Monsano: Amagliani sulla bonifica, ulteriore esempio virtuoso

23/01/2009 - “Il Comune di Monsano è uno dei più virtuosi e più attenti delle Marche nelle politiche ambientali- dalla gestione dei rifiuti al risparmio energetico – e questo progetto è una nuova dimostrazione di come dalle piccole comunità e dalle piccole azioni quotidiane si possano ottenere grandi risultati di cui beneficia soprattutto la salute dei cittadini. Un esempio inoltre di come si possa collaborare costruttivamente tra istituzioni che hanno obiettivi condivisi. ”

Così l’assessore regionale all’Ambiente, Marco Amagliani,ha voluto attestare il merito e ringraziare il Sindaco di Monsano, Luca Fioretti in occasione della conferenza stampa nella sala consiliare del Comune per la presentazione del progetto di bonifica da cromo esavalente dell’area ex RCD- Sima Industrie. Erano presenti, tra gli altri, anche l’assessore provinciale all’Ambiente, Marcello Mariani, il dirigente del Servizio Ambiente e Paesaggio della Regione , Antonio Minetti e il direttore dell’ARPAM, Gisberto Paoloni. Ma in questa vicenda si apre ora anche un altro fronte di carattere legale: l’acquisizione dell’area che verrà bonificata. Sembra infatti che il sito ex industriale sia stato messo all’asta per la vendita dopo la procedura fallimentare della proprietà Venturi e il Comune sarebbe invece interessato ad acquisirla come area di pubblica utilità.


L’assessore Amagliani ha assicurato la massima disponibilità della Regione Marche ad assistere il Comune per aprire una vertenza legale e rendere automatica questa procedura di acquisizione da parte di un ente pubblico danneggiato in tale misura. “ E’ al limite del paradosso – è stato il commento di Antonio Minetti – che tante risorse pubbliche, quindi di tutta la comunità, servano per bonificare un’area che poi per cavilli giuridici potrebbe essere acquistata per pochi spiccioli da un privato. Andrebbe accertato forse se responsabilità penali da danno ambientale non precludano, e sarebbe auspicabile, una vendita diretta.“ “Monsano - come ha ricordato lo stesso sindaco - ha subito per circa 30 anni una delle più rilevanti situazioni a livello europeo di inquinamento delle falde acquifere da cromo esavalente, dalla fine degli anni ’60 fino al 2001. Un danno ambientale gravissimo causato dallo sversamento nei fossi di sostanze tossiche causato da un’industria del settore della cromatura dei metalli - la RCD prima e la SIMA Industriedel gruppo Venturi poi – che ha interessato dapprima la zona di Sant’Ubaldo e poi negli anni, un’area molto più vasta fino a Marina di Montemarciano.”


Questa la situazione che ha consentito di attingere al Fondo per la promozione dello sviluppo sostenibile, destinata alle aree ad elevato rischio di crisi ambientale (AERCA) dichiarate tali a decorrere dal 2000 per uno stanziamento complessivo di 3 milioni e 510 mila euro per 6 progetti presentati dal Comune di Ancona e dal Comune di Monsano per la bonifica, appunto, dei siti inquinati. Come si ricorderà, tra le aree a rischio è compresa quella di Ancona, Falconara e Bassa Valle dell’Esino per la quale il Consiglio Regionale delle Marche nel 2005 ha approvato il Piano per il Risanamento con la conseguente sottoscrizione dell’Intesa istituzionale tra la stessa Regione, la Provincia di Ancona ed i Comuni di Ancona, Falconara Marittima, Montemarciano, Chiaravalle, Monte San Vito, Monsano, Jesi, Agugliano e Camerata Picena. In questa fase la Regione ha coordinato le attività dei diversi enti potenziali beneficiari del finanziamento provvedendo tra l’altro all’attestazione di conformità al Piano delle istanze presentate. Per Il Comune di Monsano il progetto di Recupero e bonifica dell’ area ex RCD ha beneficiato di un contributo del Ministero dell’Ambiente di 450 mila euro. Per procedere alla realizzazione dell’intervento, il Ministero dell’Ambiente ha sottoscritto un’intesa con il Comune di Monsano e con la Regione Marche attribuendole un ruolo di regia. Un documento che, tra l’altro, definisce ruoli, modalità e tempistiche per la realizzazione, nonché gli aspetti finanziari del progetto che ha un costo complessivo di 924 mila euro. Considerata l’urgenza di procedere alla mitigazione di tale criticità, la Regione Marche ha stanziato un finanziamento di oltre 181 mila euro finalizzato alla progettazione ed alla immediata realizzazione delle indagini preliminari. “La Provincia di Ancona – ha detto l’assessore provinciale Marcello Mariani, ricordando che Monsano è l’unico comune della provincia ad avere la certificazione ambientale Emas - ha il ruolo di accertare il completamento degli interventi di bonifica, messa in sicurezza, nonchè la conformità degli stessi al progetto approvato e si è già impegnata con un contribuito di 218 mila euro.”


La quota invece a carico del Comune di Monsano ammonta ad 74 mila euro. Gli interventi – come ha spiegato il progettista Gianni Napoleone - sono divisi in tre stralci funzionali, oltre ad una fase propedeutica per acquisire elementi di analisi e mettere a punto attività sperimentali. Operazione che il Comune ha già iniziato con l’avvio delle procedure per la realizzazione dello stralcio iniziale del progetto, necessaria ai fini della progettazione esecutiva e quindi all’appalto delle opere che dovranno concludersi entro il 2010.


Clicca il pdf per leggere la storia del sito.



...

...






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 23 gennaio 2009 - 1800 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, amagliani