e secondo una recente statistica, ben 44 persone su cento muoiono ogni anno per lo stesso motivo. A casa nostra, nelle Marche, addirittura, si registra il maggior numero di cardiopatici in rapporto alla popolazione.

Conoscere, sapere, essere informati, è quindi fondamentale perché è soprattutto attraverso la prevenzione che è possibile determinare un consistente abbassamento dei dati enunciati. L’Associazione per il Progresso della Cardiologia e della Cardiochirurgia persegue proprio questo per cui propone appuntamenti come quello dell’Oratorio della Carità che ha visto moderatori il prof. Giuseppe di Eusanio, cardiochirurgo di fama internazionale e il dott. Luigi Minutiello, direttore della Cardiologia dell’Ospedale Profili.

Chiare, esaurienti, arricchite da tante immagini le relazioni del prof. Gian Piero Perna, primario della Cardiologia del Lancisi di Ancona, dei medici dello stesso ospedale Giampiero Piccoli e Moreno Cecconi nonché l’emodinamista dott. Tommaso Piva. Dall’incontro è altresì emerso – come ha sottolineato il direttore dell’Asur 6, Guido Papiri – che il reparto di cardiologia del Profili è perfettamente collegato con il Lancisi di Ancona, uno degli ospedali migliori d’Italia.

Lo stesso direttore ha sottolineato che le sue attività sono in linea con il piano sanitario regionale e che si sta lavorando per addivenire alla realizzazione di una struttura per la riabilitazione cardiologica e di un nuovo spazio per la rianimazione. La sezione marchigiana dell’Associazione Italiana per il Progresso della Cardiologia e Cardiochirurgia, giovanissima, nata nelle Marche da poco più di cinque anni, si batte con sempre maggiore determinazione grazie ad una pattuglia di volontari e la forte disponibilità di operatori del settore affinché la conoscenza e di conseguenza la prevenzione possano farsi sempre più largo perché è solo attraverso questi strumenti che è possibile migliorare la situazione.

La validità della sua proposta ha trovato sponde favorevoli nel Comune di Fabriano, nella Fondazione Carifac, nell’Asur 6, nel gruppo Janus Hotel e nella Fondazione Merloni che hanno supportato la sua iniziativa che non si limita a diffondere la cultura della prevenzione ma anche in opere concrete come l’acquisto di defibrillatori.

Non ultimo pubblica anche un periodico dal significativo titolo “Notizie dal cuore” che diffonde a livello regionale mentre in prospettiva sta lavorando ad un progetto davvero ambizioso: creare un centro di ricerca comprendente tutta l’Italia centrale e la Puglia.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 23 novembre 2007 - 10276 letture

In questo articolo si parla di