Manifestazione: \'Gaza libera! Fermiamo il massacro\'

23/01/2009 - Non esistono parole che descrivano a pieno lo sdegno che le immagini e le notizie provenienti dalla Striscia di Gaza producono nelle nostre teste e nei nostri cuori. L\' azione militare delle forze armate israeliane ha prodotto migliaia di morti e feriti, in gran parte vittime civili. Non ci sono modi per descrivere questa rappresaglia, se non come un vero e proprio crimine umanitario.

Ad oggi la popolazione di Gaza viene da due anni di embargo totale che ha reso inservibili gli ospedali, aumentato drasticamente la disoccupazione, impoverito e compromesso la salute di migliaia di persone riducendole alla fame. La vita del popolo palestinese nella quotidianità di uno stato di occupazione e le tragedie della guerra ci sono state ampiamente e direttamente illustrate dal sociologo palestinese Adnan Ateyah Salem Ramadam durante l\'incontro pubblico organizzato dall\'Associazione YA BASTA nella affollatissima sala del Centro Sociale TNT mercoledì 14 gennaio.


Numerosi sono stati gli interventi di cittadini migranti e italiani nei quali è stato fatto appello ad una mobilitazione nella nostra città per esprimere la condanna e lo sdegno a tale inumano massacro.


Lanciamo quindi una manifestazione a Jesi, Sabato 24 gennaio, ore 17.30. Concentramento in Piazza della Repubblica.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 23 gennaio 2009 - 1133 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, marche, associazione, ya basta!, Ya Basta! Marche





logoEV