Variante Arceviese e di Castelferretti, PRC: contrari nel merito e nel metodo

prc 25/12/2008 - Questioni di metodo e di merito definiscono inequivocabilmente la posizione di Rifondazione Comunista nelle pur differenti specificità amministrative e politiche, rispetto alle varianti ‘Arceviese’ (Senigallia) e di ‘Castelferretti’ (Falconara).

Metodo e merito che non condividiamo”. Nel merito, entrambe si pongono nella recente continuità di uno sfruttamento intensivo del territorio finalizzato al reperimento delle risorse, un territorio utilizzato come bancomat per chiudere i bilanci degli enti locali, il tutto senza concertazione sovra comunale e senza l’indispensabile pianificazione di area vasta.




In questo contesto è assolutamente improprio banalizzare e irrigidire il ruolo degli enti locali (e tra questi la Provincia) a notaio tecnico che si limita alla verifica esclusiva della conformità con gli strumenti urbanistici vigenti, le istituzioni possono, e aggiungiamo, debbono, potersi esprimere. Per queste ragioni confermiamo la nostra più netta contrarietà di merito alle due varianti, in perfetta coerenza e continuità con le sacrosante rivendicazioni del territorio e con le battaglie condotte dai circoli di Rifondazione Comunista di Senigallia e Falconara. Contrarietà di merito che viene amplificata dalle difficoltà con le quali si scontra un confronto di metodo. Come è possibile consentire una visione degli atti, un’analisi pacata e serena con i partiti e con la cittadinanza quando vengono convocate con urgenza riunioni che non vedono nemmeno il giorno prima la presenza degli atti da discutere? Il tutto poi ulteriormente motivato con la scadenza dei termini per il silenzio-assenso che guarda caso scade il giorno successivo ancora.




Pensiamo che il governare rappresenti un mezzo e non un fine, governare per essere notai della tecnica, ostaggi dell’emergenza che diviene prassi, non serve a nulla e anzi rischia di essere controproducente perché taglia il filo rosso di un legame diretto tra istituzione e cittadini, quegli stessi cittadini che giustamente pretendono un confronto e un dialogo costante con le istituzioni. Ecco perché la contrarietà di Rifondazione Comunista alle varianti di Senigallia e Falconara è sia di metodo che di merito, una contrarietà che andrà declinata in ogni istanza istituzionale comunale e provinciale, una contrarietà che non è figlia del “no a prescindere” ma, al contrario, che ha come obiettivo il recupero di criteri e metodi rispettosi del mandato degli elettori e soprattutto delle esigenze del territorio.



Massimo MARCELLI FLORI (Segretario Provinciale Rifondazione Comunista – Ancona)

Luigi REBECCHINI (Segretario Comunale Rifondazione Comunista – Senigallia)

Renzo AMAGLIANI (Segretario Comunale Rifondazione Comunista – Falconara Marittima)


da Massimo Marcelli Flori
PRC – Federazione di Ancona




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 27 dicembre 2008 - 1256 letture

In questo articolo si parla di politica, prc, Partito della Rifondazione Comunista, Massimo Marcelli Flori


Commento modificato il 29 dicembre 2008

Non entro nel \"metodo e nel merito\", anche perchè ne sono poco a conoscenza, ma una cosa si sa: che grazie anche all\'intervento anche di RC (e quindi non solo di PD e Verdi) la variante arceviese a Senigallia ha dei bassi indici di edificabilità, il che (se accoppiatto ad una buona edilizia) ne farà si una zona di espansione ma a misura più \"umana\" di quanto non fosse nelle intenzioni.<br />
Se poi si verificassero delle condizioni di miglioramento viario si avrebbe la classica quadratura.

a me risulta che la provincia non approva ma da solo parere di conformità. se poi qualcuno vuole fare battaglie sui prg è bene che le faccia nei comuni che le richiedono e non sperando in altri che fanno solo il loro dovere come la provincia appunto. piuttosto, mi risulta anche che il presidente della commissione urbanistica in provincia è il senigalliese Fabrizio Petrolati. come mai non firma il comunicato? certamente è più serio e sa che il lavoro fatto in provincia è ugualmente serio. un\'ultima curiosità: che dice l\'ass reg.le Marco Amagliani sulla nuova legge regionale? la si attende da 10 anni e lui sta in regione da 9.<br />
Chiarina

marco/pachito

Commento sconsigliato, leggilo comunque