Monachesi sposa il progetto di PD e Verdi

enzo monachesi fabrizio volpini stefano schiavoni roberto curzi 14/09/2008 - Dopo essere uscito dal Coordinamento Civico e aver votato il Piano Cervellati, Enzo Monachesi svela le carte e si schiera dalla parte della maggioranza.

Dopo una lunga serie di consultazioni con il Partito Democratico e con i Verdi, ho deciso di appoggiare il patto di fine mandato di questa maggioranza -ha spiegato Monachesi- e di impegnarmi affinché i cittadini che mi hanno votato possano continuare confidare in me come loro portavoce. Rimanere all\'interno delle Liste Civiche non era più la soluzione migliore, il Coordinamento Civico infatti da tempo non fa altro che attaccare i banchi della maggioranza e basta, bloccando letteralmente tutta la macchina istituzionale. Questo lo trovo sbagliato. Il confronto fra le varie parti politiche è senza dubbio fondamentale in un buon governo, ma in questi termini non ci sono spiragli di dialogo.

L\'ufficialità di Enzo Monachesi, che comunque rimarra all\'interno del Gruppo Misto, come posizione a favore del governo Angeloni arriva proprio all\'indomani dell\'approvazione del Piano particolareggiato del Centro Storico, passato in Consiglio proprio grazie al suo voto. “La scelta che oggi Monachesi fa è una scelta senza dubbio coraggiosa -concorda Roberto Curzi, capogruppo dei Verdi- ed è il segnale che il percorso avviato dalla maggioranza piace.” “Siamo molto soddisfatti di questa decisione -fa eco Stefano Schiavoni, capogruppo del Pd-. Monachesi ha dato un ulteriore segnale di come in città sia necessario ristabilire un clima politico e istituzionale sereno e laborioso. Per il bene dei cittadini.

Ma ora la situazione del Gruppo Misto si complica ulteriormente. A far compagnia a Monchesi infatti ci sono Gabriele Cameruccio, passato politicamente fra le file del Popolo delle Libertà, Andrea Bacchiocchi, che nei giorni scorsi ha lasciato il Partito Democratico e il portavoce Fiore Bittoni. Proprio contro quest\'ultimo si scaglia Monachesi. \"Bittoni non può confondere il suo parere personale con quello del Gruppo Misto. Non può aderire a proteste e denuncie portando con sè tutto il gruppo consiliare. Il Gruppo Misto è composto da persone con ideologie diverse ed è giusto che prima di firmare come gruppo consiliare consulti tutti i membri.\"







Questo è un articolo pubblicato il 14-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 15 settembre 2008 - 6631 letture

In questo articolo si parla di verdi, fabrizio volpini, riccardo silvi, politica, stefano schiavoni, fiore bittoni, enzo monachesi, coordinamento civico, partito democratico, roberto curzi, gruppo misto


La coerenza è coerenza: non si discute. E Monachesi è stato sempre molto coerente e fedele ai suoi interesessi \"politici\" personali...

...e poi è più robusto di Volpini se c\'è da fare a botte...

<b>Confraternite</b><br />
<br />
Semmai ce fosse stato<br />
Quarche dubbio<br />
De che cos’è<br />
La politica nostrana<br />
Mo’ ce potemo mette’<br />
Er core in pace<br />
Tutto aritorna<br />
Se ffa la puttana<br />
<br />
Basta capisse<br />
E er \"Piano Fronte Mare\"<br />
Che stanno a prepara’<br />
Cco’ grande foga<br />
Cco’ grande impegno<br />
Dde giovani rampanti<br />
C’avrà quattro gazebo<br />
E du’ lampare<br />
Du’ fiori rampicanti<br />
E ‘no sgabello<br />
Proprio ndo’ serve<br />
Per accontentare<br />
Er novo confratello<br />
<br />
PASQUINO<br />


