Turismo: Senigallia regina delle Marche, mai così tanti turisti

3' di lettura 16/11/2008 - Un vero e proprio boom, un exploit turistico che ha letteralmente scaraventato la piaggia di velluto fra le più importanti mete turistiche del centro Italia, è questa la fotografia che emerge dai dati delle presenze e degli arrivi estivi resi noti dalla Regione nei giorni scorsi. Una sfilza di numeri positivi che non lasciano dubbi, Senigallia è la prima località turistica delle Marche. Ma non solo.

Dopo i buoni risultati del 2007, l\'estate appena trascorsa ha fatto registrare un record storico: nel mese di agosto mai così tanti turisti sono arrivati a Senigallia. “Tutta la città deve gioire di questi dati -ha sottolineato il primo cittadino Luana Angeloni-. Un risultato che premia l\'amministrazione comunale, le strutture ricettive, gli esercenti e i commercianti. Insomma è un traguardo che abbiamo raggiunto tutti insieme.” Da giugno a settembre, negli alberghi, gli arrivi sono aumentati del 6.8%, le presenze del 3,0%. Ad agosto le strutture alberghiere hanno avuto un vero boom rispetto allo scorso anno: + 8.5% gli arrivi; + 8.6% le presenze. In termini numerici, nel solo mese di agosto 2.212 turisti in più rispetto all’agosto 2007 hanno scelto alberghi di Senigallia, incrementando di ben 13.696 unità le presenze alberghiere, in totale nel mese di agosto, le strutture alberghiere hanno conteggiato 172.509 presenze, un record nella storia turistica della nostra città. Il tasso di utilizzo dei posti letto è stato di oltre il 93%.

Anche settembre è stato un ottimo mese per le strutture alberghiere di Senigallia. Gli arrivi, rispetto al 2007, sono aumentati del 12.5%, benché si sia accorciato il periodo di permanenza (- 2.3% le presenze). Insomma un vero e proprio successo. “Il lavoro di riqualificazione, valorizzazione e mantenimento della qualità della nostra offerta turistica è stato premiato -spiega l\'assessore al turismo Gennaro Campanile-. Ma la soddisfazione non è solo nostra, tutta la città va premiata. Questa intrapresa è la strada giusta.”

“La segmentazione turistica che caratterizza Senigallia ha portato i suoi frutti -fa eco l\'assessore alla cultura Velia Papa-. Questa capacità di attrazione ora va ampliata, procedendo con la destagionalizzazione.” “La conoscenza dei flussi turistici che interessano Senigallia è fondamentale -puntualizza l\'assessore alle attività economiche Michelangelo Guzzonato-. Dobbiamo entrare nell\'ottica che non solo l\'amministrazione lavora per l\'immagine della città, bensì anche i privati contribuiscono al brand cittadino. Dobbiamo puntare a migliorare la redditività delle nostre imprese.”

E ora lo sguardo è rivolto alla prossima estate. “Non possiamo rimanere a con le mani in mano, siamo già al lavoro per la prossima estate -ha concluso il sindaco-. Oltre alla riconferma del Caterraduno e del Summer Jamboree, avremmo a settembre un convegno della lega del Filo D\'Oro con oltre 1500 partecipanti e svariati tornei nazionali di molte discipline.”


Clicca il pdf per leggere i dati.


...

...






Questo è un articolo pubblicato il 16-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 17 novembre 2008 - 5415 letture

In questo articolo si parla di attualità, riccardo silvi, turismo


...piano... piano... non spingete! Mettetevi in fila... Tanto fate tutti a tempo a ringraziare Rebecchini e Nardella...! Campanile, non fare il furbo, non è da te... Mettiti in coda! Sì, Velia, oggi si può portare anche un mazzo di fiori, agli uomini. E\' di moda. Però la borsa da viaggio di Gucci per Rebecchini mi pare un po\' troppo, Luana. E\' un rifondarolo, mica un piddino in cerca di consensi a destra!

adrio 13

Condivido pienamente. L\'ottimo risultato è sicuramente merito degli ex Ass. Nardella, che ha seminato e Rebecchini che sapientemente ha saputo far fruttare e portare nuova linfa nella proposta turistica di Senigallia. Un augurio che l\'ass. Campanile continui su questo solco accrescendo le occasioni per scegliere Senigallia.<br />
Un plauso meritato agli operatori turistici che con la loro offerta di qualità hanno ben accolto chi ha scelto la spiaggia di velluto.<br />

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

ma quale ottimo risultato!<br />
L\'aumento degli arrivi, è associato ad una diminuzione dei fatturati e relativi utili. E\' una certezza che si sono visti meno ombrelloni aperti, quindi non è spiegabile come mai i risultati statistici dell\'amministrazione siano sempre in contro-tendenza.<br />
Ricordo l\'avvio di stagione e Luglio, disastrosi: si è poi sistemato tutto in un paio di settimane?<br />
<br />
Che strano...

