Carabinieri: due arresti e sette denunce nel weekend

Carabinieri Jesi 23/06/2008 -

Nel week-end appena trascorso i carabinieri di Jesi hanno arrstato una trentenne ucraina irregolare per furto ed uno jesino, anche lui trentenne, per spaccio, hanno sequestrato due autovetture per guida in stato di ebrezza e fermato un terzo uomo perché guidava dopo aver assunto droghe.



A Jesi i Carabinieri della locale stazione hanno arrestato una cittadina Ucraina i trentenne irregolare sul territorio Nazionale per furto aggravato. La donna è stata sorpresa all\'interno di un centro commerciale cittadino, mentre, dopo aver strappato i dispositivi antitaccheggio , stava cercando di impossessarsi di vari prodotti cosmetici per un valore complessivo di euro cento circa. La refurtiva interamente recuperata veniva restituita alla direzione del Centro Commerciale.

Sempre a Jesi i Carabinieri del Radiomobile hanno tratto in arresto M.L. trentenne jesino per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. L\'uomo già nel mirino dei Carabinieri, in quanto visto gravitare in luoghi notoriamente frequentati da tossicodipendenti, alla vista della Gazzella dell\'Arma cercava di disfarsi di un ovetto in plastica, che aveva estratto da uno zainetto che teneva nelle splle. Prontamente bloccato, veniva trovato in possesso di circa 11 grammi di sostanza stupefacente del tipo \"hashish\" suddivisa in dosi e quattro flaconi di metadone. La successiva perquisizione presso la propria abitazione permetteva di rinvenire residui di \"hashish\" e materiale per la suddivisione e il confezionamento in dosi del citato stupefacente.

A Castelplanio i Carabinieri della locale stazione deferivano all\'A.G. per possesso di strumenti atti allo scasso tre nomadi Italiani , un uomo e due donne , domiciliati in Ancona e Falconara Marittima. I tre venivano sorpresi nei pressi di alcune villette isolate, mentre a bordo di un furgone osservavano alcune villette . I militari dopo averli bloccati li sottoponevano a perquisizione nel corso della quale a bordo del mezzo venivano trovati vari arnesi atti allo scasso quali grimaldelli, piedi di porco e cacciaviti. Evidentemente i tre stavano cercando un obiettivo da colpire e non sono riusciti a portare a termine l\'azione criminosa per l\'intervento dei militari. I tre gravati da numerosi precedenti contro il patrimonio, essendo chiara la motivazione della presenza nei luoghi indicati, venivano muniti del foglio di via obbligatorio per i comuni di Castelplanio, Rosola, Mergo e Poggio San Marcello, con divieto di ritorno per anni 3.

A Castelbellino i militari della stazione di Moie procedevano al controllo di un laboratorio tessile gestito da Cinesi. All\'interno venivano trovati a lavorare 5 cittadini Cinesi uno di loro era clandestino, per lo stesso è stata avviata la procedura di espulsione dal territorio Nazionale. Il titolare del laboratorio L.S. classe 1960, in regola con il soggiorno veniva segnalato all\'A.G. per aver favorito la permanenza di un clandestino nel territorio Italiano.

I militari del Nucleo Radiomobile, hanno attuato un dispositivo per il controllo delle principali arterie stradali che insistono nella città di Jesi , miranti alla prevenzione e repressione di quei comportamenti di chi si mette alla guida di mezzi e non mantenendo un corretto comportamento di guida in violazione alle norme sulla circolazione stradale causano incidenti a volte anche con esiti mortali.

Durante i controlli due conducenti sono stati trovati alla guida dei propri mezzi in stato di alterazione psico-fisica dovuta all\'assunzione di sostanze alcoliche per loro è scattato il ritiro della patente di guida e la segnalazione all\'Autorità Giudiziaria per guida in stato di ebbrezza. In una circostanza atteso che il tasso rilevato era ben 2,13 sia nella prima che nella seconda misurazione è scattato il sequestro dell\'auto ciò in ossequio alle nuove norme.

A Monte San Vito i militari della locale Stazione, notavano una fiat punto che circolava con una andatura incerta e a volte invadeva la corsia di marcia opposta. I Carabinieri hanno prontamente bloccato il veicolo condotto da un trentaseienne , di origine Campana , residente in provincia di Frosinone. A seguito della perquisizione del veicolo i militari rinvenivano una fialetta di vetro e una siringa usata. L\'uomo veniva condotto presso l\'ospedale Civile di Jesi ove a seguito degli esami di laboratorio veniva trovato positivo agli oppiacei, pertanto veniva segnalato all\'A.G. per guida sotto l\'influenza di sostanze alcoliche, privato della patente di guida e segnalato alla Prefettura di Ancona quale assuntore di stupefacenti. Probabilmente con il suo fermo i Carabinieri hanno evitato un sicuro incidente stradale.







Questo è un articolo pubblicato il 23-06-2008 alle 01:01 sul giornale del 23 giugno 2008 - 4216 letture

In questo articolo si parla di cronaca, michele pinto, carabinieri