Dalla senatrice Amati la proposta di riordino sulle norme per il benessere animale

silvana amati 1' di lettura 13/03/2009 - Da Senigallia per il riordino delle norme sugli animali d\'affezione: Silvana Amati sabato 14 marzo alle 15,40 su Radio Vaticana.

Occuparsi di animali d\'affezione vuol dire anche occuparsi delle donne e degli uomini che li hanno per compagnia. Spesso l\'unica, l\'ultima in un mondo sempre meno solidale. Questa è una delle motivazioni che hanno portato la senatrice Silvana Amati a presentare una proposta di legge, sottoscritta anche da colleghi del PDL, sulla medicina veterinaria convenzionata per cani e gatti, sulla quale si è poi trovata una larga convergenza e che dovrà portare al riordino complessivo delle norme sugli animali, dalla revisione della legge sul randagismo alla pet therapy.



Dopo la giornata di studi al Senato a cui hanno partecipato le principali associazioni che si occupano della tutela degli animali, le associazioni veterinarie, parlamentari di entrambi gli schieramenti, i capigruppo del PD e della PDL, le Sottosegretarie Brambilla e Martini, anche l\'attenzione della stampa nazionale è stata significativa, come segnala anche questa settimana la pagina dedicata al tema dall\'inserto Salute di Repubblica. Di tutto questo si parlerà in una intervista in diretta della senatrice Amati sabato 14 marzo alle 15,40 sulla emittente di Radio Vaticana oppure sul sito www.radiovaticana.org






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-03-2009 alle 17:48 sul giornale del 13 marzo 2009 - 2923 letture

In questo articolo si parla di attualità, silvana amati


isis7

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Tarcisio Torreggiani

Mentre il Paese va verso una deriva antidemocratica grazie ad entrambi i poli, mentre la Merloni chiude a torino e disloca in polonia e lascia sul lastrico 700 famiglie, mentre si fa sempre più pesante l\'elenco degli incidenti sul lavoro, il lavoro in nero, la violenza sulle donne e le persone ecc...., Mentre i dirigenti regionali della sanità e della nostra zona territoriale brancolano nel più profondo buio nella ricerca di soluzione dei problemi sanitari delle persone, è confortante che la \"nostra\" senatrice e gli altri politici riescano a trovare accordi Bi-partisan sulla tutella degli animali.

Ludmila Cecchini

Non credo che la senatrice Amati non si occupi e preoccupi di tutti gli altri gravi problemi nominati dal solerte signor Torregiani. Però le recenti tragedie provocate da una cattiva gestione degli animali,che, comunque, rientra nelle competenze delle pubbliche amministrazioni (e non dei poveracci disgraziati che si mettono nei guai per aiutare cani abbandonati) dimostra che ci si deve occupare anche di quel tipo di problemi. <br />
Penso che il continuo rincorrere quello che è \"più importante\" che \"viene prima\" porti solo ad arrampicarsi senza costrutto, perché ci sarà sempre qualche altra cosa \"più importante\" e, in tal modo nulla di concreto poi si fa, perché a suon di problemi e di gradazioni di \"importanza\" non si finisce mai. I problemi, chi è stato eletto, deve affrontarli tutti, man mano che si presentano.Brava senatrice Amati!<br />
Mila Cecchini<br />