isola

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Veramente ci sarebbe anche un\'altra versione dei fatti meno numerica e più descrittiva pronta da diverso tempo e depositata in redazione...<br />
<br />
Se vi interessa chiedete direttamente al giornale.<br />
<br />
Io nel frattempo continuo ad assistere alle pubblicazioni di tutto il mondo, meno la mia...<br />
<br />
Sembra uno scherzo dirlo ma anche questa è informazione...<br />
<br />
stanco in vacanza a senigallia

Ma perchè credete a questi numeri?<br />


Marinelli, fai come fanno tutti, apri un blog e ci metti tutto dentro

CAMPANILE – Zarina! Zarina! Hai visto i dati? Quanti turisti…tanti eh? Hai visto allora che so’ bravo a fa’ l’assessore?<br />
ANGELONI – Bravo, bravo Gennarino! Adesso però finisci di lucidare le palline per l’abero di Natale ch’è quasi ora di montarlo, dai!<br />

Off-topic

Vuoi sapere la verità Paolo?<br />
Lo volevo evitare anche per non copiare o incrementare la numerosa schiera di blogs che già ci sono.<br />
<br />
Gira e rigira mi sa che sono costretto...<br />
<br />
Rimane il fatto che in giro l\'aria puzza un pò di fraido...se un giorno ci vedremo magari ti dirò perchè...<br />
<br />
stanco in vacanza a senigallia

Da V.S del 19/06/2008<br />
FIBA Confesercenti chiede lo stato di calamità per le imprese balneari<br />
\"L’avvio della stagione turistico balneare è stata pesantemente danneggiata dalle avverse condizioni climatiche. Possiamo, purtroppo, solo constatare che la stagione balneare non sia ancora iniziata e che soprattutto nei weekend, periodi di maggior afflusso turistico, si sono sempre riscontrate condizioni climatiche con forte acqua, vento e basse temperature\".<br />
immagine non disponibile<br />
da Paolo Luzi Crivellini<br />
coordinatore nazionale Fiba Confesercenti<br />
<br />
Tutto questo sta producendo contraccolpi economici negativi per le imprese turistico balneari, con il rischio sempre più reale di mettere tutto l’intero settore in ginocchio, con ripercussioni immediate anche sugli stessi livelli occupazionali. Non ci scordiamo infatti che tali imprese si trovano già ad essere penalizzate da altre rilevanti questioni, come per i canoni delle pertinenze demaniali, su cui come FIBA abbiamo richiesto impegni precisi al governo.<br />
<br />
E’ comunque sotto gli occhi di tutti la drammatica situazione della gran parte delle imprese balneari del nostro paese a causa delle inclementi condizioni atmosferiche che perdurano ormai da diverse settimane. Per questi motivi la FIBA Confesercenti si rivolge ai Sindaci dei comuni delle località balneari ed ai Prefetti affinché sia possibile prevedere il riconoscimento dello stato di calamità naturale per queste imprese.\"<br />
<br />
Boohh

Ho guardato i dati. Tecnicamente si chiama \"rimbalzo\". <br />
<br />
Dopo una stagione particolarmente negativa, quella 2007, c\'è stato il recupero. Succede sempre così. Quello che c\'è da chiedersi, allora, è perché si erano persi turisti l\'anno scorso. Solo questioni metereologiche non favorevoli o le cause erano altre? <br />
<br />
Bisognerebbe inoltre capire se il recupero che, per fortuna, c\'è stato quest\'anno sia dovuto a qualche motivo particolare (congiunturale; per esempio i matrimoni e relativa \"luna di miele\" del caterraduno) oppure a fattori di attrattività che possono essere considerati acquisiti per sempre.<br />
<br />
Insomma, analizzate le cause con l\'aiuto dalle associazioni di categoria e fateci sapere. Per il futuro dell\'economia turistica locale è fondamentale sapere sia perché va male, quando va male sia perché è andata bene, quando va bene.

Di matematica applicata all\'economia ho capito solo che è la somma che fa il totale, quindi mi fido della prof.<br />
A titolo esemplificativo e non esaustivo, quando il catrerraduno emigrerà, avremo capitalizzato l\'investimento di immagine?

