Il Pd difende la scelta della ztl in centro

pierluigi santarelli 04/04/2008 - Sono oramai diversi giorni che sulle cronache locali  continuano a campeggiare grossi titoli di sdegno per il nuovo regolamento delle ZTL recentemente varato dal Consiglio Comunale. Tutto questo nonostante l\'azione amministrativa cittadina sia stata impegnata in provvedimenti di somma importanza, quali ad esempio il bilancio.

Se si dovesse rispondere nel merito alle accuse di demagogia, si potrebbe dire che abbiamo semplicemente cercato di equiparare i diritti di tutti i lavoratori e utilizzatori dei servizi del nostro centro storico, salvaguardando le situazioni che a nostro giudizio meritano un trattamento diverso, ad esclusivo beneficio della collettività. Il tutto al fine di restituire il centro storico ai cittadini, soprattutto ad esempio cercando di dare il diritto a chi ci abita di poter parcheggiare vicino casa, liberando quanto possibile le strade, anche se di pochi posti, che poi non sono 22 come falsamente e davvero demagogicamente si è cercato di far credere.


Come è lo stesso falso il giudizio di uno stravolgimento dell\'impianto fondamentale del regolamento che rimane il frutto di una fase di concertazione durata ben 1 anno di lavoro, anche se a nostro giudizio poco incisivo rispetto alcune particolari situazioni. È evidente comunque che questo è solo un primo provvedimento cui dovranno necessariamente e rapidamente seguire azioni concrete, come ad esempio l\'istituzione dei varchi elettronici, la revisione dei vecchi permessi dei residenti, un controllo assiduo da parte della polizia municipale, fino ad arrivare, speriamo presto, all\'istituzione della nuova isola pedonale con la realizzazione dei lavori in corso Matteotti.


Di questo percorso il gruppo del PD è fortemente convinto e sarà nostra premura sollecitarne la realizzazione. Al di là di questo, è chiaro che neanche i consiglieri comunali hanno il dono dell\'infallibilità (almeno non abbiamo tale supponenza). Per cui, senza rigidità mentali cercheremo di correggere il regolamento nel momento che si verificasse qualche evidente stortura, a danno della collettività. Le prossime settimane, avviata la sperimentazione del nuovo regolamento, saremo in grado di fare un primo piccolo bilancio delle esigenze che si renderanno palesi. Ma purtroppo per qualcuno, questo non significherà restituire il posto auto sotto la propria sede di lavoro, a meno di una evidente necessità pubblica…



da Pierluigi Santarelli
capogruppo Pd Jesi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 04 aprile 2008 - 1280 letture

In questo articolo si parla di politica, ztl, Pierluigi Santarelli