la parabola di Monachesi:<br />
<br />
16 febbraio 2008 - Monachesi sottoscrive una bozza di programma alternativo per l\'Amministrazione della città presentato dal Coordinamento Civico.<br />
<br />
http://www.viveresenigallia.it/index.php?page=articolo&articolo_id=138575<br />
<br />
19 febbraio 2008 - Monachesi sottoscrive una lettera aperta al Sindaco, del Coordinamento Civico, in cui le viene chiesto di rinunciare all\'indennità di carica perchè guadagna troppo.<br />
<br />
http://www.viveresenigallia.it/index.php?page=articolo&articolo_id=132908<br />
<br />
3 marzo 2008 - Monachesi esce dal Coordinamento Civico e dalla Lista Marcantoni per entrare nel gruppo misto. Il suo sogno di cambiare Senigallia dura 16 giorni.<br />
<br />
http://www.viveresenigallia.it/index.php?page=articolo&articolo_id=158664<br />
<br />
17 marzo 2008 - Monachesi eletto presidente del Direttivo marchigiano del SIB (Sindacato Italiano Balneari). La traversata del deserto dura 14 giorni.<br />
<br />
http://www.viveresenigallia.it/index.php?page=articolo&articolo_id=160050<br />
<br />
26 agosto 2008 - Monachesi contribuisce con un voto decisivo all\'approvazione senza discussioni del Piano Cervellati.<br />
<br />
http://www.viveresenigallia.it/index.php?page=articolo&articolo_id=173661<br />
<br />
15 settembre 2008 - oggi - Monachesi aderisce al patto di fine mandato della Giunta Angeloni. Pian pianino si attraversano anche gli oceani.<br />
<br />
La parabola di Monachesi è durata sei mesi, ma in realtà è stata brevissima, due mesi di ferie e due mesi in cui non gli ha rivolto la parola nessuno, nè Maggioranza nè Opposizione.<br />

Il tempismo è tempismo... <br />
http://www.comune.senigallia.an.it/senigallia/Senigallia/ultime/8207.html<br />

Risposta non c'è o fose chi...

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Dai Maddeche, sai meglio di me che in politica si persegue una propria idea, e se non funziona da una parte si prova dall\'altra.<br />
Se per Monachesi il Piano per il centro storico andava bene allora amen: ha fatto bene a votare ciò che credeva giusto.<br />
Se nelle altre volte ha sottoscritto i documenti vuol dire che gli stavano sufficentemente bene da farlo.

Daniele, io penso che in politica si dovrebbe perseguire una idea collettiva, non la propria. Se si persegue la propria, allora non si chiama idea, si chiama \"interesse\". Magari \"di categoria\", ma pur sempre interesse. E non è detto che l\'interesse di pochi si trasformi per incanto in interesse collettivo... Anzi, non è mai così! Il male dell\'Italia è proprio questo: le lobby e le congreghe che fanno il bello e cattivo tempo.

P.S. ... e se è perfettamente legittimo, anzi auspicabile, che maggioranza e opposizione si trovino d\'accordo nell\'approvare alcuni atti, specie quelli \"radicali\" come il Piano cervellati, il fatto che un consigliere eletto grazie ad un programma \"alternativo\" improvvisamente si ritrovi così tanto in sintonia con quello che in campagna elettorale aveva osteggiato da fare addirittura il salto della quaglia mi pare osceno. Perché Monachesi non dice: \"Voterò secondo coscienza atto per atto\", ma dice: \"Sottoscrivo il programma e passo stabilmente dalla parte della maggioranza\".<br />
<br />
Ma allora, delle due l\'una. O il consigliere ha cambiato radicalmente parere, nel qual caso correttezza vorrebbe che si dimettesse perché i suoi elettori il parere potrebbero non averlo cambiato. Oppure, è così tanto cambiato il programma della maggioranza da coincidere con quello dell\'antico oppositore. In questo caso, sarebbe la maggioranza che, per gli stessi motivi, si dovrebbe dimettere in blocco.<br />
<br />
C\'è pure un terzo caso: i voti non puzzano e da chi vengono vengono. Non è nobile, ma chissenefrega.<br />

A proposito delle parabole e delle convenienze : dopo Bittoni, Mancini e Bacchiocchi, ora Monachesi.<br />
Ma è una vecchia storia che si ripete.<br />
Peccato non ci sia il vincolo del mandato.

