Il Casinò a Senigallia? Si può fare

13/03/2009 -

Il casinò a Senigallia? Si può fare. L’input arrivato dagli operatori economici cittadini piace al Comune che si dice pronto a recepire il messaggio e ad attivarsi per valutare la possibilità di realizzare in città la prima sala da gioco di tutto il centro e sud Italia.



La Rotonda che apre le porte alle coppie che vogliono sposarsi con rito civile in una cornice d’eccezione è un ulteriore passo avanti nel promuovere un’immagine raffinata ed elegante della spiaggia di velluto. Il vero colpo gobbo però sarebbe riuscire ad aprire proprio un Casinò a Senigallia. Se l’idea negli anni passati è circolata spesso, stavolta però il sogno potrebbe diventare realtà. Il Governo infatti sta predisponendo appositi bandi proprio per il rilascio delle autorizzazioni per l’apertura di case da gioco. Un’occasione più unica che rara dunque e Senigallia sta pensando seriamente alla propria candidatura.


Sono assolutamente d’accordo con gli operatori quando dicono che la nostra città ha tutte le carte in regola per ospitare un casinò –afferma l’assessore al turismo Gennaro Campanile- è una proposta direi in linea con la politica di valorizzazione dell’immagine di Senigallia che si consacrerebbe così capitale del turismo. Altro elemento di prestigio è rappresentato dal nuovo porto che stimolerà anche il diportismo”. Nautica e casinò del resto sono un binomio spesso da sogno, sulla scia ad esempio di quanto avviene a Montecarlo. Gli operatori turistici avrebbero individuato anche il luogo più adatto ad ospitare la sala da gioco nell’hotel Marche, in stato di abbandono ormai da qualche anno. L’ex Hotel Bagni, sul lungomare Marconi, a due passi dal molo e dalla Rotonda, è stato recentemente ceduto dalla Regione alla Provincia che vuole venderlo. Il comune di Senigallia ha imposto un vincolo rappresentato dal mantenimento della vocazione turistica della struttura. Le due aste indette dalla Regione Marche sono andate deserte ma la prospettiva di farne un casinò certamente cambierebbe e di molto la prospettiva.

“L’Hotel Marche potrebbe essere certamente adatto perché è uno dei simboli della città e incarna la nostra vocazione turistica –aggiunge Campanile- è solo però una delle possibili location”. Tra il dire e il fare spesso c’è di mezzo il mare, ma stavolta potrebbe essere diverso. “E’ ovvio che non abbiamo mai parlato in Giunta di questa possibilità ma l’input che ci è arrivato dalle categorie ci stimola a darci da fare –sostiene l’assessore al turismo- si tratta ora di capire come sono impostati i bandi e quelli che sono i requisiti richiesti e credo proprio che bisognerebbe farlo. Sono anche convinto che oggi sono superati i pregiudizi etici sul gioco d’azzardo che si svolgono all’interno dei casinò proprio perché parliamo di strutture regolamentate e che operano in trasparenza e le città che possono vantare queste sale ne sono l’esempio”.

Un casinò a Senigallia innescherebbe anche una reazione a catena con effetti positivi su tutta l’economia cittadina. “Senigallia è pronta –conclude Campanile- perché ha la giusta mentalità turistica e dell’accoglienza. L’apertura di un casinò sarebbe il volano definitivo per l’economia turistica, che è il nostro primo settore. Sono contento che in questo progetto abbiamo anche l’appoggio degli operatori turistici da cui è partita l’idea”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-03-2009 alle 23:46 sul giornale del 16 marzo 2009 - 6983 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, casinò, casin�

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Bc


Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

La sindc te dira\' de no\'. sta sigur<br />
speram ch\' el fiol i fag a cambia\' idea.

Anonimo

Altra location potrebbe essere la ex SMOM o Villa Bellegard, ce anche il cimitero vicino, non si sa mai, per uno che perde de brutto, se decide de passà a miglior vita, servizio completo....

Ancora nessuno ha capito che per risollevare le sorti della Rotonda a Mare bisogna farci un bel bordello con attracco via mare e nel piazzale avanti alla Rotonda ci saranno i camion per portare via i soldi.

