Prc: Hotel Marche, il confronto deve essere davanti ai cittadini

Roberto Mancini 11/02/2009 - Anche nel caso dell\'Hotel Marche, il confronto di opinioni di fronte alla città rappresenta il metodo migliore.

La Presidente Casagrande ha ricordato che il programma di dismissioni, annesso alla più generale e complessa pratica del Bilancio di previsione 2009, approvato dalla Provincia di Ancona, prevede una rosa di possibilità per il futuro dello storico Hotel Bagni (una da noi condivisibile, l\'albergo, e altre meno, come la residenza); ha altresì affermato che la decisione ultima spetta al Consiglio Comunale di Senigallia. A questo punto, una mozione è stata presentata in Consiglio Comunale, passaggio ritenuto necessario dalla stessa Presidente della Provincia.


Allora dove starebbe il problema o, addirittura, la strumentalizzazione? In sostanza, la mozione “conferma la destinazione ricettiva alberghiera” e pertento offre l\'opportunità di assumere tempestivamente una decisione senza altri indugi e senza il rischio di lasciare dormire la pratica per mesi in qualche cassetto. Come tutti sanno, Senigallia presenta già una gran abbondanza di appartamenti turistici e la conferma della destinazione alberghiera non solo toglierebbe i dubbi e le preoccupazioni che possono sorgere circa il destino della nostra più importante struttura alberghiera, ma eliminerebbe anche alla radice la possibilità di altre destinazioni che non sono gradite alla cittadinanza senigalliese né utili alla nostra economia turistica.


Fabrizio Petrolati, Consigliere Provinciale

Roberto Mancini, Consigliere Comunale


da Partito della Rifondazione Comunista




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-02-2009 alle 17:03 sul giornale del 11 febbraio 2009 - 4626 letture

In questo articolo si parla di roberto mancini, politica, hotel marche, Partito della Rifondazione Comunista


ancora?<br />
ma un articolo al giorno sull\'Hotel Marche?<br />
Allora io propongo anche una mozione perchè l\'ospedale di Senigallia sia a destinazione sanitaria!<br />
E se non l\'approvate vuol dire che volete trasformarlo in miniappartamenti!<br />
E intanto se parla di me!<br />
Uffa!<br />

Credo che la stragrande maggioranza sia per l\'attuale destinazione alberghiera, quindi non vedo lo scopo di una polemica in merito.<br />
Il problema, secondo me,invece è un altro e del quale bisogna iniziare a preoccuparci. (correggetemi se le informazioni che ho sono errate) <br />
Questa struttura è fra quelle che la provincia ha deciso di vendere e sicuramente chi la dovrebbe acquistare sarà un privato, non credo che lo possa fare un ente pubblico. <br />
Non so se è solo la prima o la seconda asta che va deserta e stiamo aspettando la terza.<br />
Se un privato la deve acquistare sicuramente la destinazione alberghiera è quella per lui meno remunerativa, coi tempi che corrono forse anche quella residenziale è un azzardo.<br />
Se va deserta anche la prossima asta ed alla fine lo stabile non si vende cosa si fa?<br />
Ci teniamo un\'altro palazzo vuoto?<br />
<br />

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Ignoto

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Caro Mancini, rassegnati. Non ci sarà nessuna delibera. E il motivo è chiaro. <br />
<br />
A Senigallia ora va di moda il \"Cinque Stelle\". Tutti i costruttori delle nuove aree messe a disposizione per la speculazione edilizia - Sacelit, colonie Enel, Cervellati - vogliono costruire un Cinque Stelle. Il che è un problema non da poco. Primo, perché Senigallia neppure uno, ne regge. Economicamente parlando, intendo. E, forse, non lo reggono neppure le Marche, tant\'è che quel vecchio volpone di Pieralisi, certamente non l\'ultimo arrivato in fatto di affari proficui, ha fatto declassare il suo Federico II a un quattro stelle. Anche per l\'Hotel Marche era stata ventilata la medesima destinazione. E che due aste siano andate deserte ti conferma quanto i nostri politici di profittabilità privata ne capiscano ben poco. Ma è normale, visto che la loro profittabilità personale è sempre stata tutta pubblica.<br />
<br />
In sintesi, rassegnati, Mancini. Nessuno dirà e farà niente sull\'Hotel Bagni, fintanto che non si sarà chiarita la questione tra i costruttori interessati agli altri due ipotetici alberghi \"Five Star\". E ti dirò di più. Secondo me anche la definitiva soluzione del problema della privatizzazione del lungomare avrà la sua importanza. <br />
<br />
Buona corsa.

