Binci presenta un OdG sul trasporto ferroviario

treno 2' di lettura 01/11/2008 - In vista del Consiglio del 7/11/08 sulla difficile situazione del trasporto ferroviario a Jesi e nella Vallesina, Andrea Binci ha presentato a nome del Partito Democratico un Ordine del Giorno, condividendo ed apprezzando l’iniziativa del Presidente del Consiglio Comunale Paolo Cingolani di convocare un Consiglio Comunale aperto alla cittadinanza su un tema così sentito e delicato.

IL CONSIGLIO COMUNALE


VISTO


che Trenitalia ha comunicato l\'intenzione di sopprimere la fermata a Jesi dell\'Eurostar Rimini-Roma 9325, insieme a quella di Fabriano;


che tale scelta rientra nella politica di tagli dei costi del servizio del trasporto ferroviario locale, per favorire il progetto dell\'alta velocità;


che nonostante le risorse stanziate dalla Regione Marche, il Governo nazionale ha tagliato gran parte dei fondi disponibili per il servizio regionale;


che nella nostra Regione, ed in particolare nella nostra Provincia, Rete Ferrovie Italia (RFI) poco sta investendo per potenziare il trasporto ferroviario, prova ne è il mancato raddoppio della tratta Orte-Falconara;


CONSIDERATO


che l\'eliminazione della fermata dell\'Eurostar rappresenta un ulteriore passo nel processo di marginalizzazione della stazione ferroviaria di Jesi, testimoniata anche dalla diminuzione dei servizi resi ai viaggiatori, come la progressiva chiusura della biglietteria della stazione, oltre alla stessa edicola;


che la stazione di Jesi è strategica per servire, non solo l\'utenza della nostra città, ma anche i tanti viaggiatori, spesso pendolari, degli altri paesi dell\'intera Vallesina;


che la città di Jesi ha molto investito per il potenziamento del trasporto ferroviario sul suo territorio, con la decisione di aderire al trasferimento dello scalo merci ferroviario da Falconara a Jesi, insieme alla realizzazione di un ampio parcheggio scambiatore vicino alla stazione, per favorire l\'utenza di Jesi e di tutta la Vallesina, nell\'utilizzo del mezzo ferroviario;


RITENUTO


che, in base alle considerazioni sopra esposte, risulta del tutto incomprensibile la strategia di ridimensionamento dello scalo di Jesi;


ESPRIME


netta contrarietà e profonda preoccupazione in merito alla decisione di Trenitalia di sopprimere la fermata di Jesi dell\'Eurostar 9325;



IMPEGNA


Il Sindaco e la Giunta Municipale a:


  1. Promuovere tutte le iniziative possibili, di concerto con i Sindaci della Vallesina, Provincia di Ancona e Regione Marche, al fine di scongiurare l\'eliminazione della fermata dell\'Eurostar 9325;

  2. Continuare nella trattativa intrapresa con Rete Ferrovie Italia (RFI), per migliorare i servizi della stazione di Jesi;

  3. Tenere informato costantemente il Consiglio Comunale degli sviluppi della trattativa in corso;

  4. Trasmettere copia del presente ordine del giorno al Ministero dei Trasporti, Direzione di Trenitalia, Direzione di Rete Ferrovie Italia, Presidenza della Regione Marche e Presidenza della Provincia di Ancona.


da Andrea Binci
consigliere comunale Pd





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 31 ottobre 2008 - 1150 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, treno, Andrea Binci