Teoricamente giusto, ma c\'è anche l\'altra indicazione, cioè che un \"politico\" in quanto espressione di persone che gli concedono fiducia, decide di fare delle scelte proprio in questa funzione, accordandosi con una parte quando non vede sbocchi nell\'altra.<br />
E il risultato è che, se non ha ben operato, eprde voti alla elezione successiva.<br />
E come sai parlo in maniera del tutto generale, senza scendere nel caso specifico.

E\'lo spunto per una bella discussione, Daniele. Me lo sono sempre chiesto. La fiducia si dà ad una persona che ci rappresenta sulla base dei principi e dei programmi che sostiene e nei quali mi riconosco, oppure si dà \"a prescindere\" ad una persona? Io propendo per la prima alternativa. Non fosse altro perché con la seconda si arriva inevitabilmente ai \"personalismi\" di cui oggi siamo vittime e di cui - soprattutto - è vittima la democrazia. <br />
<br />
Insomma, io credo che un politico dovrebbe essere \"intercambiabile\" con un altro - di pari intelligenza, competenza e capacità di governo, naturalmente - se le idee a cui si ispira sono forti. Certo, il \"carisma\" conta molto, non solo in politica, ed è una dote che andrebbe considerata (sono molti i politici di oggi che ne sono palesemente privi e nessuno li ascolta, giustamente). Ma se si sceglie la persona a prescindere dalle idee, il culto delle e della personalità è sempre dietro l\'angolo. E ciò mi ha sempre spaventato. Molto.<br />
<br />
Ciao.

Commento modificato il 15 settembre 2008

Il discorso infatti, come dici, è portato a ben più ampi orizzonti.<br />
Mettiamola così, dal mio punto di vista ho cercato di votare persone sulla base di un programma, indifferentemente da chi era e in che partito militasse (ed ho votato sempre, mai astenuto, anche se a volte...).<br />
Certo, alla fine è una scommessa, perchè non si può sapere se chi vincerà a livello locale verrà poi effettivamente eletto (problema in gran parte eliminato dagli attuali politici che ci hanno fatto il \"favore\" di togliere le preferenze..e pure qui stendiamo un velo pietoso), e soprattutto se farà davvero quanto promesso: a quel punto per tagliare la testa al toro, come si dice, ultimamente tendo a votare la parte politica in cui mi riconosco maggiormente (vale a dire al 60%) dopo essermi fatto una scorpiacciata di letture di quotidiani e tavole rotonde televisive...di più non ho tempo materiale per fare, anche perchè non frequento circoli politici.<br />
<br />
In sintesi posso dire di non poter fare a meno di votare le idee.<br />
E per questo mi \"scoccia\" chi vota a prescindere, le famose \"truppe cammellate\" del voto, che hanno una fede politica per un partito e a prescindere da tutto votano sempre quello, acriticamente.<br />
A contraltare di ciò mi \"scoccia\" pure chi è troppo critico, al punto da prendere una posizione personalistica in seno al partito e fare la sua microcellula in lotta interna di potere con le altre.<br />
Sono due estremi esistenti, e lo troviamo soprattutto in ambito locale: diciamo che il modello delle diattribe locali (come le chiamo io, da Bar dello Sport) si è visto in un certo momento storico come quello che voleva la gente ed è stato adottato spesso come modalità di far politica anche a livello nazionale.<br />
<br />
Quello che penso è che in fondo abbiamo i politici che vogliamo, e questi ci meritiamo: la mia postilla è \"dipendesse da me non resterebero a lungo\".<br />
<br />
MODIFICA/AGGIUNTA: Nel caso di Monachesi non posso entrare nel merito perchè non l\'ho votato (nemmeno sapevo fosse candidato, onestamente), e nel suo caso non ricordo nemmeno se fosse già partito con una lista civica e se si fosse proposto come un\'alternativa al vecchio Consiglio Comunale: ma se anche partendo da questo ha deciso di passare dall\'altra parte, perchè ha visto dal suo punto di vista un\'inconcludenza e un eccessivo guerreggiare delle parti, non posso contestarllo perchè è una scelta.<br />
Che pagherà o meno alle prossime elezioni, quando la gente lo valuterà per quello che ha/non ha fatto.