Io mi sono rovinato col gioco anche senza casinò.<br />
<br />
Un consiglio che posso dare a tutti è quello di non giocare neanche un centesimo su nulla di nulla.<br />
<br />
Ovviamente è un consiglio che dò ai non giocatori. Non iniziate, sennò è come con la droga. C\'è l\'escalation inarrestabile fino alla rovina.<br />
<br />
I giocatori invece sono irrecuperabili.

francesco piccolelli sostenitore del PDL

Finalmente si muove qualcosa!!!!!!!!!! <br />
vorrei esprimere i miei complimenti a quel pool di operatori turistici per la proposta (semmai si approverà in giunta) di dare una boccata di ossigeno a questa città che turisticamente vive in uno stato di coma cerebrale, e il sindaco Angeloni e co. non mi vengano a dire che sono dichiarazioni di un sostenitore di destra,qui la politica non c\'entra,qui c\'entra il futuro di una città(che in se ha storia,religione,cultura,figli illustri),c\'entra il futuro di imprese turistiche ,di gente che vive aspettando che la pioggia ed il freddo lascino il posto alla soffice brezza del mattino ,al torbido caldo,al sorriso di un turista,un turismo che si tocca solo col summer jumboree(per fortuna),sul finire della stagione estivae invece ci ingannano con falsi risultati dichiarando senigallia \"CAPITALE\"del turismo con un aumento degli stranieri negli ultimi anni ,ma loro credono che i cittadini siano stupidi?spero di no!vadano a raccontarlo al cittadino che ogni anno vede diminuire le richieste di prenotazione vacanziera... <br />
Vorrei \"sparare\" e non mi si prenda in parola,anche su quella parte di città che è favorevole a questo stato di turismo comatoso,vi racconto l\'utima pochi gg fa parlavo con dei cittadini \"sicuramente facevano parte di qs cerchia\"di turismo ed ad un certo punto concludono dicendo:>la ns città non ha bisogno di innovarsi turisticamente al senigalliese il turista è come il pesce dopo 2/3gg inizia a puzzare come il pesce<a qs riposta ho capito lo stato di degrado che vigila nei meandri dell\'ignoranza di qs persone;ma tornando al discorso mi chiedo:la mia cara città cos\'hà di tanto diverso rispetto a una città(e non me ne vogliano i cittadini per carità di DIO)come RIMINI,CATTOLICA,RICCIONE,forse hanno quell\'neurone in più che li tiene sempre in costante aggiornamento sul piano del divertimento????? lasciate che mi risponda da solo:SI l\'hanno! un divertimento che a noi giovani ci è negato (vedi alcuni locali che sono stati costretti a chiudere o a cambiare la loro idea di proposta di innovazione per colpa di reclami che denunciavano il voume alto di musica)ma sono stati anche giovani loro o no? ma se fossi padre sarei contentissimo sapere di avere mio/a figlio/a in città che si diverte magari in qualche discoteca invece di passare le pene dell\'inferno ogni stramaledetto sabato sera sperando di vederlo/a tornare a casa,concludo affermando: ben venga il casinò che porterebbe ricchezza,ma ben vengano anche iniziative che diano ai giovani la possibilita di godersi la propria città! <br />
La giunta Angeloni ha fallito e la città l\'ha capito,prima di pensare ai propri interessi,rivordatevi che il politico è un dipendente al servizio del cittadino e non il contrario anche perchè cittadini siete anche voi.

Be se questa è una delle risposte alla crisi \"complimenti\". Io sono un emerito sig. nessuno che come tanti deve far quadrare il bilancio tutti i mesi. Mi spiegate in che modo ci viene utile questo casinò, che periodicamente ritorna alla ribalta sui quotidiani, se non ha darci false speranze di GLORIA???

francesco piccolelli sostenitore del PDL

Commento sconsigliato, leggilo comunque

francesco piccolelli sostenitore del PDL

mi dispiace ma non vedo il nesso tra la proposta di poter incentivare il turismo e il suo bilancio se per lei queste iniziative che porterebbero un aumento di posti di lavoro, ad un arricchimento alla città, allora la crisi ci fa bene

il casinò è una vergogna, perchè è ostentazione del lusso, furto di un luogo cittadino da dare in pasto a dei ricconi, richiamo per le mafie economichev con relativi giri di sesso e droga, ovviamente di qualità e lusso. infine, è un insulto che in tempi di crisi economica si punta a costruire strutture che arricchiscono solo chi già lo è ampiamente, e noi senigalliesi normali ci passeremo davati, guardando le vetrate luccicanti e sfarzose senza potercelo mai permettere.<br />
vergognatevi per come svendete il territorio.

