Patto Democratico: le proposte per il bilancio 2008

bilancio 31/03/2008 - Da forze politiche di centrosinistra che intendono svolgere una funzione propositiva in vista dell\'amministrazione della città presenteremo per il prossimo appuntamento di lunedì 31 marzo 2008 in Consiglio Comunale quattro proposte serie e precise per lo sviluppo e la crescita della nostra città.

Innanzitutto, visto e considerato che il comune versa in una situazione precaria dal punto di vista finanziario e che nei cinque anni appena trascorsi ha già abbondantemente realizzato progetti faraonici e costosi per la città di difficile attuazione attraverso l\'istituto delle consulenze e degli incarichi esterni, non comprendiamo come si possano chiedere un milione e centomila euro di consulenze per progettare ancora realtà che non saranno mai messe nelle condizioni di essere realizzate, in particolare visto lo scarno \"parterre\" di opere pubbliche predisposto dall\'amministrazione per il 2008 e la loro impossibile predisposizione dal punto di vista tecnico. Infatti il Comune metterà di tasca propria poco più di tre milioni e mezzo di euro per gli investimenti destinando un ulteriore milione agli incarichi esterni.


Considerato che alla città servirebbero almeno altri tre o quattro milioni da investire per recuperare il terreno perso nei cinque anni appena trascorsi, non riusciamo comunque a spiegare come sia possibile, moralmente e politicamente, chiedere tanti soldi per le consulenze e gli incarichi esterni. Le nostre proposte saranno: 300.000 euro da togliere alle consulenze per l\'abbattimento dell\'aumento della TARSU, 150.000 da investire con la partecipazione statale alla costruzione di un dormitorio universitario per il rilancio e il potenziamento dell\'università locale togliendo soldi sempre dalle consulenze, 90.000 euro da togliere agli incarichi esterni per ristrutturare palazzo pianetti (area reduci) e ampliare le attività museali e culturali e infine 71.000, sempre dalle consulenze, per sistemare il campo boario, prevedere parcheggi nell\'area del mattatoio e realizzare una nuova struttura sportiva all\'aperto accessibile a tutti i cittadini. Operazioni per una somma di poco superiore a 600.000 per aiutare la città in maniera diretta senza sprecare denaro pubblico. Alle consulenze lasciamo 400.000 euro per progetti nel campo sociale e in ambito urbano. I cittadini pretendono che l\'aumento della tassazione sia impiegato per la realizzazione di nuove e fondamentali opere pubbliche e non per pagare consulenti e professionisti esterni che progetteranno progetti bellissimi, ma che non sono alla portata delle casse comunali, tant\'è che abbiamo tutta una serie di progetti provenienti dalla passata legislatura per i quali ancora non si è messo un euro per l\'esecuzione.


Tutto ciò si chiama responsabilità, serietà e interesse comune per il bene della città. I partiti devono ripartire da questo se vogliono davvero che i cittadini non entrino in un vortice di antipolitica dovuta al fatto che gli amministratori preferiscono premiare i soliti professionisti esterni alla città piuttosto che i cittadini che lavorano e pagano onestamente tasse sempre più alte in un periodo di difficoltà economica per le famiglie.


da Matteo Marasca
capogruppo Movimento Democratico




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-03-2008 alle 01:01 sul giornale del 31 marzo 2008 - 1205 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, movimento democratico, jesi è jesi, matteo marasca, Partito Democratico Jesi