Marasca: \'Belcecchi rifletta sulla riorganizzazione degli uffici comunali\'

matteo marasca 02/07/2008 - \"Il Sindaco ora rifletta sulla riorganizzazione degli uffici comunali dopo il voto delle forze politiche in Consiglio Comunale che chiedono di riaprire i negoziati con le organizzazioni sindacali\".

Dopo che il Sindaco Belcecchi ha ammesso in aula che non sarà possibile procedere alle nuove assunzioni, da lui tanto sbandierate per coprire una situazione di agitazione del personale dipendente, bisogna con umiltà e coraggio ricercare il più ampio consenso dei diretti interessati, ovvero i sindacati. Arroganza e un incomprensibile fretta nell’approvazione di un progetto di riorganizzazione, che non prevede neanche le motivazioni per la quale si decide di spostare, modificare e creare nuovi uffici e dove si prevede che chi ha maggiori competenze professionali (come ad esempio il possesso di un titolo di studio qualificato) venga penalizzato nei concorsi interni, hanno fatto si che il Belcecchi e il suo city manager incassassero la sfiducia politica deliberata dal Consiglio Comunale nella seduta del 30 giugno. Brava la Sinistra Arcobaleno che non ha rinunciato alla sua vocazione ideologica per la lotta nell’affermazione dei diritti dei lavoratori e per la loro dignità e ha condiviso il nostro documento.



Finalmente apprendiamo come invece tutta la maggioranza si sia convinta di risolvere internamente all’ente il problema degli scuolabus e se arriverà in Consiglio Comunale una variazione di spesa per l’acquisto dei nuovi mezzi il Movimento Democratico voterà sicuramente a favore in coerenza con quanto da sempre sostenuto. Sulla sicurezza e sulla legalità il Movimento Democratico ha preteso in particolare tre cose: più forze dell’ordine nei quartieri popolari, il presidio fisso dei vigili urbani sul territorio anche dopo le 20 e più controlli su affitti, case popolari e esercizi commerciali. Un plauso alle forze politiche di maggioranza che hanno modificato in maniera determinate il documento “soft” della Giunta con un emendamento di ben 12 punti esplicativi di una serie di misure concrete che ha trovato il nostro consenso in coerenza di quanto da noi affermato da novembre. Sorpresa nel vedere nei 12 punti le proposte presentante nel Consiglio Comunale Straordinario di novembre dal Patto Democratico di Centrosinistra e dal sottoscritto. Come si dice: meglio tardi che mai.


da Matteo Marasca
capogruppo Movimento Democratico




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 02 luglio 2008 - 1189 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, movimento democratico, jesi è jesi, matteo marasca