L\'esito della prima riunione del comitato S. Giuseppe

jesi centro 5' di lettura 20/12/2008 - Il Comitato S. Giuseppe rende pubblico il Verbale relativo all’Assemblea pubblica svoltasi il 29 novembre scorso.

In coerenza con quanto promesso, il Comitato S. Giuseppe rende noto il Verbale relativo all’Assemblea pubblica svoltasi il 29 novembre alle ore 15,40.



Relazione d’apertura del Presidente Comitato; sintesi della memoria presentata in Consiglio com.le; illustrazione dell’iniziativa “1€”; varie ed eventuali. Dopo gli adempimenti di rito, la presentazione dei componenti fondatori il C. Il P.A. da la parola a M. Giampaoletti (Presidente) che svolge una breve relazione Circa le ragioni per le quali il C. “S. Giuseppe” è nato e le finalità che intende perseguire; conclude invitando a farsi avanti quanti vogliono collaborare a migliorare il ns.quartiere. Viene aperto il dibattito ed alcuni cittadini intervengono come di seguito: In via Garibaldi (zona Cinturello – phone center) si lamenta – soprattutto l’estate - la confusione sino a tarda notte, parcheggio selvaggio: auto sul marciapiedi, angolo (zona manifesti) ricettacolo di ogni tipo di rifiuti. Aiuola Incolta; Viabilità da migliorare: viale della Vittoria, viale del Lavoro, via Ancona e viale don Minzoni.




In via S. Giuseppe vi sono seri problemi con tombini e caditoie, specialmente in occasione di piogge battenti; Si segnala – zona S.Giuseppe - specialmente le prime ore del mattino, mancanza di luci al fine della sicurezza. Questione “subaffitti” e sovraffollamento appartamenti occupati da extra comunitari; Precaria viabilità anche per la mancata realizzazione di una “rotatoria” in corrispondenza viale del Lavoro. Non si condivide progetto “campo Boario”, più urgente risanamento edifici lungo via Garibaldi e “Borgo”; Si lamenta il degrado e la poca attenzione in cui è lasciato il quartiere più popoloso della città, in particolare l’edificio storico della “Repubblica”, ormai quasi fatiscente.




Si richiede il vigile di quartiere e si invita a collaborare con il C. per migliorare il quartiere; Interviene Giampaoletti che sottolinea l’importanza dell’adesione di cittadini al C. per spingere l’Amm.ne ad una più pronta manutenzione delle strade, molte volte piene di buche ed alla necessaria pulitura del torrente Granita; Si segnala che il parco, in zona Savoia Marchetti, è frequentato nottetempo da ragazzi che disturbano con schiamazzi, necessaria maggiore vigilanza; Sempre nella stessa zona “Marchetti” si auspica la messa in opera di rallentatori di velocità nelle vie: Lenti, Ancona,Lavoro – considerato il pericolo nell’attraversare due incroci. Provvedimento con carattere di priorità assoluta.




Opportuna sistemazione parco nei pressi “D’Onofrio” per fruibilità residenti; Si insiste sulla necessità dei rallentatori di velocità c/o “Savoia Marchetti” e pulizia parchi; Risistemazione, a spina di pesce, del parcheggio “B.Popolare” (S. Giuseppe). Disturbo da schiamazzi notturni, necessaria maggiore presenza delle forze dell’ordine, maggior rispetto degli orari di bar etc. Favorevole all’iniziativa di richiesta di contributi per piccole sistemazioni del quartiere; Attenzione al fenomeno “centro massaggi” nelle case. Manutenzione segnaletica stradale; Si segnala che nella zona S. Lucia non essendo iniziata la raccolta differenziata, ciò crea problemi a chi vuole comunque farla (mancanza di contenitori separati) ed inoltre i cittadini di Monsano approfittano per scaricare le proprie immondizie in zona; Il Presidente Giampaoletti propone alcune iniziative per la sistemazione di aiuole e come rispondere alle esigenze di sicurezza indicate. Prende la parola il V. Presidente Uncini che precisa la scelta del C. a non invitare, in questa sede, la presenza delle Istituzioni (rappresentati del Amm.ne com.le e Circoscrizione) perché si voleva sopratutto “ ascoltare” la voce della gente. Ricorda poi che compito primario del C. è essenzialmente quello di pungolare a “fare” quanto emerge dalle necessità indicate dai cittadini.




Si accusa il Comitato di non aver voluto le Istituzioni per motivi di opportunità, in vista di possibili nascenti soggetti politici; Interviene il consigliere Bortoluzzi che, in merito a quanto asserito, spiega “l’esclusione” anche con le mancate risposte della Circoscrizione alle tante istanze, non dimenticando anche atteggiamenti - della stessa - chiaramente non collaborativi. Giampaoletti prende la parola per chiarire ancora una volta la posizione del C. in relazione al questione “Moschea”. Inoltre, con riferimento alla critica precedente, sottolinea che il C. per Statuto è un movimento apartitico. Uncini prende la parola e legge ed illustra il volantino che pubblicizza l’iniziativa del C. “vivere meglio il ns. quartiere”. Proposta che si rivolge a tutti i cittadini, senza distinzione, per la volontaria contribuzione (1€ o più) da destinare alla esecuzione di piccole opere migliorative.




Si condivide nel merito l’iniziativa, ad es. si propone la sistemazione dei parchi attrezzandoli con giochi sicuri e possibilmente con luoghi adibiti esclusivamente ai cani; Giampaoletti specifica che la proposta “di 1€” è scaturita, quasi come una scommessa, per sopperire alla risposta che l’Amm.ne com.le solitamente rilascia, alle richieste che di volta in volta le vengono rivolte. Altri interventi riguardano la zona via Mugnai, via Tessitori con la proposta di raccolta firme, al fine di una maggiore sicurezza; Si richiede alla Circoscrizione est di profondere lo stesso impegno che impiega nei confronti del quartiere “Mi nonna” dove, pare, collabori molto assiduamente con il relativo Comitato.






Questa è un'inchiesta pubblicata il 20-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 20 dicembre 2008 - 1157 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi centro, Comitato San Giuseppe