Il 2 giungo del Pd

pd 2' di lettura 01/06/2008 - Era il 2 Giugno 1946 quando il popolo italiano fu chiamato a decidere con un Referendum tra monarchia e Repubblica la forma istituzionale dello Stato. Il verdetto: << L’Italia è una Repubblica >>

La Costituzione italiana, Legge fondamentale della Repubblica Italiana, approvata il 22 dicembre 1947 dall’Assemblea Costituente, entrò in vigore l’1 Gennaio 1948. Vent’anni di regime, la Guerra Mondiale e la Guerra Civile erano ormai solo un brutto ricordo. La ricostruzione era iniziata ed il primo mattone della Democrazia era stato sistemato. Sessant’anni dopo quel testo è ancora vivo e attuale, simbolo non di divisioni e scissioni, ma di dialogo e collaborazione tra i Partiti e le tante anime politiche che una democrazia non solo ha il diritto, ma anche il dovere di ospitare. La Costituzione Italiana, definita da Romano Prodi ‘’basilare per la costruzione e lo sviluppo della nostra società’’, e dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ‘’densa di princìpi e di valori morali’’, continua ad essere 60 anni dopo il simbolo della nostra Repubblica e per questo deve essere preservata. Il Partito Democratico intende ribadire ancora una volta l’importanza di quei contenuti, che non solo devono essere le fondamenta dell’identità nazionale, ma anche quelle della vita politica del paese Italia.

Non per caso il PD ha avuto il coraggio di interrompere quel turbinìo di frazionamenti e guerre inter-partitiche di cui la nostra democrazia ha sofferto negli ultimi 20 anni. E’ in questo quadro che intende inserirsi l’iniziativa del Partito Democratico in occasione del 2 Giugno al Parco del Ventaglio di Jesi: non solo un’occasione di partecipazione e scambio di idee, ma anche un modo per fare una politica nuova, ripulita da stupidi campanilismi e divisioni. Organizzatori dell’iniziativa sono gran parte dei Circoli della Vallesina attraverso un lavoro congiunto ed uno scambio di idee e di progetti. Per questa occasione è stata invitata l’On Letizia De Torre, ex Sottosegretario alla Pubblica Istruzione, ed attualmente eletta alla Camera. La sua pacatezza, la sua cultura ed i suoi modi spesso semplici e sinceri sono forse i mezzi più indicati per celebrare i 60 anni della Costituzione Italiana.

Gruppi musicali e dibattiti accompagneranno questo bellissimo momento di democrazia e di cooperazione. Il potenziale delle Marche e la buona politica dei suoi amministratori sono l’esempio chiaro che una politica nuova ‘’dipuò fare’’. La presenza di tanti giovani impegnati e del grande entusiasmo sono la dimostrazione che quei valori scritti 60 anni fa sono ancora vivi e radicati.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-06-2008 alle 01:01 sul giornale del 03 giugno 2008 - 1345 letture

In questo articolo si parla di cultura, partito democratico, pd, circoli del PD della Vallesina





logoEV