Commento modificato il 15 marzo 2009

Sono totalmente d\'accordo col Mezza. E già questo è un evento.<br />
<br />
Probabilmente chi sostiene che un eventuale casinò porterebbe ricchezza per Senigallia ha ragione, ma ciò non toglie che sia comunque un insulto a chi lavora per arrivare, a stento, a fine mese.<br />
<br />
L\'Italia è, e spero rimanga, una Repubblica fondata sul lavoro.<br />

Allora aboliamo tutti i giochi d\'azzardo , tanto si arricchisce solo chi è già ricco ,,, anche il lotto, perchè ci guadagna solo quel riccone dello stato ... sesso e droga nei casinò ? a saperlo prima li spendevo diversamente i soldi quando ci sono andato ...

Perché porta criminalità...<br />
Non ne abbiamo bisogno a Senigallia!

\"giovani che ogni sacrosanto fine settimana si vedono costretti a lasciare la propria città per cercare divertimento fuori...\"<br />
<br />
Ma quando mai????<br />
Senigallia è piena di locali che fino alle prime ore del mattino sono affollati di giovani.<br />
Sia in inverno che in estate.<br />
Fatto mai un giro di notte in piazza del Duca o al lungomare?<br />
<br />
Non se ne può più di queste frasi fatte e di polemiche lanciate tanto per fare!<br />
<br />
Una volta, a Senigallia non c\'era vita notturna, da qualche anno a questa parte non si può dire proprio...<br />
<br />
Addirittura \"costretti\"!<br />
<br />
Ma mi faccia il piacere!

Assolutamente d\'accordo con Serse!<br />
Finalmente qualcuno che dice qualcosa di sensato!<br />
<br />
Quando si sarà instaurata la criminalità legata al casinò, questa sì che porterà degrado, i sostenitori del casinò poi cosa faranno.... le ronde?

Per quello che può contare io i giochi d\'azzardo li abolirei tutti, a cominciare dal gratta e vinci fino al lotto e ai videopoker.

l.m.

evidentemente <br />
il saffo e\' giovane<br />
e non puo\' ricordare nulla della nostra movida.<br />
senigallia prima che arrivassero i brenni dai paeselli era una ridente localita\' con ben 8 otto discoteche, dancing e, balere.<br />
ora tutto questo non esiste piu\'.<br />
<br />
e sono convinto sempre piu\' che i nostri ragazzi per cercare un sano divertimento che non sia solo il \"bere\" debbano lasciare la nostra ex ridente cittadina.

l.m.

Sig. Serse<br />
lo sa\' che tra i propietari del gratta vinci,<br />
del lotto, delle case dei bingo,<br />
ci sono nomi dei nostri parlamentasri <br />
tipo<br />
dalema veltroni ecc.ecc<br />
comunque noi residenti non abbiamo accesso per legge alle sale da gioco.<br />
e non mi pare che Campione San Remo Venezia e,San Vincent sedi di casino\' abbiano problemi con realta <br />
banditesche.

Commento modificato il 16 marzo 2009

I problemi che secondo alcuni di voi sarebbero causati dal casinò sono falsi problemi. Invenzioni letterarie.<br />
<br />
Non mi risulta che St. Vincent, San Remo, Venezia etc. siano città conosciute per \"mafia economica, sesso e droga\". Anzi, nell\'immaginario collettivo e nella realtà sono splendide località, rese famose proprio dalla presenza del casinò (e nel caso di Venezia anche per molto altro). <br />
<br />
Sesso? Le puttane a Senigallia pullulano anche senza casinò. Droga? La droga la si spaccia ovunque anche senza casinò.<br />
<br />
Quindi se la si guarda sul lato dei vantaggi turistici che il casinò può portare alla città non ci sono dubbi. I vantaggi ci sarebbero e sarebbero enormi.<br />
<br />
Il problema è un altro. <br />
Il problema è il gioco in sè.<br />
<br />
A me i turisti non interessano.<br />
M\'interessano le persone.<br />
<br />
E il gioco rovina le persone.<br />
<br />
Il gioco è peggio della droga, è peggio delle puttane ed è peggio della mafia economica che non so manco che cazzo sia.<br />
<br />
State lontani dal gioco.<br />
Il gioco uccide.

