Locali Mezza Canaja: nessuna penale per l\'amministrazione

mezza canaja 29/10/2008 - In riferimento alle dichiarazioni nei giorni scorsi su alcuni organi di informazione dal Consigliere comunale Roberto Paradisi, l’Amministrazione Comunale dichiara quanto segue.

Il Consigliere Comunale Roberto Paradisi, attraverso ricostruzioni dei fatti del tutto parziali, continua ad attribuire al Comune responsabilità ed obbligazioni assolutamente infondate. Per l’ennesima volta ribadiamo che L’Amministrazione Comunale di Senigallia non ha sborsato né dovrà sborsare neppure un solo euro per l’occupazione dei locali delle ex colonie Enel da parte del Centro Sociale “Mezza Canaja”.



Questo per il semplice motivo che il contratto di comodato gratuito sull’edificio stipulato da questo Ente con la proprietà è scaduto il 30 giugno 2006, senza possibilità di proroga e senza alcuna penale economica rivendicata ed in alcun modo riconducibile ad obbligazioni economiche del Comune.



Infatti il Centro sociale “Mezza Canaja” ha continuato ad occupare sotto la propria responsabilità e senza alcuna autorizzazione diretta o indiretta del Comune la struttura delle ex Colonie Enel. Sarà meglio che il Consigliere Paradisi si rassegni all’evidenza piuttosto che continuare a calcolare una penale che il Comune non sarà mai chiamato a pagare.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 29 ottobre 2008 - 6853 letture

In questo articolo si parla di attualità, mezza canaja, comune di senigallia, senigallia


Per quanto mi riguarda aspetto la data \"fatidica\" del 31 di ottobre, quando in teoria, se vero, dovrebbe essere richiesto il pagamento.<br />
<br />
La paura/scocciatura credo, a questo punto, sia causata dalle varie voci (personalmente non verificabili e non appurabili, quindi senza fondamento) che parlano di favori per chi andrà ad eseguire i lavori nelle ex colonie Enel in cambio della \"pazienza\" di aver ospitato il MC.<br />

Non sarà richiesto nessun pagamento, vedrai. Hanno scherzato. Non c\'è nessuna \"captatio benevolentia\". Solo un patto implicito tra gentiluomini e gentildonne, come si fa nella buona società. In democrazia dovrebbe essere diverso (per esempio, perché il Mezza Canaja sì, e - che so - un casa di accoglienza autogestita per immigrati, no?), ma chissenefrega. Del resto, chi si ricorda cos\'è la democrazia? <br />
<br />
Ripeto, hanno scherzato. E io mi sto scompisciando dal ridere. Le lacrime non le spreco di certo. L\'Italia è questa, Daniele. Abbiamo solo verniciato un sottopasso: nun t\'allarga\' Da lì a cambiare il mondo ce ne passa...

Propongo di verniciare il MEZZA CANAJA

Commento modificato il 29 ottobre 2008

Vero!<br />
infatti non mi illudo, sono solo fautore dei \"piccoli passi\"... ricordi Armstrong, 1969? ;) <br />
<br />
...e ogni tanto vado a rivedermi tutto il video del link qua sotto, soprattutto gli ultimi 4 minuti, dicendo che ne vale la pena.<br />
<br />
http://video.corriere.it/?vxSiteId=404a0ad6-6216-4e10-abfe-f4f6959487fd&vxChannel=Dal%20Mondo&vxClipId=2524_6b0863e2-5a58-11dd-bcb1-00144f02aabc&vxBitrate=300

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Beh ! il tutto mi sembra curioso, c\'è stato un comunicato in cui il Consigliere Paradisi affermava che il Comune deve pagare, il Comune risponde che non è vero: la cosa strana è che i commenatori ufficiali di Vivere senigallia a Paradisi danno credito, all\'amministrazione no.<br />
Poi ditemi che non ci sono posizioni \"a prescindere\".<br />
Non sarebbe più sano prendere atto delle due dichiarazioni e vedere cosa succede? e poi magari dargli giù duro.<br />
Invece andrà a finire che se non si pagherà tutti zitti e se invece si pagherà tutti addosso all\'amministrazione.<br />
ah! dimenticavo, io sono filogovenrativo, quindi dico solo stupidaggini: a prescindere.<br />

Infatti molto più semplicemente aspetto per vedere.

Esiste una caratteristica umana che consiste nell\'attribuire agli altri i propri difetti per sentirli meno pesanti. \"A prescindere\"? Mauri, qui mi pare che se non si paga è perché Morpurgo non chiede il versamento della penale. Mi pare faccia una certa differenza tra il \"non dover\" pagare per contratto e il non dover pagare per magnanimità del creditore. Dal punto di vista etico e politico non è la stessa cosa. A meno che chi governa non pensi di poterlo fare \"a prescindere\".

Restando strettamente al motivo del contendere continua a sembrarmi più logica l\'interpretazione del comune rispetto a quella del consigliere Paradisi.<br />
Mettiamo che Mario mi affitta un locale per un anno dandomi il permesso di subaffittarlo, io lo subaffitto a Piero con un contratto che scade lo stesso giorno del contratto principale. Alla scadenza del contratto Piero col cavolo che se ne va, vatti a fidare degli amici, che dovrei fare io? Andare li e menargli? E a chi eventualmente deve chiedere i danni Mario, a me o a Piero? Io sarei in torto se avessi fatto un contratto con Piero più lungo di quello tra me e Mario, ma, dato che così non è, di fronte alla legge, non posso essere responsabile se Piero occupa abusivamente il locale alla scadenza del contratto, sarà responsabilità di Piero, o no?

quindi chi paga?<br />
il mezza canaja?<br />
<br />
ma ci faccia il piacere!

