All\'ex Politeama Rossini sorgeranno negozi e uffici

Maurizio Mangialardi 20/09/2008 - Maxi progetto di ristrutturazione dell\'ex Politeama Rossini: uffici, negozi, un ristorante e ancora un parcheggio in struttura e nuove opere di urbanizzazione.


Il comune ha approvato il piano di ristrutturazione dell\'ex Politeama Rossini, il vecchio cinema ormai chiuso e in degrado da anni, presentato dalla proprietà che dà il via libera alla rinascita dell\'edificio situato nel cuore del centro storico, adiacente alla Rocca Roveresca e a due passi dalla ex Gil. Proprio per questo il progetto di riqualificazione dell\'ex Politeama è collegato anche alla realizzazione di nuovi parcheggi alla nuova Gioventù Italiana.



Il progetto della proprietà, che fa capo alla società Matelica S.R.L. rappresentata dall\'amministratore unico Stefano Belogi, è stato redatto dall\'architetto Michele Gasparetti e prevede la trasformazione dell\'ex cinema in un grande polo commerciale e direzionale, con la creazione di uffici, negozi, una galleria centrale collegata direttamente al parterre della Rocca Roveresca e la predisposizione di un\'ascensore per il superamento delle barriere architettoniche.



Collegato al progetto di ristrutturazione dell\'ex Politeama Rossini c\'è anche la realizzazione degli oneri di urbanizzazione che prevede la creazione di parcheggi alla ex Gil, di proprietà del Comune. “L\'approvazione della ristrutturazione dell\'ex Politeama Rossini da parte dell\'Amministrazione conferma l\'attenzione posta alla riqualificazione di importanti edifici, tutti risalenti agli anni \'30, come la ex Gil, la scuola Pascoli e la Rotonda stessa -spiega l\'assessore all\'urbanistica Maurizio Mangialardi- si tratta di un progetto che esalta la bellezza di un imponente edificio e che si sposa perfettamente con i canoni del piano Cervellati”. La particolare vicinanza (circa 50 metri tra l\'ex Politeama Rossini e l\'area di proprietà pubblica ex Gil) consente di includere la realizzazione del parcheggio in struttura sotto la nuova Gioventù come opera di urbanizzazione a carico del soggetto attuatore del recupero dell\'ex Rossini. La proprietà quindi dovrà farsi carico dei costi di realizzazione, pari a circa 7 milioni di euro, dei circa 370 posti auto previsti alla ex Gil.



La proprietà avrà tempo fino al 31 ottobre per presentare il progetto preliminare del nuovo parcheggio in struttura, suddiviso in due piani interrati uniti da un collegamento. “Siamo convinti che la costruzione del nuovo complesso all\'ex Politeama Rossini sarà in piena armonia con gli interventi di riqualificazione effettuato nel centro cittadino dall\'Amministrazione Comunale -aggiunge Mangialardi- tanto più che rappresenta anche un\'occasione di sviluppo economico, data la previsione di nuovi negozi e uffici”.






Questo è un articolo pubblicato il 20-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 20 settembre 2008 - 7292 letture

In questo articolo si parla di attualità, maurizio mangialardi, giulia mancinelli



non mi risulta che il soggetto attuatore (Matelica 2000) abbia a suo carico la costruzione del parcheggio interrato della ex GIL per un importo di 7 milioni di Euro<br />
<br />
mi risulta che debba scucire 600.000 Euro di oneri di urbanizzazione, finalizzati al progetto preliminare e allo studio di fattibilità dell\'opera<br />
<br />
forse mi sono perso qualche passaggio

State seri per favore! Parlate di Pinocchio mica del gatto e la volpe...

