Via Po: il caos del cantiere e le prove generali della complanare

14/03/2009 - Partendo dall’analisi delle problematiche venutesi a creare con l’apertura del nuovo Ponte Portone, dopo diversi mesi dal nostro intervento circa la viabilità e la vivibilità di tutta la zona, ci sentiamo in dovere, ora, di effettuare una valutazione su come tutta l’area risulti più che mai in sofferenza.

I residenti di Via Stradone Misa lamentano un traffico caotico e congestionato in tutte le ore del giorno, mentre di notte le auto sfrecciano a gran velocità. Il transito delle autoambulanze è compromesso dalle code di veicoli che si formano ,creando seri problemi per raggiungere l’ospedale. L’uscita dai passi carrabili risulta impossibile e spesso accadono tamponamenti. La nuova rotatoria che il Comune sta realizzando all’altezza dell’incrocio con Via Po, non agevola affatto il traffico veicolare, anzi la situazione si aggrava, poiché il progetto prevede delle carreggiate strette che si intasano facilmente soprattutto con i mezzi pesanti.


L’attraversamento pedonale all’altezza di Via Po, per raggiungere l’Ospedale è inagibile per i diversamente abili, gli anziani e le mamme con le carrozzine, poiché sono sati realizzati dei gradini nel lato Ospedale, quindi barriere architettoniche che non agevolano queste persone, costrette a veri e propri slalom pericolasi tra il traffico che si congestiona all’altezza della rotatoria. Via Po , strada che insiste nella nuova rotatoria risulta quasi sempre paralizzata dall’ingente traffico che proviene dalla Corinaldese. Una strada vecchia e sottodimensionata per il traffico odierno, il manto stradale è fortemente danneggiato, gli attraversamenti pedonali non sono messi in sicurezza, creando gravi disagi soprattutto agli anziani che vanno a fare la spesa nell’alimentari, nella macelleria o nella farmacia. In Via Cupetta la situazione non cambia, gli scuolabus che portano i bambini a scuola hanno difficoltà a transitare e a sostare. Nella zona Borgo Coltellone i marciapiedi sono fatiscenti, non vi sono piste ciclabili e mancano rallentatori di velocità soprattutto nelle vie che si intersecano con Via Po.


La zona artigianale ha una segnaletica poco visibile, l’illuminazione è pressoché assente e di notte diventa ricettacolo di tossicodipendenti, inoltre i bidoni della differenziata sono pochi è non riescono a far fronte alle necessita delle attività produttive presenti. In questa zona il Comune intende realizzare una Strada Complanare, che andrà sicuramente ad aggravare questa situazione; la complanare porterà ulteriore traffico in Via Po, che non è in grado di supportare la mole di veicoli ed in Via Stradone Misa , quindi andrà in tilt tutto il sistema viario da e per il Centro Storico. Se un cantiere piccolo come quello per la rotatoria di Via Po- Via Stradone Misa , che durerà pochi mesi, ha seriamente compromesso la viabilità , paralizzando per ore gli automobilisti, immaginatevi cosa si verificherà con la strada Complanare, che riverserà ulteriore traffico su strade già collassate; durante l’apertura del Cantiere ,poi, per la realizzazione della stessa si prevede un transito di centinaia di mezzi pesanti al giorno per portare materiale, oltre ad un forte inquinamento acustico ed ambientale.


Non è aprendo nuove strade che si ridurrà il traffico esistente, anzi è vero l’esatto contrario. La situazione del traffico a Senigallia è purtroppo la conseguenza di una politica miope di assurda edificazione che ha sottratto aree vitali di respiro e prodotto un crescente pendolarismo.


Niccolò Rossi, Donatella Berardinelli iscritti Forza Italia-PDL

Giuseppe Gambelli, segretario UDC


da Giuseppe Gambelli, Niccolò Rossi, Donatella Berardinelli






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-03-2009 alle 12:11 sul giornale del 14 marzo 2009 - 4211 letture

In questo articolo si parla di attualità, niccolò rossi, giuseppe gambelli, senigallia, donatella berardinelli


\"Non è aprendo nuove strade che si ridurrà il traffico esistente, anzi è vero l’esatto contrario. La situazione del traffico a Senigallia è purtroppo la conseguenza di una politica miope di assurda edificazione che ha sottratto aree vitali di respiro e prodotto un crescente pendolarismo.\"<br />
<br />
Come no, che stai dicendo! Guarda città come Roma e Milano dove praticamente ogni anno si costruiscono nuove strade, il traffico è praticamente inesistente!d<br />

Dalla foto mi pare che il traffico scorra alla grande... :D

antipigiamone

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Ah si?!?!? E chi di loro sarebbe il mio vicino di casa?<br />
<br />
In ogni caso abito proprio sull\'incrocio, e si sopporta bene....dopo averci preso l\'abitudine.<br />
La complanare non credo farà arrivare più traffico di quanto ce ne sia ora, ma non ho \"numeri\" ne dati tecnici per confortare questa ottimistica previsione (o meglio, speranza).

credo proprio che aprendo queste strade portino via il traffico che va verso nord

finchè ci sono i cantieri è ovvio che ci siano dei problemi, bisogna aspettare che tutti i lavori siano finiti per avere un\'idea veramente chiara

giov

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Anche il traffico di Bangok si sopporta bene dopo averci preso l\'abitudine.........anche lavorare in miniera ci si lavora se l\'alternativa è morire di fame..........<br />
Durante i cantieri della Complanare intanto beccatevi i 290 camion che transiteranno ogni giorno.<br />
Quando la complanare sarà finita beccatevi il traffico in uscita verso il centro, più il traffico generato dai 2000 nuovi abitanti che popoleranno la collina del seminario.<br />
Non ho parole, vi rovinano la vita e sorridete.....Bravi!