P.S. Mancini, del palazzetto del turismo ai giardini Morandi e del complesso \"colonie dei ferrovieri\" (mi pare che quello fossero) alla fine di viale IV Novembre, ex-sede provvisoria di un Istituto Superiore ora spostato al famigerato \"Campus\", che ne facciamo? Anche quelle due strutture hanno un valore, privato e collettivo, non da poco. Ne sai qualcosa?

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

P.P.S. Ah già... Ci sono anche l\'ex-Arena Italia, ricoperta di Eternit, mi pare - con buona pace dell\'ALA e di Montanari - e le casette basse lungo il porto. Quante occasioni imperdibili per la speculazione edilizia! Ci vogliamo fare una chiacchierata? Dai Mancini, che la corsa è lunga e di cose di cui discutere ce ne sono a bizzeffe...

Allora, se per un attimo si vuole uscire dalla solita filippica contro \'sti governanti.<br />
Mi risulta che nelle previsioni votate dalla provincia ci sia la previsione che una parte dell\'Hotel Bagni debba essere prevista a residenziale, petrolati poi ci dirà cosa era convinto di aver votato. <br />
Poi scopriamo che oltre i politici anche i privati sono degli incapaci. ( a questo punto non capisco perchè ci sia stata la riunione a Davos quando potevano venire qui a Senigallia, dove risiede la fonte primaria della risoluzione di tutti i mali economico-politici universali) <br />
Ma per piacere! <br />
Il punto non è questo , a Senigallia non esiste, o meglio è irrilevante, una fazione per la trasformazione residenziale . Quindi la polemica ormai è evidente è solo pretestuosa e alla ricerca di puibblicità.<br />
Il punto vero è che Senigallia rischia di avere un altro palazzo vuoto con nessuno che voglia o che abbia i soldi per metterlo a posto.<br />
<br />

quindi la polemica è solo speciosa a fini di pura visibilità

Non ho capito dov\'è il problema signor mauri. Mancini è un politico candidato Sindaco e i voti si trovano rendendosi visibile. L\'importante è che i suoi interventi non siano fuori luogo e non mi pare sia così, almeno finora. Però mi rendo conto che prendere decisioni nel chiuso delle stanze è diventata la modalità più gradita per governare e in questo senso mi è chiaro il suo commento.

Il problema sta nel fatto che il consigliere provinciale Petrolati ha votato il bilancio del 2009 della Provincia, in cui era prevista la parziale trasformazione dell\'hotel in miniappartamenti e poi se ne esce con questo comunicato.<br />
<br />
Mi ricorda una situazione simile con la variante arceviese.<br />
Ma perchè votano una cosa e poi dopo la contestano ?<br />
Un minimo di coerenza, suvvia, se no sembra che con questo metodo ci si voglia marciare<br />

Non voglio fare il difensore di nessuno per carità, ma forse quando Petrolati ha votato la delibera provinciale che lasciava aperte tutte le strade per l\'Hotel Bagni ancora RC si fidava dell\'amministrazione Angeloni. Poi è uscita proprio per l\'aggressiva politica urbanistica portata avanti proprio quest\'anno. Ce la siamo già dimenticata la scazzottata di fine agosto? Mi pare che allora non ci sia incoerenza se RC ci mette in guardia. Perché non riconoscere la buona fede? O la dietrologia è una malattia contagiosa?

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento modificato il 11 febbraio 2009

...e allora che si facciano un paio di 4 stelle, quantomeno per cominciare a cambiare la visione d\'insieme: i 5 stelle arriveranno...