Io apprezzo la politica del \"vediamo chi ha ragione\" di Daniele_Sole, però sono tra quelli convinti che, anche se fosse possibile, nessuna penale sarebbe mai richiesta.<br />
<br />
Quando mai un costruttore che ha un grossissimo piano di edilizia si mette a mettere in cattiva luce l\'amministrazione che decide dei suoi permessi?<br />
<br />
E poi per cifre che, confrontate ai guadagni della costruzione, sono spiccioli.<br />
<br />
E poi, il Comune, senza farlo figurare da nessuna parte, potrebbe sempre fare uno \"sconto\" sugli oneri di urbanizzazione.<br />
<br />
Insomma, il 31 ottobre non succederà niente, e nessuna penale sarà mai ufficialmente pagata.<br />
<br />
Siamo però sicuri che nessuna penale verrà mai pagata sotto la forma di minori oneri di urbanizzazione o di più alti coefficienti? Non possiamo esserlo né mai potremo.<br />
<br />
.

Bravo Mbuto. Spiegazione paziente paziente degna di un bravo maestro!!<br />
<br />
Appurato il fatto che il Comune non tirerà fuori una lira, e di conseguenza i cittadini, non capisco questo accanimento nel sapere chi e se pagherà. Saranno affari loro (Morpurgo e Mezza Canaja). Mi sembra che tutta la discussione stia prendendo una piega da gossip. <br />
E le chiacchiere, si sa, le fa chi di solito non ha proprio niente di meglio da fare!<br />
<br />
Il Mezza Canaja ha tutto il mio appoggio, così, per inciso.

La penale è il dito, cerchiamo di guardare la Luna.<br />
E la Luna ovviamente è quello che verrà fatto al posto delle ex Colonie Enel.<br />

Mbuto scusa tanto ma non credo alla tua interpretazione. Se tu prendi una casa in affitto con diritto di subaffittare e quindi, in forza di questo diritto subaffitti ad un tuo amico e quello non se ne va alla scadenza il padrone di casa non va a chiedere i danni al tuo amico perchè con lui non ha nessun contratto.<br />
Il contratto ce l\'ha con te. E in forza di quello ti chiede i danni. Fermo restando il tuo diritto di rifarti sul tuo amico. Tanto è vero che se nel contratto originario c\'è scritto che l\'appartamento va riverniciato e il tuo amico non lo rivernicia i costi di riverniciatura il padrone di casa non li va a chiedere al tuo amico bensì li chiede a te, sempre in forza del diritto che scaturisce dal primo contratto. E\' così. Il tuo ragionamento non fa una piega dal punto di vista logico, ma il diritto è un\'altra cosa. Il \"non sono stato io a non liberare i locali\" conta in una discussione tra bambini delle elementari e non tra adulti. Se poi vogliamo parlare dl fatto che nessuno chiederà niente a nessuno per non inimicarsi chi deve dare i permessi di costruire...bhè allora è tutta una altra storia

Faccio i miei complimenti a dragodargento: il suo è forse il commento più arguto e che sintetizza meglio la questione. In poche parole ha chiuso la questione e....(come direbbe Forrest Gump) \"su questo non ho più nulla da dire\"

Ok. Allora mi permetto di dare un consiglio ai senzatetto. <br />
<br />
Contatevi e fate pesare i numeri (più siete, meglio è). Occupate un edificio. Ma prima sinceratevi che il proprietario abbia tutto da perdere reclamando lo sgombero. Perché voi, intanto, avrete fatto pesare il vostro numero, oltre che, naturalmente, le vostre idee politiche, con la pubblica amministrazione. La pubblica amministrazione a questo punto vi aiuterà. Il proprietario abbozzerà e voi per qualche anno la casa ce l\'avete. Poi, chi vivrà vedrà.<br />
<br />
Perché in Italia le regole non valgono per tutti. Valgono per tutti meno quella percentuale che di volta in volta, secondo l\'aria che tira e in modo del tutto arbitrario, i politici decidono essere conveniente scorporare dal computo. Tutto ciò aumenta la fidelizzazione della clientela e la gratitudine. Non è democrazia, ma non importa. Tutti ormai siamo abituati a dare il nostro voto non a chi ha qualche probabilità di assicurare un futuro decente ai nostri figli ma a chi ha tagliato gli alberi secolari vicino al cancello che rendevano meno rapida la manovra per far uscire il nostro nuovo Suv dal passo carrabile, oppure a chi ha messo il lampione sotto casa, permettendoci di beccare il buco della serratura quando rincasiamo. <br />
<br />
Così è la vita. E che i nostri figli si arrangino!

Caro Mbuto,<br />
a me invece sembra molto più plausibile, per quegli elementi che abbiamo a disposizione, l\'interpretazione di Paradisi; se leggi attentamente questo comunicato vedi come ci sia scritto che il contratto di comodato è scaduto... e che non c\'è stata alcuna penale \"rivendicata\".<br />
Ora, se la penale in questione non esiste, perchè sottolineare il fatto che non c\'è stata alcuna rivendicazione di una penale? Fossi stato io a scrivere il comunicato avrei scritto diversamente, ovvero avrei detto che non c\'è affatto una penale ed è quindi impossibile rivendicare un diritto che non si ha.<br />
Quell\'espressione mi lascia perplesso per quanto riguarda il dato giuridico della questione.<br />
Dal punto di vista politico, penso proprio che quella penale non verrà chiesta visti gli interessi edilizi che ne seguiranno; ciò non toglie che, se così stanno le cose, l\'amministrazione comunale ha sbagliato a stipulare quel contratto, perchè corre comunque un rischio che, se va male, pagano, ancora una volta, i cittadini.<br />
Ex Gil docet!