Fu Veltroni, allora Ministro dei Beni Culturali, ad inventarsi l\'estrazione del lotto del mercoledì per finanziare il restauro dei monumenti.<br />
<br />
Come curarsi il raffreddore iniettandosi cianuro.

...e perché un casinò dovrebbe portare soldi a tutta la città? Qualcuno me lo spiega? L\'avete studiata la tipologia del giocatore d\'azzardo? Magari, se passa la proposta della Carfagna sulle case chiuse, ne potrebbe portare di più un casino. Pensate... le donne ignude che corrono nel parco del Mom (sede ideale) inseguite da un cummenda con la panza che ha detto alla moglie che andava a portar fiori alla nonna. Delizioso! <br />
<br />
Urge una analisi \"costi-benefici\", Campanile, per capire su quale malattia e debolezza umana conviene far leva per terminare il marciapiedi di via Bari, la nuova rotatoria dell\'Ospedale o il ponte levatoio delle mura. Le elezioni incombono...

Se l\'iniziativa del Casinò a Senigallia parte con un \"si può fare\" state tranquilli che non va proprio da nessuna parte. La storia recente insegna....

pienamente daccordo....l\'unica novità vista a Senigallia quest\'anno è stata la minipista di pattinaggio sul ghiaccio...per il resto il weekend a Senigallia significa girare per bar a bere o andare a dormire....non c\'è altro....

Paolo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

e la mia idea?!?! quella di farci un coffee shop?<br />
sai la gente! E che spinta al turismo! altro che Amsterdam!<br />
Tanto sono meno drogati quelli che si fanno le canne di quelli che si rovinano al casinò!<br />
Proprio una bella idea....che tristesse!!!

john

Commento sconsigliato, leggilo comunque

john

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Sara Melchiorre

Caro L.M.<br />
<br />
non so se abbia mai letto la relazione sul gioco d\'azzardo e l\'usura del 2000, credo proprio di no visto il suo commento!<br />
<br />
Bé, da molto prima di questo rapporto sono conosciuti i legami tra il gioco d\'azzardo e l\'usura e con tutto ciò che questo comporta. <br />
<br />
Quello che bisognerebbe valutare, a parte considerazioni più o meno scontate sulla pericolosità del gioco, è se lo Stato a parte promuovere sempre nuove vie di accesso al gioco (tre estrazioni del lotto, nuovi Casinò, videopoker in tutti i bar, etc..) non investa dei fondi anche per promuovere il gioco responsabile per favorire programmi di sensibilizzazione e di prevenzione e perchè non affidi il trattamento delle persone con problemi di gioco a professionisti, creando unità specializzate per il trattamento del gico patologico a livello pubblico (ospedali), così come esistono tali unità specifiche negli ospedali per le dipendenze da sostanza.<br />
<br />
Invece di affidarci al senso comune, affidiamoci ai risultati di studi internazionali, che dimostrano che nei paesi in cui la promozione delle offerte del gioco è maggiore aumentano le percentuali della popolazione con problemi di gioco (vedi studi R. Volberg).<br />
<br />
Non dobbiamo essere ingannati dal fatto che le percentuali di giocatori patologici rappresentano solo una esigua parte della popolazione mondiale, perchè dobbiamo considerare che le conseguenze del gioco problematico e patologico si ripercuotono in primo luogo sulle famiglie e tardivamente sulla società: i costi sociali della dipendenza da gioco sono enormi.<br />
<br />
Sara Melchiorre<br />
Psicologa Unità gioco patologico,<br />
Ospedale di Matarò, Spagna.<br />

Finalmente una che ne capisce e che sa che il gioco è malattia pura.