Regaz, qui mi pare che vi siano pochi commenti obiettivi...<br />
Ad esempio, coloro che giustamente ricordano del luglio disastroso, non hanno letto attentamente l\'articolo d\'apertura dove si parla dei record di agosto.<br />
Coloro che imputano questi dati all\'amministrazione palesemente gridando al falso, forse non hanno letto che questi dati provengono dalla regione.<br />
<br />
Quindi, non voglio fare il difensore di nessuno, però è frustrante leggere sempre i soliti commenti accaniti che ormai vengono reiterati indipendentemente dall\'articolo cui si commenta.<br />

Mariangela, il 2007 non era stato un anno negativo, sempre stando ai dati s\'intende, anche nel 2007 c\'era stata una crescita pressoché generalizzata di arrivi e presenze rispetto al 2006. L\'unico segno \"meno\" riguardava le presenze del mese di agosto negli alberghi (-3,00%) a fronte di un aumento degli arrivi per lo stesso mese dell\'8,6%. La cosa può essere spiegata, almeno in parte credo, con l\'agosto 2007 veramente pessimo dal punto di vista meteorologico.<br />
<br />
Anche nel 2007 Senigallia era in controtendenza rispetto ai dati nazionali, e anche regionali mi sembra, il che starebbe a dimostrare che, tuttosommato, negli ultimi anni è stato fatto un buon lavoro. Non sono in grado di giudicare di chi siano i meriti maggiori, tendo a pensare che siano un po\' di tutti, amministratori operatori ecc. compreso il Padre eterno che quest\'anno c\'ha regalato un\'estate degna di questo nome.<br />
<br />
Il discorso che fai tu del \"rimbalzo\" credo che probabilmente risulterebbe corretto se avessimo la possibilità, o la capacità, di analizzare un periodo di tempo più lungo, gli ultimi 15 o 20 anni per esempio. Ma in questo caso la cosa potrebbe dimostrare che la \"vocazione turistica\" di Senigallia è reale e concreta e non solo una vuota formuletta, se dopo la decadenza degli anni \'90 siamo riusciti a invertire la tendenza significa che i \"fondamentali\" sono buoni, per dirla alla Tremonti.<br />
<br />
Nonostante questi dati positivi, di cui ovviamente siamo tutti contenti, sono abbastanza pessimista. La redditività del turismo, almeno degli alberghi, è, in generale, in costante e vertigionoso calo e vista le prospettive dell\'economia credo ci sia davvero poco da stare allegri.<br />
<br />
Per capirci, se un albergo prende un gruppo ai primi di giugno o la seconda metà di settembre a 21 euro al giorno, pensione completa, bevande, spiaggia, serate danzanti e aperitivo di benvenuto tutto compreso, o altri alberghi stanno aperti da Pasqua a ottobre lavorando 4 mesi su 7 si e no nei fine settimana, magari le statistiche ridono, ma i conti piangono. <br />
So che a Senigallia ci sono almeno 13 alberghi in vendita, il che andrebbe anche bene se ci fossero 13 imprenditori intenzionati a comprarli, purtroppo ho forti dubbi che sia così e non è davvero un buon segno.

Off-topic

Uah uah uah uah uah uah........

Io sinceramente tutta questa fiumana di gente a Senigallia (tranne SJ e Caterraduno) non la vedo.<br />
Chiaramente sia SJ che Caterraduno sono due manifestazioni di assoluto livello internazionale che attirano comunque gente tutto l\'anno e fanno da traino al turismo senigalliese.<br />
Non so di chi sia stato il merito di queste manifestazioni ma comunque non è importante chi le abbia portate a Senigallia ma è importante mantenerle nel nostro territorio.<br />
A mio avviso occorre escogitare qualcosa anche nei mesi autunnali e invernali, mesi nei quali trovo la nostra città comunque affascinante.<br />
Spero solo che l\'amministrazione comunale non distrugga la nostra città dal punto di vista ambientale, paesaggistico e viario altrimenti davvero in quel caso i turisti ce li scordiamo.....

Hai ragione, Mbuto. Ho letto in fretta le tabelle, e i dati erano quelli di agosto. Ciò detto, restano le questioni che tu sollevi e delle quali avevamo parlato pure lo scorso anno. <br />
Sarebbe interessante approfondirle. Che ne dici? Quest\'anno ce la facciamo? Vogliamo pensare a un questionario? <br />
Perché, se è come tu dici, pensare a due \"cinque stelle\" a Senigallia è politica miope. Forse sarebbe prima il caso di stabilire le condizioni di redditività per l\'esistente.<br />
Ciao,

