Incontro pubblico con Massimo Cacciari

massimo cacciari 23/07/2008 - Uno degli appuntamenti di maggior rilievo e spessore culturale, nella ricca rassegna Jesi Estate 2008, si terrà mercoledì 23 luglio, in Piazza della Repubblica, a partire dalle 21,15: l\'incontro pubblico con Massimo Cacciari, filosofo e Sindaco di Venezia.

Il noto intellettuale e uomo politico interverrà a Jesi nel quadro di una serie di incontri che l\'Assessorato alla Cultura, in collaborazione con Moris Gasparri, ideatore del progetto, sta organizzando intorno alla figura di Federico II.


\"Federico II e le parole del XXI secolo\" è un progetto culturale che nasce ed intende svilupparsi in maniera fortemente innovativa. C\'è infatti bisogno di trovare nuove angolature, nuove prospettive, aldilà delle consuete analisi storiografiche, da cui partire per interrogarsi sull\'eredità di Federico II, sul bagaglio di idee che direttamente o indirettamente sono riconducibili alla sua figura o che da essa hanno germogliato, evolvendosi poi nel corso dei secoli. Ci sono infatti alcuni temi del suo pensiero e della sua azione che hanno una relazione molto forte con la nostra contemporaneità, che possono, gettare una luce su alcuni grandi problemi del nostro presente. Tre sono i nuclei tematici principali: l\'Europa e la sua storia, Il dialogo tra le religioni monoteistiche e Il futuro dell\'area del bacino del Mediterraneo.



L\'incontro con Massimo Cacciari sarà dedicato al primo nucleo tematico e si intitolerà I volti dell\'Europa. La figura storica di Federico II è un\'icona delle differenze che hanno abitato il cuore dell\'Europa. Pochi protagonisti della storia europea hanno infatti incarnato, perlomeno simbolicamente, l\'unione tra le sue due anime storico-culturali principali, quella mediterranea e quella franco-carolingia. Oggi, a distanza di ottocento anni, corriamo però il rischio di dimenticare la ricchezza delle culture, dei linguaggi, delle storie e delle voci che hanno reso grande ed a volte tragica la storia europea. Con l\'aiuto di uno dei più importanti filosofi italiani, Massimo Cacciari, proveremo quindi a interrogare le radici profonde dell\'Europa, la sua storia fatta di differenze e di pluralità spesso confliggenti. Per capire, sullo sfondo di questo passato, quali potranno essere gli scenari futuri del nostro continente.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 23 luglio 2008 - 1356 letture

In questo articolo si parla di attualità, Jesi Estate





logoEV