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Scusa Maurizio... stiamo giocando ad acchiapparella, o pare a me? <br />
<br />
Centro direzionale sull\'arceviese. Uguale: traffico e inquinamento. E non solo a causa delle tante auto in più che si riverseranno in quei luoghi sfigati. <i>Pure le abitazioni e gli uffici inquinano (leggasi: condizionatori e riscaldamento)</i>. Negozi e uffici alla disgraziata curva della penna. Uguale: traffico e inquinamento. Nuove abitazioni nel centro storico. Uguale: traffico e inquinamento. Hotel e abitazioni sul lungomare sud e nord di Senigallia. Uguale: traffico e inquinamento oltre a prezzi delle case che si consolideranno verso l\'alto, un \"alto\" già indecentemente definito dal \"mostro Pieralisi\" coi suoi seimila euro a metro quadrato.<br />
Però c\'è una stradina condominiale altrimenti denominata \"Complanare\" che deturperà quartieri e campagne, ma che farà transitare le 25-auto-25 di chi dal Cesano deve andare ad Ancona. Al massimo se - come si sente dire - si lottizzasse qualcosa sui verdi declivi della Cesanella le persone potrebbero diventare 200. Ma niente di più... <br />
<br />
Uffici e ...negozi? I commercianti del centro storico che dicono? Che io sappia si stanno sforzando di tenere aperti i loro esercizi con le unghie e con i denti. C\'è chi parla del 30% almeno di calo delle vendite. Gli affitti arrivano ai duemila 200 euro (piazza della Rocca) e certamente un centro commerciale \"chic\" stile Maestro Restauratore Cervellati non li farà scendere. <br />
<br />
Il parcheggio sotterraneo non si farà mai. Perché con gli oneri di urbanizzazione che dice maddeche, (le cifre dell\'articolo non sono credibili: se Matelica Srl pagasse 7 milioni, gli uffici e i negozi dovrebbe venderli a 7 miliardi) sì è no che ci si scavano le buche per un campo da golf. <br />
<br />
Insomma, Maurizio, che cavolo state facendo a Senigallia in questo scorcio finale di legislatura?<br />
Finora di robette carine ne avevate fatte. Perché rovinarvi la reputazione tutto d\'un botto?

Costruzione di nuovi negozi e nuovi uffici; insomma in linea con le scelte degli ultimi anni; la sola cosa che si riesce a fare a Senigallia in parole povere (se non son mini appartamenti).<br />
Un\'altra occasione persa.<br />
Vedremo cosa ne faranno dell\'area ex sacelit ma temo che faccia la stessa fine.


\"robette carine\" mi sembra eccessivo...

Beh, dai... era solo un incoraggiamento... Così, tanto per farli rifiatare un po\'... Piazza delle erbe e la rotonda non sono male. Peccato siano diventati due luoghi assolutamente \"virtuali\"... La pescheria, per esempio. Perché non lasciarla vivere? Alla sindaca come centro tavola devono piacere i fiori finti. Temo.<br />
<br />
P.S. A proposito, la fontana di piazza delle erbe che fine ha fatto? Dove è stata riposta o collocata? E\' pur sempre un opera di \"modernariato\", credo. Qualcuno l\'ha usata come vaso da fiori o per i pesci rossi di casa? Spero di no.

E stata spostata da lì, visto che impicciava per il \"parcheggio\" del foro annonario, e adesso è la fontana \"morta\" che sta in mezzo ai giardini Morandi, dietro l\'Hotel Marche

Si parla solo dell\'albergo a cinque stelle: sul resto si tace spudoratamente!

La delibera di G. M. n. 157 del 22 luglio indica la cifra di € 600.000,00 e rotti, necessari per la predisposizione del progetto di fattibilità (o preliminare) al quale farà poi seguito il progetto esecutivo e l\'affidamento della concessione. Probabilmente negli allegati alla delibera, che non sono presenti sul sito del Comune di Senigallia, ci sarà scritto qualcos\'altro. Certo sembra tanto la cifra di 7.000.000,00 tutti a carico della ditta per la realizzazione del progetto, forse qualcosa non è chiaro. Comunqe l\'Assessore Mangialardi farà sicuramente chiarezza. Per quanto invece concerne le opere realizzate, almeno per come la vedo io, be ragazzi, di cose ne sono state fatte mica male. Certo se ne potevano fare altre, magari diverse, ma non dimentichiamoci di com\'era Senigallia all\'arrivo di questa amministrazione. Siamo onesti, almeno il centro storico ha cambiato faccia. Le piste ciclabili, per quanto alcune sicuramente risibili, aiutano non poco la circolazione in bici, prima non c\'erano. Sul futuro si vedrà, ma non prendiamo posizioni a prescindere.

