Minaccia di buttarsi dal terzo piano se non le restituiscono i figli

Nigeriana sull\'ospedale 1' di lettura 10/06/2008 - Perde i figli per un’ordinanza del tribunale e dall’ultimo piano dell’ospedale minaccia di gettarsi nel vuoto tenendo per oltre due ore tutti con il fiato sospeso fino a desistere alla notizia di un colloquio con il procuratore minorile Ugo Pastore.

Una vicenda che si è verificata ieri pomeriggio al Viale quando una donna di 27 anni, di nazionalità congolese e residente a Montecarotto, ha raggiunto il quinto piano dell’ospedale e poi ha minacciato di gettarsi nel vuoto. Erano circa le 15.30. Con l’ascensore ha raggiunto il quinto piano, si è seduta sul parapetto ed ha chiamato il 113.


“Se non mi ridanno i miei figli, mi butto di sotto” ha annunciato al centralino. La donna, separata e madre di due figli di 3 e 7 anni, aveva perso la patria potestà da un paio di giorni, pare a causa di continui violenti litigi con l’ex marito. Sul posto sono intervenuti polizia e vigili del fuoco.


A convincere la donna a desistere ci ha pensato il commissario Agata Cabino che ha promesso alla donna un colloquio con il procuratore minorile Ugo Pastore. Accompagnata al commissariato è rimasta a colloquio con Pastore a lungo. Per seguire il suo caso sono stati anche allertati servizi sociali e consultorio.







Questo è un articolo pubblicato il 10-06-2008 alle 01:01 sul giornale del 10 giugno 2008 - 1402 letture

In questo articolo si parla di cronaca, jesi, marco catalani





logoEV