Dieci giorni fa....appena scoppiata la bomba del consiglio comunale del 26 agosto..Il consigliere Bacchiocchi, Il consigliere Marcantoni, l\'ex Vice sindaco Stefanelli e il non so cosa Torreggiani stavano amabilmente cenando all\'Ancora per discutere del etica in politica e del futuro di Senigallia.<br />
Giuro che mi son chiesto anch\'io chi avesse cambiato idea o se era sono una questione di carta di credito!<br />
Con indulgenza!

Bravo Obe...concordo!<br />
Poi a un certo punto il bravo Monachesi tra Angeloni Podestà e Paradisi Garibaldino una scelta la doveva pur fare no?<br />

Da Marcantoni ci vado a comprare i libri, anche se non l\'ho votato. Rischio di cadere pure io, se mai capissi chi sono, nelle tue grinfie di acida badante del potere costituito? Non sono conosciuto, ma non si sa mai. Magari vai a dire a mia moglie che mi hai visto con una bionda! Anzi, diresti di più. Diresti che mi hai visto con una bionda piena di soldi che mi ha pagato il conto. Finora non ti ha mai querelato nessuno per gli insulti più o meno velati che spargi qua e là?<br />
Con ripugnanza!

Quale sarebbe l\'insulto?<br />
Se me lo dici mi autoquerelo da solo!<br />
Siccome la prof sopra parlava delle motivazioni che possono spingere una persona a cambiare posizione...volevo capire se l\'episodio a cui ho assistito fosse un ulteriore esempio!<br />
poi se vai in giro con le bionde piene di soldi sono felice per te!<br />

Stimo Enzo Monachesi che ho conosciuto in iniziative che mi hanno portato a sfiorare la politica cittadina, in questo caso però credo che la strada giusta siano state le dimissioni.....

Off-topic

............\"sarebbero state\" le dimissioni, raga i congiuntivi di questo sito mi stanno facendo incazzare, ci vogliamo stare un po\' più attenti tutti? Per favore.........................

Signori questi sono i frutti che la \"politica\" fatta in un certo modo produce!<br />
<br />
La maggioranza, o meglio il PD (Sindaco in testa) ed i Verdi, sapevano di non avere i numeri sufficienti in Consiglio ed allora si son mossi di conseguenza.<br />
<br />
Il Consigliere Monachesi, poi, è stato coerente con il comunicato apparso su VS il 27 agosto nel quale ha affermato: \"Il mio voto non ha alcun significato politico particolare\".<br />
<br />
Appunto.<br />

mi cospargo il capo di cenere ........

Andando al mare nello stabilimento di Monachesi, il giorno delle elezioni, manterrò le mie abitudini ... mantenendo la sua amicizia e allo stesso tempo la mia coscienza non mi rimprovererà se non andrò a votare ;)<br />

è utile ricordare la regola nr. 10 della \"netiquette\":<br />
<br />
\"Non essere intolleranti con chi commette errori sintattici o grammaticali. Chi scrive, è comunque tenuto a migliorare il proprio linguaggio in modo da risultare comprensibile alla collettività.\"<br />
<br />
http://it.wikipedia.org/wiki/Netiquette<br />
<br />
la topica capita a tutti...

Il mio non è un errore è ignoranza...

Tarcisio Torreggiani

Ma da quando in quà quattro amici non possono cenare insieme! E con noi non c\'era nessun \"intruso\", quindi gli argomenti trattati non li conosci e se hanno riguardato la \"politica\" locale è stato solo quando al nostro tavolo si è avvicinato un ex Comunista molto apprezzato per il suo equilibrio(e ce ne sono molti di ex. ma solo perchè il PCI non c\'è più! anche se quel modo di essere è rimasto nei comportamenti di qualche testa non pensante presente in Consiglio Comunale, ma forse è solo per questo.)<br />
<br />
La prossima volta riscattati! presentati e non sarai più un \"intruso\"<br />
<br />
Ciao

Vercellik

Off-topic

Sarebbero per te è congiuntivo???<br />
<br />
mamma mia che ignoranza da professorino dei poveri.<br />
<br />
CURA TE IPSUM MEDICE!<br />