Una piccola impresa edile di Senigallia

Commento sconsigliato, leggilo comunque

sono allibito!<br />
<br />
un altro centro commerciale in pieno centro di senigallia!<br />
<br />
e gli altri commenrcianti come faranno a tirare avanti?<br />
<br />
e lo smog dato dall\'inquinamento delle auto??<br />
<br />
forse se ci mettessere qualche casa chiusa sarebbe meglio non credete?

Già, è vero ci si era dimenticati delle pseudo piste ciclabili praticamente inutilizzate e per quei pochi che le utilizzano sicuramente pericolose.

melania

meglio molto meglio una casa d\'appuntamenti che non altri negozi, altri centri commerciali che significano solo altro traffico, altro smog e non certo maggiore circolazione di denaro. lo volete capire che i soldi non ci sono più.... una destinazione più utile per la città non si riesce a trovarla??? scusate se mi intrometto sono una semplice turista che da quarant\'anni e passa anni(da quando sono nata) che vengo a passare due mesi e mezzo nella vostra città.<br />

isis7

L\'idea è senz\'altro auspicabile, ma occorre attenzione e vedere bene il progetto dettagliato con particolare attenzione all\'aspetto viabilità. <br />
il semaforo di via bonopera resterà tale? l\'area di piazza del duca verrà interessata dall\'intervento? Quanti nuovi accessi di autoveicoli si prevede nell\'area in funzione dei nuovi negozi ed esercizi pubblici?<br />

Perfavore non difendere l\'indifendibile; quando nel tuo commento ho letto che le piste ciclabili aiuterebbero a tuo dire e non poco la circolazione in bici mi è venuta in mente una domanda? Tu vai mai in bici in città? Vai mai in bici nella zona del cityper? Chi come il sottoscritto ci passa sa che ciò che hai detto non è assolutamente vero; chi gira per la città vede come questi famigerati marciapiedi ciclopedonali siano un errore colossale che non vengono quasi mai usati dai ciclisti; nonostante l\'insuccesso dei primi creati l\'amministrazione ho persevarato in queste scelte sbagliate, eliminando parcheggi in favore di questi marciapiedi (altro non sono, non chiamiamole piste ciclabili perfavore).<br />

Critico anche io QUESTE ciclabili, ma le percorro senza problemi, anche in zona Cityper: basta fare attenzione, come sempre.<br />
E i rischi principali vengono sia dagli automobilisti, che hanno poca cultura delle strisce pedonali, sia dalla discesa del ponte: ecco, magari avrei fatto l\'attraversamento più il là e reso ancora più visibile.<br />
Ma in quella zona in particolare c\'è una tale concentrazione di \"cose\" che già è tanto ci sia \"quella\" ciclabile.<br />
<br />
PS: in Spagna come nel resto d\'europa hanno la vera cultura della striscia pedonale, e non ho mai visto una sola auto o automezzo non dare la precedenza ai pedoni, e i pedoni (nel limite delle loro possibilità) sempre a liberare quanto prima la corsia stradale.

No, non rubatemi l\'idea della casa chiusa.<br />
E\' da quando sono nato che il mio pallino resta una bella casa chiusa al posto della Rotonda e pontile destinato a \"vetrina\"; attracco anche dal mare al pontile e peccato che hanno devastato la parte alta della Rotonda stessa, i loft che erano presenti prima erano veramente fenomenali.<br />
Sindaco o chi per lui alla cassa ed il Comune porterà via i soldi con il camion visto il successo.

Avete presente i vecchietti del Muppet Show...vi ci vedo sai che picchiate sui tasti della tastiera del vostro pc con cattiveria...e un po\' di invidia!<br />
E vi vedo anche che accettereste di buon grado di trasformare una vostra proprietà acquistata a peso d\'oro in verde pubblico attrezzato (a vostre spese naturalmente) <br />
Sì sì vi ci vedo proprio....ma tanto adesso quando la Paradisi 2 (la vendetta) siederà sulla poltrona di sindaco ci farà vedere lei come si decementifica Senigallia...dopo rimetterà tutti i centrotavola dove quella perfida strega della Angeloni li aveva tolti!<br />
Come funziona...spiegatemi..i potenti si possono insultare e gli sfigati no?