riposto gallosenone...<br />
<br />
Da V.S del 19/06/2008<br />
FIBA Confesercenti chiede lo stato di calamità per le imprese balneari<br />
\"L’avvio della stagione turistico balneare è stata pesantemente danneggiata dalle avverse condizioni climatiche. Possiamo, purtroppo, solo constatare che la stagione balneare non sia ancora iniziata e che soprattutto nei weekend, periodi di maggior afflusso turistico, si sono sempre riscontrate condizioni climatiche con forte acqua, vento e basse temperature\".<br />
immagine non disponibile<br />
da Paolo Luzi Crivellini<br />
coordinatore nazionale Fiba Confesercenti<br />
<br />
Tutto questo sta producendo contraccolpi economici negativi per le imprese turistico balneari, con il rischio sempre più reale di mettere tutto l’intero settore in ginocchio, con ripercussioni immediate anche sugli stessi livelli occupazionali. Non ci scordiamo infatti che tali imprese si trovano già ad essere penalizzate da altre rilevanti questioni, come per i canoni delle pertinenze demaniali, su cui come FIBA abbiamo richiesto impegni precisi al governo.<br />
<br />
E’ comunque sotto gli occhi di tutti la drammatica situazione della gran parte delle imprese balneari del nostro paese a causa delle inclementi condizioni atmosferiche che perdurano ormai da diverse settimane. Per questi motivi la FIBA Confesercenti si rivolge ai Sindaci dei comuni delle località balneari ed ai Prefetti affinché sia possibile prevedere il riconoscimento dello stato di calamità naturale per queste imprese.\"<br />

Credo che i dati provengano dall\'Enit, che li fa arrivare alle regioni. Dunque, sono dati ufficiali. I commenti - ma io parlo per me - non presuppongono \"accanimento\" ma ricerca e richiesta di un \"metodo\". Per quanto mi riguarda, ne ho abbastanza di una pubblica amministrazione che sbandiera i dati solo quando sono positivi senza far lo sforzo - doveroso - di darne una interpretazione. E soprattutto, senza essere in grado di distinguere quanto dell\'esito osservato dipenda dall\'azione pubblica e quanto dalla intraprendenza privata.<br />
<br />
Non stiamo parlando della lotteria di Capodanno, ma di supporti all\'azione amministrativa futura. A questo servono i dati. Anzi, ti dirò di più. La PA dovrebbe programmare, esplicitando i suoi obiettivi (con questa manifestazione estiva si cercherà di incrementare di \"x\" gli arrivi e di \"y\" le presenze, per esempio) e, a consuntivo, tirare le somme ed eventualmente aggiustare il tiro, se c\'è da aggiustarlo. Altrimenti, si spara nel mucchio e mai e poi mai si potrà dire: \"Ho centrato lo scopo\". E invece, coi soldi di tutti, i costi e i benefici andrebbero <i>sempre</i> calcolati.<br />
<br />
Ciao,<br />

Continuo a pensare che sarebbe non solo interessante, ma proprio necessario approfondire. L\'idea dell\'indagine (questionario) mi sembra ancora giusta, solo che, oltre a vari impicci personali che mi hanno distratto dalla faccenda, mi sono reso conto che è una cosa molto aldisopra delle mie capacità e possibilità. Comunque riparliamone, più che volentieri, per me è un onore prof :-)<br />
ciao<br />
<br />

Il comunicato di Luzi Crivellini, che mi era sembrato comunque esagerato anche a quel tempo, è del 19 giugno, in effetti l\'inizio meteorologico dell\'estate era stato a dir poco disastroso. Per fortuna dalla data del comunicato in poi, La FIBA è ascoltata anche nelle alte sfere sembra, la stagione ha ripreso la retta via regalandoci una delle estati più belle degli ultimi anni. <br />
<br />
Inoltre nel comunicato si parlava solo di stabilimenti balneari. I dati sulle presenze e sugli arrivi ci possono dire solo fino a un certo punto dell\'andamento economico degli stabilimenti balneari. Primo perché gli alberghi, gli appartamenti, i campeggi possono essere anche pieni, ma se piove e fa freddo i turisti in spiaggia non ci vanno, secondo perché una fetta molto rilevante della clientela dei bagnini (non ho idea delle percentuali, ma potrebbe essere anche un 50% e forse più)è composta da persone che non entrano nelle statitische degli arrivi e presenze: pendolari dell\'entroterra, proprietari di appartamenti estivi, turisti in appartamenti affittati in nero (sono tanti), senigalliesi che vanno al mare ecc.

tempo fa mi lamentavo della mentalità borgarola di noi senigalliesi, me compreso, per cui non riusciamo mai a accettare che qualcuno faccia una cosa meglio di noi..<br />
il massimo che riusciamo a dire \" si è stato bravo ma....\"<br />
è questo il succo di quasi tutti i commenti.<br />
Ma ci voleva molto a dire \"Bravi, continuate così!\"<br />
e no sarebbe stato troppo semplice.<br />
come al solito solo chi non c\'è è bravo.<br />
ma chissà se lo sarebbe anche se tornasse,... dubito




logoEV