Letta non più a Jesi per la Moriconi

valeria moriconi 10/07/2008 - Convocato per un urgente Consiglio dei Ministri, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gianni Letta non potrà essere a Jesi alla presentazione del libro su Valeria Moriconi di cui ha curato la presentazione.

L’evento dell’11 luglio si terrà dalle ore 17,30 al Teatro Pergolesi, presenti gli artisti Umberto Orsini, Piero Maccarinelli ed Elisabetta Pozzi. Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Gianni Letta, non potrà essere presente all’evento di presentazione del libro “Valeria Moriconi. Come in uno specchio. Interviste - interventi 1957/2004”, venerdì 11 luglio al Teatro Pergolesi di Jesi.



Con rammarico, l’illustre uomo di governo ha comunicato oggi alla Fondazione Pergolesi Spontini che un urgente Consiglio dei ministri gli impedisce di partecipare alla serata in onore dell’amica Valeria, cui parteciperanno peraltro gli attori Umberto Orsini ed Elisabetta Pozzi, il regista Piero Maccarinelli, la giornalista e scrittrice Edgarda Ferri, tante autorità delle Marche. L’evento, introdotto dal Sindaco di Jesi e Presidente della Fondazione Pergolesi Spontini Fabiano Belcecchi, sarà presentato da Rosanna Vaudetti. Giornalista, politico e uomo di cultura (presiede, tra l’altro, il Premio Eti Olimpici del Teatro), Gianni Letta tornerà comunque a Jesi nel nome di Giovanni Battista Pergolesi, in vista delle celebrazioni del Terzo Centenario della nascita ed in qualità di Presidente proposto del Comitato Nazionale per le Celebrazioni Pergolesiane, la cui istituzione condivide con grande slancio.



Profondo estimatore dell’arte di Pergolesi, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri stima profondamente un’altra illustre jesina, appunto Valeria Moriconi, e per la tenera amicizia che la legava a lei ha accettato di scrivere la presentazione del libro realizzato dal Centro Studi ed Attività Teatrali Valeria Moriconi, centro gestito dalla Fondazione Pergolesi Spontini. Curatore del volume è Franco Cecchini (Direttore Scientifico del Centro Valeria Moriconi), il saggio introduttivo è di Anna T. Ossani, l’edizione è di QuattroVenti di Urbino nell’ambito della collana “Quaderni per la memoria” diretta da Emilio Pozzi. Il libro è realizzato con la partecipazione di Assessorato alla Cultura del Comune di Jesi, Provincia di Ancona, Consiglio Regionale delle Marche, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con il contributo di Banca Marche e Rotary Club di Jesi, e con il patrocinio di Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali e Teatro Stabile delle Marche.



L’ultima immagine che ho della grande, indimenticabile Valeria Moriconi – scrive nella presentazione del libro Gianni Letta - è il suo sorriso ancora giovane nell’interpretazione della Locandiera, in una registrazione televisiva che venne scelta per commemorare l’attrice durante la serata delle nomination dei Premi Olimpici nel giugno 2005, pochi giorni dopo la sua scomparsa.
L’applauso commosso della platea del Quirino affollata di attori e appassionati di teatro fu una ulteriore riprova dell’ammirazione e dell’affetto che circondava l’attrice. C’erano in quel frammento di teatro televisivo tutte le sue qualità: la comunicativa e l’energia, il fascino della donna e l’intelligenza dell’interprete, l’intensità dello sguardo e il sorriso sensuale, una forza calma e una dolcezza intensa. Qualità e caratteristiche che Valeria sapeva di possedere e dosava nella scena e nella vita, come si capisce bene anche attraverso le pagine di questo libro. Chi lo ha pensato e realizzato ha infatti opportunamente scelto di ricordare la vita e la carriera della Moriconi attraverso le sue stesse parole, così come sono state annotate dai giornalisti che l’hanno intervistata tante volte nel corso di cinquant’anni di attività”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 10 luglio 2008 - 1212 letture

In questo articolo si parla di attualità, fondazione pergolesi spontini, valeria moriconi