Dove vive costui? In cima a un monte? Non si è accorto che la Giunta Angeloni ha fatto e continua a fare disastri?<br />

Lo sapevamo che andava a finire così.<br />
Fatemi capire: nel centro storico bisogna andare a recuperare le attività artigianali del paleolitico e \"riempire\" metri cubi d\'aria con tanti metri cubi di mattoni per ricostruire un percorso storico di cui nessuno sente il bisogno; al Politeama questo teorema non si applica? No, al contrario \"ben si sposa\"...<br />
Pare brutto ricordare che ai bei tempi si poteva acquisire al patrimonio pubblico il Politeama con 2.500.000 di euro (neanche la metà del contributo ex terremoto) e destinarlo ad attività polifunzionali dal cinema al teatro alla musica ai congressi, evitando di costruire quel capolavoro inutile e costoso della Fenice? <br />
Anche in questi giorni la città ha dimostrato di non avere strutture idonee per ospitare congressi di media dimensione. Una struttura congressuale da 300/400 posti in centro sarebbe un ottimo volano per gli esercizi commerciali del centro, dai ristoranti, ai caffè ai negozi.Un centro congressi al mare un po\' di meno. Nessuno ha invece bisogno di nuovi uffici e sopratuttto nuovi negozi in centro, dove quelli che ci sono fanno i salti mortali per reggere la concorrenza dei centri commerciali.<br />
Rifacciamo il Politeama al Politeama e trasformiamo la fenice in parcheggio multipiano. <br />
<br />
PS per Mariangela Paradisi: La biblioteca è un bel lavoro, piazza delle erbe un pò di meno (operazione di imbalsamazione più che di recupero urbanistico), la Rotonda piace a chi non la aveva mai vista nell\'originale pre-abbandono.


nessuna invidia Intruso, della speculazione edilizia non provo invidia, tutti possono comprare le loro proprietà a peso d\'oro, speculare e far ricadere i problemi sulla collettività, ci mancherebbe...

Caro baldoone, non ho la fortuna di vivere in cima ad un monte, mi accontento di trascorrere l\'esistenza alle saline, e quest\'anno, per la prima volta sono andato al mare usando la ciclabile di via Rovereto, che pur non essendo perfetta, e non utilizzata da tutti, contribuisce certo a migliorare la viabilità. Spesso utilizzo anche la pista per il Cityper, perchè in citta non uso la macchina e, almeno credo, sono sopravissuto fino ad oggi.<br />
Per quanto concerne il mio pensiero lo ribadisco, le piste spesso sono poco razionali, a volte malfatte, ma prima non c\'erano proprio. Credo che valga puntare sul loro miglioramento, piuttosto che sulla loro demonizzazione.<br />
A Gabriel vorrei dire che le piste ciclopedonali non sono una invenzione di Senigallia, ricordo di averle usate a Firenze almeno venti anni fa. Credo sarebbe opportuno ricordare che spesso le piste non vengono utilizzate per trascuratezza degli utenti, come d\'altronde avviene per tante altre infrazioni commesse in altri momenti della circolazione.<br />
Sostanzialmente ciò che vorrei puntualizzare è la necessità di proporre, non solo di distruggere. Si può anche essere politicamente lontani dall\'amministrazione, non per questo però va buttato tutto in malora.<br />

facciamo un glub per questa nostra pazza idea!<br />
<br />
al bando centri commerciali e negozi; ce ne sono gia troppi

Parlate d\'altro!<br />
Bella tecnica!

architetto roberto zappacosta

il politeama rossini è l\'unico teatro, nel vero senso della parola e dell\'architettura,esistente a senigallia...io lo farei funzionare da teatro come ha sempre fatto nel passato....poi fate voi,,saluti

tee5yry

Commento sconsigliato, leggilo comunque