Rete di monitoraggio della qualità dell’aria: il Comune precisa

2' di lettura 05/11/2008 - In merito alle notizie apparse in data odierna sulla stampa, si precisa quanto segue.

La rete di monitoraggio della qualità dell\'aria del Comune di Jesi è costituita da 4 stazioni di rilevamento disposte nel territorio comunale secondo quanto previsto dalla Convenzione stipulata fra il Comune di Jesi ed il Consorzio Jesi Energia a seguito della installazione della Centrale Turbogas. Lo scopo è stato quello di monitorare gli inquinanti (monossido di carbonio e ossidi di azoto) emessi dalla turbogas per verificare che la qualità dell\'aria non subisse sostanziali modifiche a seguito della installazione della centrale.


La rete è stata ideata dalla Commissione Tecnica costituita dai tecnici Ovidio Urbani (biologo), Carlo Maria Bartolini (ingegnere meccanico), Antonio Levy (fisico), previo parere della Provincia di Ancona e della Asl. Il sistema di validazione si articola nel seguente modo: le stazioni di monitoraggio acquisiscono i dati ogni minuto, tali dati vengono inviati al Comune ed archiviati. Ogni giorno il Comune invia i dati relativi al giorno precedente al Servizio Aria dell\'Arpam di Ancona che provvede a validati e a restituirli al Comune entro le ore 13.00 del giorno successivo. Il servizio Aria dell\'Arpam di Ancona utilizza il protocollo di validazione IO-Ar-01. I dati validati sono visualizzati con un giorno di ritardo e sono pubblicati sul sito del comune di Jesi. La stazione posta lungo viale del lavoro è di proprietà della provincia di Ancona che è l\'ente gestore pertanto il Comune ha solo creato un link nel proprio sito al fine di consentire ai cittadini di conoscere tutti i dati relativi alla qualità dell\'aria e non può rispondere del corretto funzionamento della stessa.


Il Comune non ha mai manifestato né voluto nascondere i dati acquisiti dalle stazioni di monitoraggio dell\'aria tanto che gli stessi sono pubblicati sul sito del Comune di Jesi e consultabili da chiunque. Il Comune ha richiesto stipulando apposita convenzione che sia l\'Arpam a validare i dati pertanto risultano anomale e poco chiare le affermazioni apparse sulla stampa locale rilasciate dal Responsabile del Servizio Aria dell\'Arpam di Ancona in quanto l\'Amministrazione comunale da sempre tramite l\'Ufficio Ambiente ha gestito il servizio individuando specifiche persone che sono quotidianamente impegnate nel ruolo di coordinamento con i tecnici Arpam e non risulta che il \"dialogo\" e la \"comunicazione\" siano mancate o insufficienti. In merito alla presunta mancanza di dati si precisa che i dati acquisiti dalle stazioni sono archiviati presso il server comunale mentre i dati visualizzati sul sito del Comune di Jesi si riferiscono alle medie validate (dall\'Arpam) pertanto la mancanza di medie valide non implica automaticamente la mancanza di dati.


Il controllo del rispetto delle emissioni al camino della turbogas previsto nella convenzione fra il Comune e il Consorzio Jesi Energia avviene quotidianamente. I dati infatti sono acquisiti dal Comune e contemporaneamente dall\'Arpam che fornisce appositi Report riepilogativi annuali. I dati sono stati sempre archiviati, fin dalla attivazione della centrale, e non hanno mai superato i valori limite previsti in convenzione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 05 novembre 2008 - 2188 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, Comune di Jesi





logoEV