Chiuso dai carabinieri un laboratorio tessile clandestino

carabinieri jesi 24/07/2008 - I carabinieri di jesi e della compagnia di Moie di Maiolati Spontini hanno chiuso un laboratorio tessile cinese dove all\'interno venivano sfruttati dei clandestini.

perazione effettuata dai militari dell\'arma è stata effettuata nei giorni scorsi proprio in uno stabilimento di Moie di Maiolati Spontini. I carabinieri hanno arrestato L.W. cittadino cinese del 1970 con regolare permesso di soggiorno per aver favorito la clandestinità di tre suoi connazionali. uno dei tre clandestini, X.X.F. è stata arrestata inoltre per non aver ottemperato al decreto di espulsione emessi rispettivamente dal Prefetto e dal Questore di Prato lo scorso 22 gennaio.

L\'intera struttura è stata poi posta sotto sequestra perchè palesemente in contrasto con le norme minime igenico sanitarie. All\'interno ci sono 19 postazioni di lavoro, le finestre sono state chiuse con dei teli neri per evitare sguardi indiscreti e per poter lavorare di notte senza problemi. Inoltre alcuni dipendenti vivevano in un ambiente attiguo alla zona lavoro. Stando agli accertamenti fatti dai carabinieri la fabbrica produceva giacche da donna per una nota Griffe italiana.

Gli arrestati sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza della caserma di Jesi in attesa di comparire davanti al Giudice del Tribunale di Jesi per la celebrazione del rito direttissimo.







Questo è un articolo pubblicato il 24-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 24 luglio 2008 - 1531 letture

In questo articolo si parla di cronaca, riccardo silvi