Fabriano: incontro del Tavolo Rete Lavoro

quercetti 19/03/2008 - Si è svolto lunedì 17 marzo 2008 presso il Centro per l’Impiego, l’Orientamento e la Formazione di Fabriano, l’incontro del Tavolo Rete Lavoro presieduto dall’Assessore Provinciale alla Formazione Maurizio Quercetti e a cui hanno preso parte istituzioni, scuole e parti sociali dell’area montana.

Due i temi al centro dell’incontro: la presentazione del Piano annuale del lavoro e della formazione 2008 e il report delle attività del Ciof fabrianese in merito alla situazione occupazionale del comprensorio che raccoglie la popolazione residente nei comuni di Arcevia, Cerreto d’Esi, Fabriano, Genga, Sassoferrato e Serra San Quirico. Entrambe questioni fortemente sentite in un territorio dove i dati rilevati al 31 dicembre 2007 danno in crescita i disoccupati iscritti al Centro per l’impiego, e dove anche i segnali per questi primi tre mesi del 2008 non sembrano incoraggianti.



Effettivamente – conferma l’assessore Quercetti – abbiamo motivo di essere piuttosto preoccupati per quanto sta avvenendo in questo primo scorcio del 2008. In un territorio già fortemente provato come quello del comprensorio fabrianese, abbiamo visto diverse chiusure aziendali e la crescita di diverse centinaia di unità del numero dei cassaintegrati, mentre a Sassoferrato la chiusura della Codiva ha espulso dalla produzione altre decine di lavoratori. Per questo abbiamo scelto di partire da questo territorio per presentare le nostre misure a sostegno dell’occupazione contenute del Piano provinciale del lavoro e della formazione recentemente approvato. È la testimonianza di un impegno che intendiamo concretizzare attraverso progetti come quello della realizzazione di un polo formativo ad hoc per l’area montana, attento sì alle particolari esigenze dei tradizionali settori manifatturieri - in particolare alla richiesta di personale sempre più qualificato capace di rispondere ai canoni dell’innovazione aziendale - ma orientato anche all’individuazione di nuovi settori d’intervento (legati ad esempio alla valorizzazione del territorio o alla qualificazione della rete dei servizi) e all’attuazione di percorsi organici di diversificazione”.


In questa situazione, cresce il ruolo delle strutture territoriali dell’assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionali, e cioè i Centri per l’Impiego, l’orientamento e la formazione.


In questi anni – afferma Quercetti – si è venuto affermando sempre più il ruolo dei nostri Ciof nella lotta alla disoccupazione, le cui capacità di costruire proposte mirate ed efficaci rendono tali strutture il volano attraverso il quale la Provincia realizza a livello locale strategie di governance all’interno del mercato del lavoro”.


Nel triennio scorso il Ciof di Fabriano ha registrato un incremento del 15,7% nel saldo assunzioni/cessazioni effettuate dalle aziende a favore delle prime per un complessivo di 1705 posti di lavoro in più.


Anche questo, però, è un dato contraddittorio – spiega Quercetti – perché le assunzioni effettuate dalle aziende fanno un largo ricorso alle forme contrattuali atipiche in luogo di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato. Anche su questo siamo decisi ad intervenire, rafforzando la nostra presenza sul territorio e offrendo la nostra disponibilità alle realtà produttive per l’organizzazione e il coordinamento di politiche formative in grado di sostenere la crescita qualitativa e quantitativa dell’occupazione”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-03-2008 alle 01:01 sul giornale del 19 marzo 2008 - 1105 letture

In questo articolo si parla di provincia di ancona, politica, ancona