Rossi: \'i cittadini non vogliono vivere tra rifiuti pericolosi\'

niccolò rossi 23/08/2008 - \"Apprendo, a mezzo stampa, le rassicurazioni che il CIR33 ha dato in merito alla raccolta dei farmaci scaduti. Tuttavia, mi preme ricordare che le richieste da parte dei farmacisti per lo svuotamento degli appositi raccoglitori sono state fatte sia a mezzo fax che tramite chiamata al numero riservato a tale scopo; nonostante ciò nessuno ha provveduto in maniera tempestiva alla raccolta\".

A fine luglio, quando è scoppiato il caso, alcune farmacie da mesi stavano attendendo il ritiro (come dichiarato dagli stessi farmacisti). Inoltre, sarebbe bene che il Consorzio chiarisca meglio il significato della frase “alcuni giorni”, perchè non vorrei che “alcuni” diventasse “indeterminati”.

Infine sarebbe opportuno che il Comune e il suo Sindaco si rendessero conto che ai cittadini interessa soltanto non vivere tra rifiuti pericolosi per l’incapacità dei suoi amministratori.


da Niccolò Rossi
iscritto Forza Italia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 25 agosto 2008 - 3612 letture

In questo articolo si parla di attualità, forza italia, niccolò rossi, senigallia, anna bernardini



l\'immagine è apocalittica, che fine ha fatto il senso della misura?

Ho telefonato al CIR33 per far prtare via un ingombrante (nessuno mi può aiutare a portarlo via da solo).<br />
Alla telefonata mi hanno cortesemente detto il giorno entro cui sarebbe stato mandato qualcuno a recuperare l\'ingombrante, raccomandandomi di non lasciarlo già nel marciapiede o intasare gli spazi accanto ai bidoni, chè altrimentio sarei incorso in possibili rischi con i vigili.<br />
Adesso vediamo se arriveranno il giorno che mi hanno detto, ma se funziona così (a parte ridurre i giorni per il recupero) mi sembra vada bene.

Commento sconsigliato, leggilo comunque