La politica vista da... Savì! \'Un gallu solu canterà\'

gallo 6' di lettura 17/02/2009 - L\'amico Savì... quante ne sa? Ci racconta la politica a modo suo, con l\'ironia e la leggerezza di una discussione informale tra amici del \'borgu\' di fronte a un bicchiere di vì. Per cui prendetelo per com\'é: uno spettegolare ...senza testa. Astenersi lettori privi di umorismo.


Si nun fusse stadu pe \'Rminiu de Manzottu, nu sapria mancu che st\'annu c\'enne le vutaziò. sa madosca ma \'rcuntadu tuttu li la sucetà uperaia bevennose mezzu litru de vì. Secondo lu le faccenne stariane, più u menu a cuscì:


C\'enne quellu che fa l\'aucatu, no quellu che cumanna, cull\'altru, l\'Usimanu , che tutti lu volene ma che quellu che fa \'l duttore je tura contro ascieme a quello che fadiga a Recanati e a quellu che sta li la muturizzaziò, no, nu n\'ènne quelle che fa \'l vì a Camburà! (a ditta de \'Rminiu tutti e do fanne sci e no pe mezzu!!). Quellu che cumanna \"le case de la libertà che sta a Ancona vole a l\'Usimanu a sinnigu e pure quelli de Casini e pure quelli che stanne cu Fini lu volene. Mettetece pure che a quellu che enne stadu sinnigu a la fì je sta be. Lu cure pe fa turnà un po de pace in te sa città e vedarete che l\'acqua staolta \'rmacinerà.


Direte valtri: \" allò emu fattu! Mancu pe\'l caulu! Ce n\'enne n\'antri pò che vole mettese a sede su la pultrona \'n do che na olta c\'era \'na testa. Sci perchè vistu che nuà semu\" senza testa, l\'unniga che c\'era stacea li in te l\' l\'uffizio del sinnigu accuscì quannu buccava drentu se la mettea e ragiunava pe\'l bè della città. Adè nun c\'enne più mancu quessa de testa. Boh!!!!!


Ma \'ndamu avanti. L\'altru giornu è sgappaadu fora n\'antro aucatu, quellu che sta sul domu, A sentillu dice che farà \"la diagunale\", nualtri de campagna li chiamamu \"acquarecci\" che sariane i solchi fatti a traersu giopp\'el campo pe nun fà fa la pianara all\'acqua quannu pioe. A divve la verità \'Rminiu dice che quessu va dicennu che pierà 4.000 voti, sempre \'Rminiu però ha dittu che pe fa turnà i conti, i voti li \'ndarà ha pijà giò da Ceccò, quellu che venne le gazzose al Padijò.


De siguro pò nun mancheranne quelli che stanne a mancina che c\'hanne ragiò perchè sa mancina nun se sa più chi enne e solu a lora je \'rmasta la fede de la falcetta e il martellu pere se urmai c\'enne le meditrebbie e le \'ncudine per dà \'l filo a le falcette nun se troane più. Pare che se vole \'rmette cu quelli che \'na olta erene cuministi ma che adè s\'enne misciati cu un po de demucristiani (nun se capisce quali, vistu che \'ntra questi ce stanne un po de quelli che erane cu quellu brau che, era de Recanati che enne mortu, e pure un po de quelli che staceane cu quellu de Pesare, e nunce mettu sopro gnè!) Pe fa vede ches\'enne magiuliti adè li cumanna quellu de Campucavallu \"tortu collu\". Lu tiene lì perchè enne quellu che nun manca mai e che c\'ha tempu de stacce.


Cussù, però parteggià un tantini troppu mentre duvria sta sopru le parte e \'rtenella pure pe cul\' ragazzu, il fiu de Pugnalò. U sentitu dì che cussù s\'era sdeleadu e che pe fallu \'rturnà je hanne prumessu che farà \'l vice sinnigu (se vincene). Se fussi in lu, iu me presenteria da per solu ne pijerà poghi? ne pierà tenti? nun je fa gnè, però saprà quantu pesa e forsi su pesu putria pure spusta la belancia. Quessu saria mejiu pe lu e pe tutti quelli che nun c\'hanne voija de vudà pe su populu che gambia nome e culore ogni do o tre anni, che se \'rmistia e rimbugina sempre in te lu stessu stipu e bada a magnà in te lu stessu troccu.


Tutti quessi la stanne pe la fia de Anndreò,che \'na olta, assieme al maritu, stacea cu quellu che fra un pò nun sarà più sinnigu. L\'amighi sua, hanne fattu le proe pe le vutaziò e pare che enne riada prima (dice \'Rminiu che erene tutti amighi de lora e che cull\'altrui nu l\'hanne chiamati u nu l\'hanne vuludi.. nun ce capisci gnè!) Je stane a dà de finu, cumenzane a discure, a dumannà de tuttu, de cume va sul cumune, cume va i cà, cume va il fornu pe brugià i morti, \'ndo hanne buttadu i soldi e via discurrennu. A tutte su dumanne quellu che cumanna adè je risponne pe le rime su \'l globbe (che adè se nun c\'hai un globbe nun sai gnisciù) saria cume scrie sul giurnale che tuti polene cumprà \'nvece scriene su \'l cumputere che multibè de quelli che giranne a fa la crucetta nun ce l\'hanne, quessi che scriene nu lu capiscene e badane a fa... brutta me la vedu!..


Riamu a quelli che stanne a palazzu. Enne un bel po de tempu che ce stanne e hanne fattu \'l bellu e il cattiu tempu. Hanne sumentatu, facennu tante sucietà, facennu laurà tanti cristià, poghi però enne siguri perchè \'gni tantu, se suciietà, e mistiane e calche percigu casca. Hanne fattu i marciapia. hanne sfaldadu tante strade, hanne fattu a cagnara cu multibè dentru e fara le mure. Chi dice a ragiò chi dice de no, però la numea de cagnaroli ce l\'emu piada. Ma lu sbaju più granne l\'hanne fattu cu quelli che fadigane pe lora. (\'Rminiu che era amigu del cumbattente \'rconta che \'l padre che nun tiè a conmtu i fiji sua enne \'l peggiu padre che c\'è, se ne \'ccurgerà!) A da mente a quellu che se sente, pare che \'l sinnigu duvria diveanta \'l vice sinnigu e che \'l sinnigu girà a fà \'l direttore generale. Sa suluziò saria l\'unniga che pole tene a bada tutti cull\'altri che volene cure pe sa poltrona cume quellu che fa le molle cher stacea de case pe le piane, cull\'altro che sta all\'Imos, e via dicennu.


La fuijetta enne fenida e Marcellu nun me fa buffu.. e po a da da bè su cammellu de \'Rminiu nun me basta la pensiò!Ve saludu!

Savì






Questo è un articolo pubblicato il 17-02-2009 alle 19:02 sul giornale del 17 febbraio 2009 - 3637 letture

In questo articolo si parla di attualità, elezioni, politica, osimo, satira, Allegra Brigata, gallo, salvì, Savì





logoEV